Capelli folti con il metodo combinato

140
capelli lunghi e folti

Quanti di voi desiderano una bella chioma folta, sinonimo di buona salute? Con il metodo combinato è possibile infoltire i capelli e con risultati immediati e duraturi. Periodi di forte stress e tensioni, l’assunzione di alcune categorie di farmaci, variazioni di peso e ormonali, gravidanza e prodotti aggressivi sono le situazioni tipiche che portano al danneggiamento della chioma, che non appare più folta e lucente, ma diradata e spenta.

Questi fattori, oltre a una predisposizione genetica, possono essere anche una delle cause principali della caduta. Sapevate che la calvizia può interessare anche le donne? Leggi calvizia femminile e maschile e prevenire la caduta dei capelli.

La medicina estetica interviene in modo mirato per donare alla chioma una lucentezza nuova. I capelli torneranno ad essere folti e pieni di salute, allontanando il rischio di fragilità, debolezza e opacità. Si tratta di trattamenti mirati e non invasivi a base di anidride carbonica associate a punturine di rivitalizzazione.

Il metodo in questione è detto “combinato” per l’associazione di due tecniche efficaci e mirate all’infoltimento della chioma: carbossiterapia e biorivitalizzazione. Le due tecniche vanno insieme e non possono prescindere l’una dall’altra. Vediamo in cosa consistono e come si svolgono le sedute.

Carbossiterapia per rendere i capelli folti

Il primo trattamento del metodo combinato per rendere più folti i capelli si chiama carbossiterapia e consiste nella stimolazione della circolazione del cuoio capelluto. La tecnica consiste nell’immettere sottocute anidride carbonica con aghi molto sottili.

Questa prima mossa provoca una migliore vascolarizzazione del cuoio e una maggiore ossigenazione del bulbo pilifero. Il gas emesso è sicuro e controllato dalla Comunità europea. E’ un gas sterile e non tossico in grado di non far sentire alcun dolore durante la seduta. L’iniezione di anidride carbonica è localizzata solo nella zona d’interesse.

Si procede alla carbossiterapia dopo aver disinfettato il cuoio capelluto.

Biorivitalizzazione per rendere i capelli folti

La seconda tecnica del metodo combinato consiste nell’iniettare direttamente nel cuoio capelluto sostanze specifiche per ogni tipologia e problema dei capelli. L’iniezione viene fatta con dei microaghi e le sostanze immesse sono:

  • acido ialuronico
  • Vitamine del gruppo B
  • aminoacidi
  • zinco

Tutte sostanze utili per contrastare la caduta dei capelli (in particolare del fusto), per ristrutturare, reidratare, rinforzare e normalizzare il cuoio capelluto. Le sostanze della biorivitalizzazione vengono iniettate con gli aghetti vicino alla radice del capello e solo dopo aver ossigenato con la carbossietrapia.

La seduta dura circa 30 minuti e può causare lievi rossori e gonfiori che spariscono da soli dopo qualche giorno. Si consiglia di sottoporsi al metodo combinato e ai suoi trattamenti solo in centri accreditati e dove siano presenti medici esperti.

Sono necessarie almeno 10 sedute (come indicato dal protocollo), ma in base al problema del capello e ai consigli degli esperti possono durare anche meno. In ogni caso i capelli saranno visibilmente più folti già dopo 3/4 sedute del metodo combinato. In questo periodo è possibile visionare anche un rallentamento della caduta del capello e una sana ricrescita.

I costi delle sedute del metodo combinato si aggirano intorno ai 200 euro ma dipendono dal centro a cui ci si rivolge. I prezzi possono oscillare dai 150 fino ai 250 euro a seduta.

Cos’è la stimolazione meccanica?

Alcuni soggetti possono decidere autonomamente di non ricorrere ancora al metodo combinato, ma sottoporsi solo alla stimolazione meccanica per rinforzare il capello. Questo metodo, da effettuare da solo, si chiama Needling Oxy, ovvero si utilizza un rullo con aghi di acciaio per erogare ossigeno e nutrire in profondità il cuoio capelluto.

La seduta si svolge dapprima con un massaggio della cute per poi procedere alla seconda fase di disinfezione della cute e multipli passaggi del Needling. La terza e ultima fase consiste nella veicolazione del siero nutriente e propulsione di ossigeno. Il needling è applicato anche per un altro problema comune alle donne, le smagliature (leggi Needling-pen).

I costi si aggirano dai 100 ai 200 euro e se ne consigliano 2/3 al mese per almeno un trimestre (quindi sei in tutto). Si consiglia di sottoporsi al metodo combinato o a questo singolo processo di ossigenazione o in inverno o nel periodo primaverile.