Se le Pentole hanno gli Aloni scuri ecco il Rimedio per farle tornare lucide come nuove

121
aloni-pentole

Che bello avere le pentole in acciaio sempre lucide e splendenti, soprattutto dopo che abbiamo rimosso un’incrostazione abbastanza ostinata!

Talvolta, però, può capitare che restino attaccati degli aloni anche se abbiamo lavato per bene.

I motivi possono essere diversi, alcuni sono sicuramente l’acqua piena di calcare, un risciacquo non accurato oppure pentole lasciate per troppo tempo nel lavello senza asciugarle.

Per questo è bene sapere che esistono dei metodi volti a togliere gli aloni dalle pentole in modo naturale, senza usare prodotti eccessivamente aggressivi che non sempre danno l’efficacia sperata, vediamoli insieme!

Sale e limone

Il primo rimedio è uno degli antichi trucchi della Nonna per lucidare anche le posate in acciaio ed è infallibile!

Sale e limone insieme, infatti, hanno un’efficacia senza precedenti! Il sale perché è in grado di liberare dallo sporco, infatti lo si usa anche per l’argento ossidato e il limone invece pulisce e lucida l’acciaio!

Per usare questo metodo, bagnate la pentola per farla inumidire, spargete poi un po’ di sale sopra e usate mezzo limone come spugnetta naturale, lavate quindi tutta la pentola strofinando in particolare sulle zone con gli aloni.

Nel caso in cui preferiate usare la spugna tradizionale, prendete 2 cucchiai di sale e unite succo di limone fino ad ottenere un composto dentro.

Mettetelo poi direttamente sulla spugna e lavate la pentola, dopodiché risciacquate per bene con acqua calda!

Aceto

L’aceto compare sicuramente tra i metodi intramontabili per lucidare l’acciaio, soprattutto quando potenziato anche dal succo di limone!

Ah dimenicavo... se ti piacciono questi rimedi puoi riceverli ogni giorno direttamente su WHATSAPP! Ecco come fare.. ti aspetto!

Ebbene, se volete avere delle pentole splendenti, dovrete semplicemente mettere un po’ d’aceto bianco d’alcol o aceto di vino direttamente sulla spugnetta e strofinare sulla zona interessata.

In seguito sciacquate per bene e ripetete l’operazione se vedete che sono rimasti ancora degli aloni. Potete anche mettere l’aceto con un po’ d’acqua in un vaporizzatore spray e usarlo come anticalcare naturale per il lavello e per il piano cottura in acciaio.

Bicarbonato

Non poteva di certo mancare il bicarbonato di sodio, un altro elemento naturale con una forte proprietà pulente e disincrostante.

Analogamente agli altri due rimedi, anche questo è semplicissimo! Mettete 1 cucchiaio di bicarbonato in un ciotolina e aggiungete acqua a filo fino ad ottenere un composto dalla consistenza di un gel.

Usate il prodotto direttamente sulla spugna e strofinate delicatamente sulla pentola, risciacquate poi con acqua calda e rimuovete per bene tutti i residui di bicarbonato!

Nel caso in cui vi resti del prodotto, potete usarlo per pulire il forno o la cappa.

Sapone giallo

In ultimo vediamo un ingrediente che in cucina e per il bucato è molto diffuso e usato.

Con il sapone giallo andiamo indietro nel tempo in quanti quest’elemento era uno dei prediletti della Nonna e ancora oggi viene adoperato per tante faccende in casa!

Bene, per questo trucchetto basterà prendere una pallina di sapone giallo o staccare un pezzetto e spargerlo sulla spugnetta.

Man mano che strofinate, il sapone si scioglierà e scatenerà tutta la sua efficacia. Quando risciacquerete vedrete che risultato e che brillantezza!

Avvertenze

Per assicurarvi di non danneggiare le pentole, provate i rimedi prima in un angolino nascosto, magari sul fondo.