Come fare il cambio di stagione e non avere odore di muffa nell’armadio

479
cambio-di-stagione-vestiti

Con l’arrivo della primavera e delle belle giornate, arriva anche il momento di mettere da parte tutti i maglioni e i cappotti invernali per fare spazio agli abiti freschi e leggeri adatti per la bella stagione.

Sebbene possa essere considerata un’attività noiosa, fare il cambio stagione è davvero importante per fare ordine nei nostri armadi e pulirli a fondo.

Inoltre, è utile per liberare gli armadi dai cattivi odori, quali l’odore di muffa che si forma a causa di abiti che non indossiamo da un bel po’ oppure a causa di capi che sono stati riposti nell’armadio ancora umidi.

Ma niente paura! Ecco tutti i consigli per avere un armadio super organizzato e profumato in questo cambio stagione!

Svuotare l’armadio

Innanzitutto, bisogna svuotare l’armadio per poi decidere cosa tenere e cosa mettere da parte.

Rimuovete, quindi, tutti i vostri capi invernali dall’armadio e fate una selezione dei capi che vi piacciono di più, che sono in buone condizioni e che valorizzino il vostro corpo.

Scegliete, poi, qualche capo più pesante da tenere nell’armadio che vi potrà servire se dovesse tornare il freddo all’improvviso o nelle giornate con temperature più basse.

Approfittate di questo cambio stagione anche per “gettare via” o donare capi che non avete indossato per molto tempo. Vi consigliamo sempre di donarli così da evitare sprechi e compiere una buona azione.

Per tutti gli altri capi, invece, conservateli in sacchetti diversi e riponeteli in alcune scatole o nel comparto superiore dell’armadio che non utilizzate.

È consigliabile dividere i capi in base alla loro tipologia (per esempio: top eleganti, maglioni o gonne) così da trovarli più facilmente all’occorrenza.

Se volete, poi, proteggerli dalla polvere, vi basterà metterli in dei sacchetti sotto-vuoto prima di posarli in una scatola.

Consigli per pulirlo

Pulire l’armadio…sembra scontato ma non lo è! Spesso, infatti, ci soffermiamo più sulla parte esterna senza considerare l’interno.

Il cambio stagione, quindi, può essere l’occasione giusta per procedere con una pulizia profonda in grado di eliminare l’odore di muffa.

Innanzitutto, è importante sapere che la causa principale alla base della formazione della muffa è l’umidità. Se dovessero esserci delle reali tracce di muffa, potete agire tempestivamente con i rimedi naturali.

Ricordate, però, che potete intervenire solo se si tratta di macchie piccole e non invasive; evitate di inalarla poiché può essere rischiosa per la salute.

Preparate, quindi, una miscela con:

  • 1 litro di acqua
  • 3 cucchiai di sale fino
  • 3 cucchiai di bicarbonato
  • 3 cucchiai di acqua ossigenata

Sciogliete il tutto e versatelo in uno spruzzino. Vaporizzate la miscela sulla piccola macchia di muffa.

Per la pulizia di tutto l’armadio, invece, potete utilizzare una soluzione composta da acqua calda e mezza tazza di aceto.  Se preferite, aggiungete a questa miscela anche qualche goccia di olio essenziale scorze di agrumi.

Immergete, quindi, un panno nella soluzione così ottenuta e passatelo sulle ante interne e sui ripiani dell’armadio. Solo quando l’armadio sarà ben asciutto, potete inserire di nuovo i vostri capi.

Attenzione! Ricordate che per macchie ingenti di muffa occorre consultare un professionista.

Come prevenire la muffa

Una volta visto come fare il cambio di stagione e come pulire l’armadio e rimuovere anche eventuali tracce di muffa, vediamo insieme come prevenire la sua formazione.

Capi asciutti

Come abbiamo già detto, l’umidità è la causa principale della formazione di muffa nei nostri armadi; è importante, perciò, mantenere il tasso di umidità sempre molto basso.

Per questo, accertatevi sempre che i capi siano completamente asciutti prima di riporli nei vostri guardaroba. L’umidità negli indumenti, infatti, può accelerare la crescita della muffa.

Farli arieggiare

Un altro modo per prevenire la formazione della muffa nei vostri armadi è quello di farli arieggiare il più possibile.

La muffa, infatti, tende ad apparire dove c’è un eccessivo tasso di umidità e uno scarso ricambio di aria. Perciò, è consigliabile far arieggiare un paio di volte al giorno il vostro armadio.

Aprite, quindi, le ante e lasciatele aperte per circa 5 minuti. Inoltre, vi consigliamo di svuotare l’armadio e pulirlo accuratamente una volta al mese così da eliminare tutti i residui di polvere.

Per la pulizia, utilizzate l’aceto bianco diluito con acqua. Immergete un panno nella soluzione e passatelo sulle superfici interessate.

In seguito asciugate bene con un asciugamano e accertatevi sempre che il vostro armadio sia completamente asciutto prima di riporre i vostri capi al suo interno.

Deumidificatori naturali

Se avete problemi di umidità in casa, vi consigliamo di utilizzare un condizionatore o un deumidificatore così da eliminare l’umidità in eccesso dall’aria.

Potete, però, utilizzare dei deumidificatori naturali anche nei vostri armadi.

Un rimedio molto semplice ed economico per evitare l’umidità negli armadi è quello di prendere dei piccoli sacchetti di cotone e di inserire dei gessetti da lavagna.

Collocare, poi, questi sacchetti nei vari punti dell’armadio o nei cassetti. Il gesso assorbirà l’umidità in eccesso ed eviterà la formazione di muffe.

Un’altra alternativa, poi, è quella di riempire i sacchetti di riso e di alcuni fiori secchi. Il riso è, infatti, un deumidificatore naturale molto efficace. Vi consigliamo di sostituire i sacchetti una volta al mese.

In alternativa potete assorbire l’umidità degli armadi con del semplicissimo sale grosso, da mettere in un vasetto e cambiare ogni volta che lo sentite umido al tatto.

Profumatore antimuffa

Infine, vediamo insieme un rimedio naturale in grado non solo di eliminare e assorbire l’umidità ma anche di profumare il vostro armadio.

Questo prodotto antimuffa è davvero semplice da realizzare e necessita di ingredienti che sicuramente avrete in casa o, in ogni caso, facili da reperire.

Prendete, quindi, 2 arance o 2 mandarini e sbucciateli. A questo punto, lasciate essiccare le bucce in un luogo asciutto e buio per circa un mese.

Dopodiché inserite le bucce d’arance o di mandarino in alcuni sacchetti di tela o cotone e aggiungete anche dei chiodi di garofano.

L’umidità sarà assorbita dai sacchetti e, al contempo, il vostro armadio sprigionerà un forte profumo di freschezza!

Avvertenze

Vi consigliamo (nel caso della pulizia) di provare sempre prima in un angolino nascosto.

Inoltre, vi consigliamo di consultare uno specialista in caso di muffe già formate nel vostro armadio. Le muffe, infatti, possono essere dannose per la vostra salute.

Addio muffa!

Se volete altri consigli per prevenire ed eliminare la muffa in casa vostra, ecco altri post interessanti:

Nata a Napoli, sono laureata in Lingue e comunicazione interculturale. Appassionata di lettura, di musica, di serie tv e di tutto ciò che riguarda la bellezza, la cosmesi naturale, e il benessere green.