Dieta contro le emorroidi

520
emorroidi dieta

Tutti abbiamo sofferto di emorroidi o più correttamente malattia emorroidaria nella vita. Le emorroidi sono semplicemente delle alterazioni patologiche dei vasi sanguigni arteriosi e venosi presenti fin dalla nascita. In genere questi vasi non si alterano e restano asintomatici (condizione tranquilla).

Spesso però i vasi si alterano e si sporgono verso l’esterno o causando sacche e accumuli di sangue verso l’interno provocando non poco dolore. Le cause? Ancora non decifrate, ma esperti medici credono che la malattia emorroidaria sia collegata a stili di vita e fattori ereditari. Analizziamo la situazione nello specifico.

Emorroidi: cause e sintomi

Le emorroidi colpiscono molte persone in qualsiasi momento della loro vita (indipendentemente da età e sesso), ma in genere alcune situazioni o condizioni sono più favorevoli alla comparsa dell’alterazione emorroidaria. Le cause principali della comparsa delle emorroidi sono legate a:

  • gravidanza e parto
  • stitichezza
  • pigrizia e sedentarietà
  • utilizzo smisurato di lassativi (leggi i lassativi naturali più efficaci)
  • obesità
  • alimentazione sbagliata e dannosa

Emorroidi esterne

La comparsa delle emorroidi provoca non poco dolore e disturbi. Quelle interne sono difficili da diagnosticare e provocano bruciori e dolori lancinanti. Quelle esterne sono facilmente diagnosticabili e curabili. Si presentano con i comuni sintomi di:

  • dilatazioni venose in prossimità dell’ano
  • colore bluastro
  • infiammazioni e ingrossamento
  • sanguinamento se soggette a sfregature
  • dolori i diverse posizioni
  • bruciore
  • prurito

Quando la fase è lieve le emorroidi esterne si possono trattare con rimedi naturali (centella asiatica, ippocastano e vite rossa) o nei casi più gravi ricorrere a farmaci cortisonici, anestetici e creme ad uso topico.

Emorroidi: regole alimentari per combatterle

L‘alimentazione, oltre ad un coretto stile di vita, gioca un ruolo fondamentale nella lotta alle emorroidi. Per prima cosa è necessario regolarizzare la funzionalità intestinale e favorire la corretta evacuazione con feci molli. Anche il peso corporeo è importante, troppi chili sono un danno maggiore all’infiammazione delle emorroidi.

Cosa mangiare per allontanare il rischio di malattia emorroidaria? Ecco alcuni consigli utili:

  • alimenti ricchi di fibre (kiwi,cereali integrali, pere, spinaci, yogurt
  • bere 2 litri di acqua al giorno
  • preferire carboidrati liquidi (es. minestroni e brodo vegetale)
  • pane di semola o grano duro
  • poco sale
  • condimento con olio extra vergine di oliva
  • se si è in sovrappeso rivolgersi ad un nutrizionista
  • alimenti per favorire la circolazione (frutti rossi e cibi ricchi di zinco)

In più è importate svolgere con regolarità attività fisica, bastano anche 30 minuti di semplici esercizi o una bella passeggiata. Un esempio di dieta:

  1. colazione: tè verde con yogurt e cereali
  2. pranzo: pasta, carne o pesce al vapore, verdure e pane di semola (30 gr)
  3. cena: minestrone e verdura
  4. spuntini: frutta fresca (kiwi, fragole, mandarini e pere)

Emorroidi: cibi da evitare

Secondo nutrizionisti e medici è necessario ridurre il consumo di bevande che irritano l’intestino come  alcol, caffè, spezie e alimenti che danneggiano la mucosa gastrica come cibi troppo piccanti, dolciumi, cioccolata e fritture.

Le emorroidi possono essere anche ereditarie e quindi soffrine indipendentemente dalle abitudini, in ogni caso una dieta corretta e uno stile di vita sano sono comunque importanti per ridurre i sintomi e limitare la possibilità di vedersi infiammare le cosiddette emorroidi. Farsi aiutare da un dietologo nutrizionista per una dieta sana anti-emorroidi.