Basta una Pallina con i Fogli d’alluminio per pulire 5 Cose in Casa

183
pallina-alluminio

Ci sono dei prodotti che già abbiamo in dispensa, in grado di venire in nostro soccorso nella pulizia domestica ecologica, senza dover ricorrere a detersivi commerciali.

È il caso dei fogli di alluminio, che solitamente utilizziamo in cucina per conservare i cibi, i quali possono essere utilizzati per vari usi in casa.

Se, quindi, avete utilizzato un foglio di alluminio e dovete gettarlo via, non fatelo! Oggi, infatti, vedremo insieme come usare una pallina con i fogli di alluminio per pulire casa!

In lavatrice

Innanzitutto, è possibile utilizzare i fogli di alluminio in lavatrice, come sostituto dell’ammorbidente, in quanto l’alluminio diminuisce l’elettricità statica degli indumenti e facilita il movimento meccanico della lavatrice.

Con le mani, quindi, appallottolate un foglio di alluminio fino a formare una sorta di pallina dalla dimensione del nostro pugno. Dopodiché, non vi resta che utilizzarla in lavatrice, nel cestello insieme agli indumenti e avviare il ciclo di lavaggio.

L’unico problema sta nell’utilizzo dell’alluminio a contatto con alte temperature, le quali potrebbero favorire il rilascio di sostanze nocive nell’ambiente e sui capi. Pertanto, vi consigliamo di utilizzare sempre l’alluminio usato in precedenza per coprire o imballare prodotti alimentari. Vi basterà lavarlo e poi appallottolarlo come vi abbiamo spiegato in precedenza.

I vostri capi saranno morbidi come non mai!

Alluminio per disincrostare le pentole

Quante volte vi è capitato di dimenticare per un po’ la pentola sul fuoco e di ritrovarvi, poi, delle strisce nere o delle incrostazioni per niente belle da vedere? Immagino spesso!

Sarete felici di sapere, però, che vi basta una pallina fatta con i fogli di alluminio per far tornare le vostre pentole come nuove! Iniziate, quindi, con il realizzare una sorta di composto pastoso mescolando insieme il sale, l’aceto, il limone e la farina e applicatelo, poi, sull’incrostazione presente sulla pentola.

Lasciate per un po’ in posa, in modo che possa ammorbidirla, dopodiché prendete una pallina di foglio di alluminio e strofinate sulla macchia per mandare via tutto lo sporco in un batter d’occhio! La funzione abrasiva dell’alluminio farà sì che possa essere un sostituto della spugnetta o della paglietta!

Alluminio per pulire le griglie del forno

I fogli di alluminio possono fungere da spugnetta per rimuovere non solo le incrostazioni sulle pentole, ma anche quelle che si formano sulle griglie del forno, del barbecue o dell’angolo cottura! Anche in questo caso, quindi, vi basta accartocciare un foglio di alluminio, fino ad ottenere una pallina e strofinarla, poi, sulle griglie ancora calde o intiepidite.

Per un effetto più efficace, vi consigliamo di mettere in ammollo le griglie in una bacinella o nella vaschetta del lavandino contenente acqua calda e una goccia di detersivo per piatti e procedere, poi, con la pallina di alluminio, la quale sarà in grado di disincrostare le griglie senza utilizzare detergenti aggressivi.

Alluminio per togliere la ruggine

Un altro incubo della nostra casa è la formazione della ruggine su alcune superfici di ferro, a causa del processo di ossidazione. Non di rado, infatti, troviamo queste macchie sui rubinetti. Per fortuna, però, è possibile utilizzare una pallina di alluminio e strofinarla sulla macchia di ruggine.

Ovviamente, però, questo rimedio può essere efficace su macchie più piccole ma non su quelle più ostinate. La ruggine sarà solo un brutto ricordo!

N.B Fate attenzione a non graffiare la superficie.

Alluminio per lucidare l’argento

Infine, i fogli di alluminio possono essere utili anche per pulire il vostro argento e rimuovere le macchie di nero che spesso si formano sull’argenteria. In questo caso, non dovrete appallottolarli, ma munirvi di un foglio di alluminio e 2 cucchiai di sale grosso da cucina.

Mettete, quindi, un foglio di alluminio sul fondo di un recipiente o un secchio con il lato lucido rivolto verso l’alto, dopodiché, riempite il contenitore con acqua molto calda e aggiungete due cucchiai di sale grosso da cucina. Per un’azione più efficace, potete anche aggiungere due cucchiai di bicarbonato di sodio nella soluzione.

Versate, quindi, i vostri pezzi di argento nell’acqua e accertatevi che il liquido li copra completamente. Lasciateli in ammollo per circa 3 minuti, poi rimuovete con attenzione la vostra argenteria, risciacquatela e asciugatela con un panno morbido.

N.B In entrambi i casi, vi preghiamo di fare attenzione all’utilizzo dell’acqua calda e di non scottarvi.

Nata a Napoli, sono laureata in Lingue e comunicazione interculturale. Appassionata di lettura, di musica, di serie tv e di tutto ciò che riguarda la bellezza, la cosmesi naturale, e il benessere green.