Doccia piena di Calcare? Torna come nuova con l’Acido Citrico

903
acido-citrico-doccia-utilizzi

Nonostante sia il momento migliore della giornata, non ci si riesca a godere una bella doccia se questa è sporca e piena di calcare.

Il tempo da dedicare a questa zona del bagno è tanto poiché spesso le macchie sono talmente ostili da rendere difficile una pulizia accurata.

Per fortuna ci sono dei rimedi che facilitano tutto e tra questi troviamo senza dubbio l’acido citrico! Scopriamo insieme come usarlo nella doccia e dire addio a tutto il calcare!

Soffione

Il soffione della doccia è il primo che risente del passaggio d’acqua, per cui è facile vederlo pieno di calcare dopo pochi giorni dalla pulizia.

Pulirlo interamente, con una particolare attenzione ai fori, è importante per non rischiare di fare una doccia troppo piena di calcare.

Al fine di mandare via il calcare in modo efficace e senza fare troppa fatica potete usare il metodo del sacchetto, vediamo subito come si fa!

Dovrete riempire un sacchetto in plastica resistente con dell’acqua calda e sciogliere 3 cucchiai di acido citrico all’interno.

Mettete il soffione nel sacchetto, fissate con un elastico assicurandovi che l’acqua non esca fuori e poi lasciate così per un paio d’ore.

Quando toglierete il soffione dal sacchetto sarà completamente privo di calcare e brillante!

Miscelatore e tubo

Altre due componenti della doccia che sono perdono spesso la loro lucentezza a causa del calcare sono il miscelatore e il tubo.

Il tubo s’intende quello del soffione mobile che tende ad accogliere una quantità considerevole di gocce d’acqua che restano attaccate.

Ah dimenticavo! Se ti piacciono questi Consigli Naturali posso inviarteli ogni giorno direttamente su Messenger! Iscriviti al mio Canale! Ti aspetto!

Per far tornare tutto come nuovo, sciogliete 150 grammi di acido citrico in 1 litro d’acqua e versate tutta la soluzione in un vaporizzatore.

Spruzzate una quantità abbondante di prodotto sui pezzi e lasciate agire per una mezz’ora, poi passate una spugnetta e il calcare sarà solo un lontano ricordo!

Piastrelle

Tanto tempo per scegliere quelle giuste che possano rendere la doccia elegante e accogliente e poi sono sempre piene di calcare!

Le piastrelle sono un vero problema, ma farle tornare a splendere non è un’impresa titanica, specie se si usa il nostro prezioso acido citrico.

Dovrete preparare la miscela con le dosi riportate anche nel paragrafo precedente (150 g acido citrico + 1 lt d’acqua) e usare il composto su una spugnetta per liberarvi di tutte le varie macchie.

Procedete poi risciacquando e fate attenzione a quando asciugate poiché dovrete assicurarvi che non vi siano aloni in controluce né gocce d’acqua attaccate.

Vetri

Se vedere il calcare sulle piastrelle della doccia è odioso, figuriamoci con i vetri!

Purtroppo sono tanti i casi in cui il calcare non ne vuole sapere di staccarsi e quei vetri diventano sempre più incrostati, ma una soluzione c’è!

Prendete la miscela di acido citrico con le solite dosi, poi spruzzatela su tutto il vetro e in quantità maggiore sul calcare incrostato. Lasciate poi che agisca per circa mezz’ora.

Strofinate energicamente con una spugna non abrasiva, altrimenti graffierete il vetro, risciacquate e togliete l’eccesso d’acqua con il tergivetro.

Asciugate le striscette d’acqua che restano e addio macchie!

Binari e muffa

Ad essere colpiti non solo dal calcare, ma soprattutto dalla muffa sono i binari e il silicone della doccia.

Vedere quello sporco annerito è un vero e proprio incubo, ma il nostro caro acido citrico è prezioso anche in questo, scopriamo come si fa!

Fate una pasta densa con acido citrico e acqua a filo fino ad ottenere la consistenza di un gel, spalmate tutto negli angoli della doccia e sui binari.

Lasciate agire finché non si secca e poi con uno spazzolino rimuovete l’eccesso di macchie…tornerà perfetto!

Avvertenze

Ricordiamo di evitare assolutamente l’uso dell’acido citrico su marmo e pietra naturale. Inoltre è bene non tenere le mani a contatto diretto con il prodotto, ma indossare i guanti.