Curare l’orticaria da stress in modo naturale

2.004 views

L’orticaria si manifesta con chiazze rosse e irregolari sulla pelle. Tra le sue cause scatenanti troviamo anche stress e ansia che, con i loro effetti negativi sul cervello, possono mettere a rischio la nostra salute e promuovere la formazione di queste eruzioni cutanee. Lo stile di vita moderno ha portato con sé un’ampia quantità di frenesia e responsabilità che causano eccessiva tensione che, spesso, non riusciamo a gestire.

In alcuni casi, può condurre anche alla depressione. Lo stress provoca uno sbilanciamento del livello di ormoni all’interno del nostro organismo. Questa condizione rischia di procurare al soggetto interessato spiacevoli conseguenze, alcune delle quali sono: patologie della pelle, ulcera, acne e prurito intenso su tutto il corpo.

Le persone interessate da stress cronico possono sviluppare un’orticaria di tipo nervoso che può diventare persistente e difficile da eliminare. È stato dimostrato che i soggetti allergici tendono a sviluppare l’orticaria da stress in modo molto più repentino. Quando si è particolarmente in tensione, inoltre, il sistema immunitario si indebolisce, lasciando il via libera alla diffusione del problema.

Spesso infatti lo stress funziona allo stesso modo di una patologia autoimmune, in cui il sistema di difesa attacca le nostre stesse cellule epiteliali provocando macchie e sfoghi sulla pelle. L’orticaria può diventare molto fastidiosa, perché le sue chiazze di spessore e forma irregolare causano irritazione e disagio.

Può essere frustrante notare la comparsa del disturbo anche per via della sua natura antiestestica. L’orticaria da stress può svilupparsi su viso, schiena, braccia e cosce.

Esistono alcuni metodi naturali capaci di contrastare in modo efficace il problema e liberare finalmente dal fastidio. Si tratta di semplici tecniche o di prodotti da preparare con l’aiuto di ingredienti che spesso già abbiamo nelle nostre case. Il tutto in maniera naturale. Scopriamo quali sono i trattamenti migliori.

Aloe vera

L’aloe vera riesce a donare un notevole sollievo dal prurito e dall’irritazione causate dall’orticaria nervosa. È un’erba curativa che possiede la capacità di rigenerare la pelle. Essa tratta molto bene anche gli sfoghi cutanei scatenati da fattori allergici. Calma l’irritazione e riduce l’infiammazione.

L’aloe vera è un agente antinfiammatorio e antibatterico naturale, il suo uso topico si dimostra davvero efficace nella risoluzione del disturbo. Procuratevi del gel di aloe vera (o ricavatelo in casa direttamente dalla pianta) e spalmatelo sulla zona interessata, come se fosse una crema. Ripetete 3 volte al giorno.

Ridurre lo stress

Il forte stress che si protrae per lunghi periodi di tempo causa diversi danni a vari comparti del nostro organismo, compreso il sistema immunitario. Le persone con un debole meccanismo di difesa sono infatti quelle più tendenti all’orticaria di tipo nervoso. Provare a ridurre le tensioni è quindi un metodo più che valido per contrastare il fastidio.

Esistono numerosi modi per controllare lo stress: dallo yoga alla meditazione. Anche prendersi del tempo da dedicare a se stessi senza impedimenti è un rimedio efficace per allontanare l’ansia.

Bicarbonato di sodio

Il bicarbonato di sodio è uno sbiancante naturale. Grazie ad esso si possono schiarire le chiazze rosse causate dall’orticaria nervosa con semplici trattamenti casalinghi.

Questo ingrediente inibisce la crescita dei batteri ed evita che le eruzioni cutanee vengano infettate dai microrganismi. Versate un cucchiaio di bicarbonato di sodio all’interno di un bicchiere d’acqua. Utilizzate la soluzione per lavare chiazze e lesioni. Provate questo rimedio fino a quando non noterete uno sbiancamento del rossore.

Amamelide

L’amamelide è uno dei migliori rimedi Ayurvedici contro l’infiammazione e l’irritazione della pelle. Possiede proprietà antinfiammatorie, antibatteriche e antimicotiche che curano in modo efficace tutti i sintomi dell’orticaria nervosa. Un’applicazione locale di amamelide riduce la dimensione delle chiazze e allevia la sensazione di prurito.

Contiene poi antiossidanti che contribuiscono all’eliminazione delle sostanze di rifiuto dal nostro organismo e prevengono la disidratazione dell’epidermide. Versate un cucchiaino di polvere di foglie essiccate di amamelide all’interno di una tazza di acqua bollente. Lasciate in infusione circa 3 minuti e poi filtrate il tutto. Sorseggiate questa bevanda due volte al giorno.

Farina d’avena

Per calmare l’orticaria nervosa e fare in modo che sparisca in tempi rapidi, affidatevi alla natura curativa ed esfoliante di un bagno con farina d’avena. Questo ingrediente lenisce la pelle calmando l’irritazione.

Le sue proprietà antinfiammatorie, unite alla potenza di un bagno caldo rilassante, saranno un vero toccasana contro il disturbo. Riempite la vasca con acqua tiepida e versate 4-5 cucchiai di farina d’avena. Mescolate e immergetevi al suo interno per 15 minuti. Potete ripetere il trattamento anche 3-4 volte in una settimana.

Ricordatevi poi di non grattare con troppa forza la pelle affetta da sfoghi cutanei provocati dall’orticaria nervosa. L’operazione potrebbe infatti peggiorare il problema. I rimedi naturali appena descritti sono molto efficaci per eliminare questa spiacevole condizione.

Con semplici mosse riuscirete a ritrovare il sollievo e calmare l’irritazione. Se le eruzioni cutanee dell’orticaria da stress si sviluppano fino ad interessare aree troppo grandi, è consigliabile chiedere il parere di un medico che provvederà ad analizzare un campione di pelle irritata e comprendere a fondo la natura del problema.

Alessandra Montefusco
Ho una laurea magistrale in Teoria dei linguaggi e sono appassionata di rimedi naturali e cosmetica ecobio sin dall’adolescenza. Per questo cerco sempre di tenermi aggiornata sulle ultime novità del settore e sulle potenzialità dei prodotti che madre natura ci ha donato. Mi occupo di comunicazione e lavoro nel settore degli audiovisivi. Amo la musica - mia grande passione - la letteratura, il cinema, le passeggiate all’aria aperta e…il cibo!