Come usare le bucce di Mandarino in casa a Dicembre con in questi 5 Modi!

471
come-usare-bucce-mandarino

L’inverno è arrivato e si iniziano a cambiare tante abitudini, dalle cose che indossiamo a quelle che mangiamo!

Una cosa bella dell’inverno è la frutta, arance, kiwi e mandarini danno profumo e colore ai nostri pasti.

Ma avete mai pensato che le bucce di alcuni frutti possono essere sfruttate in casa per fare tante cose diverse e molto interessanti?

Ebbene sì, se siete curiosi di sapere come poter sfruttare al meglio tutte le parti della frutta, vediamo insieme 5 modi per usare le bucce di mandarino in casa!

Infuso profumato

Il primo consiglio che vi do al fine di sfruttare al meglio le bucce di mandarino è creare un infuso profumato!

Gli infusi sono l’ideale soprattutto in inverno sia perché il vapore bollente permette di riscaldare la casa, sia perché la profumano ed eliminano i cattivi odori generati dalla casa chiusa a causa del freddo.

Tutto quello che dovrete fare per usare questo metodo è riempire un pentolino con acqua calda e mettere sul fuoco a fiamma normale.

Aggiungete poi le scorze di 1 o 2 mandarini e aspettate che l’acqua arrivi a bollore. Quando l’acqua andrà in ebollizione, potrete notare già un fantastico profumo agrumato!

Portate l’infuso nelle varie stanze da profumare, facendo estrema attenzione a non scottarvi.

In seguito potete conservare il composto in un barattolo di vetro e posizionarlo sul termosifone, sarà un ottimo modo per spargere un buon profumo usando il calorifero!

Sul termosifone

Un altro modo di riutilizzare le bucce del mandarino è metterle sul termosifone.

Questo aiuterà non solo a spargere un buon profumo in casa, ma anche per velocizzare il processo di essiccazione nel caso vi servisse in futuro per togliere la puzza dalle scarpe o per altri scopi.

Nel momento in cui le bucce sono essiccate, toglietele e mettetene di altre più fresche! Potete fare la stessa cosa anche con il limone o con l’arancia.

Sacchetti profumati

Avete mai preparato dei sacchetti profumati da mettere nell’armadio o nei cassetti?

Questo trucchetto molto amato ed efficace vi permetterà di spargere un buon profumo in tutte le zone del vostro ambiente che preferite.

Il procedimento è semplicissimo, fate essiccare le bucce di mandarino, tagliatele a pezzetti e inseritele poi in un sacchetto a maglie larghe traspirante in modo che possa fuoriuscire tutto il profumo.

Attaccate i sacchetti dove preferite e ricordate che anche in questo caso potete usare altri agrumi a vostro piacimento.

Formine

Avete mai sentito parlare delle formine create con gli agrumi?

Si tratta di un divertente e semplice rimedio che potete fare in qualsiasi momento, basta avete degli stampi che preferite oppure, se siete bravi a ritagliare, un disegnino prestampato!

Per crearle, togliete la buccia dal mandarino e posizionate sopra uno stampo a vostro piacimento, fate pressione sulla buccia finché non otterrete la formina.

Create poi un foro su questa e fateci passare un filo di cotone resistente oppure dello spago. A questo punto non vi resta che attaccare la formina dove preferite, potete appenderla alle maniglie delle porte, all’albero di natale o in qualunque altro posto!

Se invece avete un disegnino stampato, premetelo sulla buccia per farlo aderire e ritagliate facendo estrema attenzione.

Per i cattivi odori

I mandarini e in generale gli agrumi sono l’ideale per liberarsi dei cattivi odori!

Vengono usati spesso per dire addio alla puzza nelle scarpe, basta metterle all’interno di queste per qualche giorno e aspettare che assorbano tutto il cattivo odore.

Un altro modo per usarle è nel fondo della pattumiera prima di mettere la busta per trattenere al meglio i cattivi odori.

Ancora, se avete cattivi odori nella scarpiera, potete spargere qualche buccia essiccata tra le mensole o appendere dei sacchetti usando il metodo sopra descritto.

Insomma, ci sono diversi modi con cui scatenare la fantasia e usare le bucce d’arancia!

Avvertenze

Ricordate di non usare questi metodi in caso di allergia e ipersensibilità.