Come pulire correttamente lo spazzolino da denti!

10532

A volte perdiamo ore e ore a scegliere il modello più adatto e poi non ce ne prendiamo cura!

Lo spazzolino è il miglior alleato per l’igiene orale, uno strumento fondamentale nella nostra routine quotidiana che ci aiuta ad avere denti sani e un sorriso smagliante.

Quello che però sembra un oggetto sempre pulito, perché a contatto ogni giorno con l’acqua, rischia spesso di riempirsi di microrganismi che possono aumentare la probabilità di infezioni alla bocca.

Sciacquare lo spazzolino dopo averlo usato, infatti, serve solo a rimuovere eventuali frammenti di cibo, ma non elimina germi, batteri e virus che possono accumularsi tra le sue setole e che possono provenire sia dalla nostra bocca sia dall’ambiente del bagno.

Un esempio su tutti è il virus herpes simplex di tipo 1, che può facilmente essere presente sui nostri spazzolini e arrivare alle nostre bocche, manifestandosi nel fastidiosissimo herpes labiale.

Ma come fare per pulire lo spazzolino da denti ed evitare che germi e batteri proliferino tra le sue setole?
Vediamo insieme le soluzioni migliori!

Limone e bicarbonato di sodio

Se volete una pulizia profonda e veloce, vi basterà mettere un pizzico di bicarbonato di sodio e delle gocce di succo di limone in un bicchiere d’acqua calda.

Poi metteteci dentro lo spazzolino, con le setole rivolte verso il basso, e lasciatelo immerso per circa 15 minuti. Mi raccomando, controllate che l’acqua non sia bollente, altrimenti rovinerete le setole!

Una volta tolto dal bicchiere, sciacquate lo spazzolino con acqua fredda.

Il succo di limone è infatti un potente antisettico e battericida naturale. La sua azione, combinata con quella del bicarbonato di sodio, contribuisce ad eliminare la quasi totalità dei microrganismi presenti sul nostro spazzolino.

Collutorio

Un altro semplice metodo per pulire lo spazzolino è quello di immergerlo in collutorio alla clorexidina diluito in un bicchiere d’acqua.

Sarà sufficiente tenere lo spazzolino in immersione per 30/40 minuti e poi risciacquarlo.
La clorexidina, che viene normalmente impiegata per disinfettare le gengive, ha un’altissima forza battericida. In più, lascia lo spazzolino profumato e fresco.

Acqua ossigenata

Uno dei migliori alleati che possiamo avere nel disinfettare gli oggetti in casa, l’acqua ossigenata può essere utilizzata anche per lavare il nostro spazzolino.

Usarla è semplice: anche in questo caso mescolatela insieme all’acqua calda in un bicchiere e lasciateci lo spazzolino in immersione per 2/3 ore.

Poi risciacquatelo, facendo attenzione a frizionare per bene tutte le setole.

Il vostro spazzolino sarà così di nuovo pulito come quando lo avete acquistato!

Pulire lo spazzolino elettrico

Lo spazzolino elettrico può essere pulito negli stessi modi dello spazzolino tradizionale.
State attenti, però, a non immergere totalmente in liquidi la parte dello spazzolino in cui infilate le batterie per il funzionamento, altrimenti potreste romperlo!

Se la parte con le setole dovesse essere particolarmente piccola, per non rovinarla è meglio utilizzare il metodo con limone e bicarbonato di sodio, più delicato rispetto agli altri, ma ugualmente efficace.

Nella maggior parte dei modelli potete staccare la parte superiore dello spazzolino (quella con le setole) e lavare solo quella.

Suggerimenti utili

Per mantenere lo spazzolino sempre pulito, seguite alcune semplici indicazioni.

  • Non conservate lo spazzolino nello stesso contenitore insieme ad altri: quando le setole sono vicine, infatti, possono essere contaminate dai microrganismi presenti su uno spazzolino non vostro!
  • Lavate il porta spazzolino almeno una volta la settimana: spesso sul fondo del porta spazzolino si accumula dell’acqua che può portare alla formazione di muffe.
  • Riponete lo spazzolino in posizione verticale: solo così, infatti, l’acqua scenderà più facilmente dalle setole permettendo allo spazzolino di asciugarsi più in fretta.
  • Usate sempre un cappuccio in plastica che copra le setole: prima di metterlo, però, assicuratevi che le setole siano asciutte, per evitare che restino bagnate favorendo lo sviluppo di batteri. Inoltre preferite sempre dei cappucci forati, che aiutano lo spazzolino ad asciugarsi meglio.
  • Infine, il consiglio più semplice ma più importante. Lavatevi sempre le mani prima di lavarvi i denti! I batteri presenti sulle mani sporche, infatti, possono facilmente attecchire sugli spazzolini e arrivare così alla vostra bocca!

Altri consigli utili

Ecco i nostri consigli per voi!

Gianluca Grimaldi
Nato a Napoli, sono laureato in giurisprudenza. Da sempre sono appassionato di prodotti biologici, del loro utilizzo e di tutto quello che è benessere. Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".