Come fare Patch contorno occhi fai da te

10132
patch-contorno-occhi-fai-da-te

Ogni giorno noi donne dobbiamo fare i conti con una serie di inestetismi che per noi sono fastidiosi e antiestetici. E le borse e le occhiaie fanno parte proprio di questa categoria.

Molto spesso non è soltanto una questione di predisposizione genetica. Basta una notte insonne, alimentazione errata o un periodo particolare di stress e subito notiamo i nostri occhi gonfi e spenti.

In commercio esistono molti rimedi. Tra questi, i patch sono molto apprezzati da coloro che purtroppo devono lottare contro questi inestetismi.

I patch eyes sono delle maschere a forma di mezzaluna che vengono, appunto, applicate sulla zona del contorno occhi. Ma forse non sapevate che potete realizzarli comodamente anche a casa vostra, con ingredienti naturali ed economici.

Ecco perché oggi vogliamo proporvi dei suggerimenti su come preparare del patch occhi fai da te! Vi accorgerete che è molto semplice e non c’è bisogno di spendere tanto denaro!

Patch con dischetti di cotone

Il metodo più semplice ed economico per poter realizzare delle patch occhi fai da te include (..rullo di tamburi) dei semplici dischetti di cotone!

Vi basta prendere un dischetto e dividerlo a metà con un paio di forbici. Vediamo insieme come utilizzarli.

Tè verde

La prima ricetta che vogliamo proporvi ha come protagonista il tè verde!

Questa tipologia di tè è ricca di sostanze antiossidanti, come polifenoli e bioflavonoidi, che contrastano l’azione dei radicali liberi e l’invecchiamento cellulare.. Un vero e proprio anti-age naturale!

Inoltre grazie alle sue proprietà svolge un’azione riposante e sgonfiante, il che lo rende perfetto in caso di borse sugli occhi.

Per preparare i patch al tè verde, vi occorre far bollire 2/3 dita di acqua (possibilmente minerale, per evitare la presenza del calcare). Aggiungete una bustina di tè e lasciatela in infusione per circa 5 minuti.

Quando il liquido sarà raffreddato, lasciatelo un po’ in frigo. Poi immergete i dischetti divisi a metà in modo che si imbevano completamente. Strizzateli leggermente e poneteli su un piattino

A questo punto, potete metterli nel freezer per qualche minuto e in seguito poggiarli sulla zona del contorno occhi.

L’effetto del freddo più le proprietà benefiche del tè verde doneranno subito sollievo al gonfiore!

N.B. Se lo desiderate, al liquido raffreddato potete aggiungere 2 gocce di olio di Argan, noto per le sue proprietà elasticizzanti e anti-invecchiamento.

Camomilla

Se volete che i vostri patch abbiano un effetto calmante e lenitivo sul vostro contorno occhi, potete scegliere di usare la camomilla.

La camomilla è uno scrigno di virtù per il benessere del nostro organismo e la bellezza della nostra pelle.

Svolge un’azione rinfrescante e schiarente. I fiori essiccati di camomilla vengono molto apprezzati proprio per il loro effetto decongestionante. Dopo una giornata piena, dove i nostri occhi lasciano trasparire una chiara stanchezza, possiamo servirci di questo rimedio naturale.

Per realizzare i patch alla camomilla, dobbiamo eseguire il medesimo procedimento dei patch al tè verde, sostituendo il tè con quest’altra bevanda.

Aloe vera

Per preparare i patch all’aloe, occorrono:

  • 1 cucchiaino di idrolato di fiordaliso (o anche di idrolato di camomilla)
  • 2 cucchiaini di gel d’aloe vera
  • 1 dischetto di cotone, tagliato a metà

Anche questo procedimento risulta molto facile da fare. In una ciotola, versare il gel d’aloe e l’idrolato di fiordaliso (o camomilla). Mescolare per qualche minuto fino a quando il composto non risulterà omogeneo.

Dopodiché potete immergere i dischetti con il gel ottenuto. Per beneficiare ancora di più delle sue virtù, tenetelo in frigo almeno un paio di ore prima dell’utilizzo.

L’idrolato di fiordaliso svolgerà un’azione antinfiammatoria sui vostri occhi. Inoltre, grazie alla presenza dell’aloe, lenitivo naturale, la zona risulterà idratata e riposata.

Alternative ai patch occhi

Può capitare che in casa possano mancare i dischetti di cotone, o magari vogliamo servirci di metodi diversi per contrastare le borse e le occhiaie.

Niente paura, la natura accorre sempre in nostro aiuto fornendoci tantissime alternative!

Buccia di patata

Le bucce di patata sono molto note per le loro proprietà cosmetiche. Una volta tagliate, assumono proprio la forma di patch naturali!

Utili non solo in caso di scottature domestiche, svolgono un’azione calmante e lenitiva nonché schiarente. Dopo aver tagliato la buccia di una patata, ponetela in frigo per qualche minuto.

Dopo di che possono essere applicate sulla zona del contorno occhi per sgonfiare ed alleviare gli inestetismi.

Cetriolo

Anche le bucce dei cetrioli non sono da meno! Grazie al loro alto contenuto di acqua e alla presenza di alcune sostanze come lo zolfo, i cetrioli idratano profondamente il contorno occhi donando immediato relax.

Se volete, potete anche preferire le classiche fettine di cetriolo e poggiarle sull’intero occhio.. Un classico!

Burro di Karité

Il burro di karité è molto apprezzato in cosmetica poiché è un burro molto versatile. Idrata la pelle profondamente e la protegge da agenti esterni, come anche il vento o il freddo.

Se non amate i patch, potete anche scegliere di preparare un trattamento naturale idratante al burro di karité, unendolo a dell’olio di avocado o anche olio di cocco.

Con il burro di karitè si può preparare anche un siero contorno occhi fatto in casa.

Controindicazioni

La zona del contorno occhi è molto delicata, quindi si sconsiglia di utilizzare i prodotti indicati in caso di allergie o ipersensibilità a una o più componenti.

Consultare il proprio dermatologo in caso di pelli particolarmente sensibili o problematiche. Chiedere il parere del proprio medico anche in caso di gravidanza o allattamento.

Giuliana Mele
Laureata in Lingue, Lettere e Culture comparate presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”. Con la danza nel cuore e nell’anima, resto affascinata da ogni forma d’arte. Divoratrice di libri e musica e da sempre appassionata di benessere, cosmetica bio e rimedi naturali.