Creme all’ossido di zinco: usi e benefici

1635
ossido di zinco

L’ossido di zinco è una sostanza che si presenta sotto forma di polvere bianca e viene utilizzato in molto prodotti cosmetici, inclusi make-up, lozioni per bambini, trattamenti per unghie e saponi.

Esso è efficace anche per curare la pelle da arrossamenti e abrasioni, promuovendone la rapida guarigione, grazie alla formulazione in crema con ossido di zinco (o pomata).

Caratteristiche dell’ossido di zinco

Lo zinco è una sostanza naturale presente nelle strutture fondamentali di corpo e pelle ed è importante per mantenerli sani. Contribuisce inoltre al corretto funzionamento del sistema immunitario, degli enzimi e delle cellule e stimola la produzione di collagene.

Uno dei componenti fondamentali dello zinco è appunto l’ossido di zinco, utilizzato nei trattamenti medici e cosmetici e reperibile sul mercato. Esso non è un elemento naturale e si ricava da uno speciale procedimento dello zinco puro che viene trattato con molecole di ossigeno fino a che la sostanza non evapora, condensa e infine compare come una polvere fine e cristallizzata.

È in questa forma che può essere unita a creme e ad altre formulazioni utili a creare prodotti di bellezza e cura personale.

Usi e benefici

L’ossido di zinco non è idrosolubile, quindi non può essere applicato localmente nella sua forma grezza. Ha infatti bisogno di alcuni vettori, come fondotinta, crema o protezione solare. Esso è in grado di trattare eruzioni cutanee, ferite e aiutare nella rigenerazione dei tessuti danneggiati.

Recenti studi hanno inoltre dimostrato che l’ossido di zinco è efficace nella cura e nella prevenzione dell’acne, grazie alle sua proprietà antibatteriche e astringenti. Il suo uso è anche di comprovata efficacia nel dare sollievo su zone trattate chirurgicamente e in campo odontoiatrico.

Negli ultimi anni, questo elemento è stato largamente usato dalle industrie cosmetiche per la preparazione di filtri solari in grado di proteggere dai raggi UV in modo naturale e consentire la prevenzione di malattie della pelle o macchie.

Pomate ossido di zinco

Alcuni dei prodotti cosmetici, come le pomate, che contengono ossido di zinco sono gli stessi che vengono prescritti dal medico per contrastare qualche condizione fastidiosa della pelle, ciò avviene anche grazie al suo minimo rischio di reazioni allergiche che lo rende benigno e tendenzialmente sicuro per la nostra salute.

È stato dimostrato che la pasta di zinco aiuta a curare ulcere, abrasioni, bruciature e una grande varietà di irritazioni della pelle. L’ossido di zinco può essere usato sia esternamente che interiormente – sotto forma di integratori – per riceverne il massimo dei benefici.

Trattamento dell’acne

La combinazione di creme a base di ossido di zinco e di una dieta contenente il giusto apporto di zinco puro aiuta a combattere i rossori e le infiammazioni provocati dall’acne. Inoltre, contrasta le cause ormonali che causano l’esplosione di questo disturbo.

L’acne è scatenata da un’invasione di batteri che ostruiscono i pori, creando i fastidiosi brufoli. Trattare la zona in questione con degli antibiotici topici può rendere, a lungo andare, la pelle immune a questi agenti curativi; al contrario, gli stessi batteri non hanno mostrato alcuna resistenza ai trattamenti con ossido di zinco.

Lo zinco ha anche proprietà astringenti in grado di minimizzare i pori e regolare la produzione di sebo, evitandone l’eccesso. Le creme a base di ossido di zinco possono essere un buon primo passo per riparare la pelle colpita da acne.

Protezione solare

La nuova generazione di prodotti a base di ossido di zinco si è evoluta dai semplici filtri solari fino ai moderni fondotinta e make-up minerali. L’abilità dello zinco di proteggere efficacemente dai raggi UVA e UVB è forse la più nota, per questo sempre più industrie lo utilizzano nella formulazione dei loro prodotti. I minerali presenti nello zinco funzionano come uno specchio che riflette l’incidenza dei raggi solari e riduce il rischio di danni provocati dal sole.

I trattamenti a base di ossido di zinco sono diventati molto popolari soprattutto tra le persone che cercano una protezione naturale alternativa alle formule chimiche.

Quando non usare crema a base di ossido di zinco

Generalmente, l’ossido di zinco non produce grosse controindicazioni ed è abbastanza sicuro da usare. Tuttavia, si tratta comunque di una sostanza che va utilizzata in seguito al consiglio del medico o del farmacista.

Alcune condizioni possono infatti interferire con l’azione dell’ossido di zinco. È sconsigliato l’uso a donne in gravidanza, persone in cura con farmaci sotto prescrizione medica e soggetti allergici.

Come applicare la crema a base di ossido di zinco

La prima cosa da fare è lavarsi bene le mani. Bisogna poi pulire ed asciugare la zona da trattare e applicare la giusta quantità di crema. Lavate di nuovo le mani subito dopo aver usato creme a base di ossido di zinco. Se necessario, coprite la zona con una garza sterile per evitare l’esposizione a possibili agenti batterici.

Il trattamento va ripetuto fino al miglioramento del disturbo. Ricordate che questi composti sono esclusivamente per uso esterno, evitato quindi il contatto con occhi e zone delicate.

Ecco alcune creme che contengono ossido di zinco:

  • Penaten
  • Tena Zinc Cream
  • Vitamindeirmin
  • Bioderm pasta barriera all’ossido di zinco

Anche se si tratta di un elemento a base di sostanze naturalmente presenti nel nostro corpo, non sottovalutate il rischio di un possibile sovradosaggio delle creme a base di ossido di zinco. State sempre attenti ai prodotti che usate e alle eventuali reazioni che potrebbero causare.

Alessandra Montefusco
Ho una laurea magistrale in Teoria dei linguaggi e sono appassionata di rimedi naturali e cosmetica ecobio sin dall’adolescenza. Per questo cerco sempre di tenermi aggiornata sulle ultime novità del settore e sulle potenzialità dei prodotti che madre natura ci ha donato. Mi occupo di comunicazione e lavoro nel settore degli audiovisivi. Amo la musica - mia grande passione - la letteratura, il cinema, le passeggiate all’aria aperta e…il cibo!