La Dieta Mozzi

1211
cibi dieta mozzi

La dieta del gruppo sanguigno, elaborata dal Dottor Piero Mozzi, sta suscitando molta attenzione, giacché pone l’alimentazione alla base assoluta della salute degli esseri umani. In altri termini, la dieta del gruppo sanguigno addita la dieta scorretta come una delle maggiori cause dell’insorgenza di malattie, anche gravi. Per questo motivo, il Dottor Mozzi si è occupato di stilare delle regole e dei piani alimentari che diversificano l’alimentazione in base al proprio gruppo sanguigno.

Tutto nasce dagli studi eseguiti nel lontano 1957 da un naturopata statunitense, il dr. James D’Adamo e dal figlio Peter, che per primi si occuparono di analizzare la correlazione che sussiste fra gruppo sanguigno e alimentazione. I medici partirono dall’analisi degli effetti dei cibi sui loro pazienti, ovvero si proposero di comprendere perché ad alcuni pazienti portasse beneficio consumare più verdura, mentre ad altri la carne o il pesce. Le supposizioni iniziali si trasformarono in certezze e i medici compresero che in base al gruppo sanguigno è possibile determinare quali sono gli alimenti che portano o meno beneficio all’organismo di un essere umano.

Il dottor Mozzi è quindi partito da questi fondamentali studi per dare vita ad un’alimentazione varia, che si propone di risolvere i problemi di salute adottando la giusta alimentazione. Ecco che la dieta del gruppo sanguigno è dedicata a chi desidera prevenire l’insorgenza di problemi di salute, a chi ha bisogno di riequilibrare il proprio peso corporeo, dimagrendo oppure prendendo peso, alle persone che soffrono di stanchezza cronica e anche ai soggetti emotivamente instabili, che soffrono di ansia, attacchi di panico, depressione e insonnia. La dieta del gruppo sanguigno è altresì dedicata alle persone che praticano sport e che desiderano migliorare le proprie performance e mantenere un ottimo stato di salute.

Alla luce di queste considerazioni, il Dottor Mozzi propone un regime dietetico diverso in base ai diversi gruppi sanguigni, quindi adatto a fornire i giusti alimenti di cui ogni persona ha bisogno. Questa caratteristica si propone come uno dei fattori dell’alimentazione consigliata, perché essa tiene conto di altri fattori, come l’età del soggetto, il suo peso, la sua statura, l’insorgenza di certe malattie e patologie, la presenza di eventuali malattie ereditarie e anche l’esito delle analisi del sangue. In base a questi fattori, le indicazioni e i consigli del Dottor Mozzi danno vita ad un regime alimentare di sicuro interesse, votato a scongiurare l’insorgenza di malattie e a curare i disturbi e le patologie di cui le persone soffrono.

Perché il gruppo sanguigno è fondamentale nel piano alimentare della dieta Mozzi?

La storia comincia negli anni ’50, quando un padre e un figlio, entrambi medici, portarono avanti una teoria alimentare basata sulla risposta dei pazienti a certe tipologie di alimenti. Il dottor James D’Adamo e suo figlio Peter iniziarono infatti ad analizzare gli effetti che certi cibi generavano nei loro pazienti, accorgendosi che ad alcuni portava beneficio un regime alimentare prettamente vegetariano, mentre per altri erano le carni e i pesci gli alimenti da preferire. In base all’osservazione dei propri pazienti, i medici elaborarono una teoria che lega indissolubilmente il gruppo sanguigno agli alimenti da preferire nella propria alimentazione.

I medici scoprirono che, quando il corpo viene alimentato con un cibo non positivo, l’organismo mette in moto un’azione di difesa molto simile a quella del sistema immunitario, ovvero legge un potenziale pericolo e quindi si prepara a combatterlo perché riconosce come ‘nemico’ il cibo appena assunto. Il concetto si basa sul meccanismo attuato da certe sostanze chimiche chiamate antigeni. Lo stesso gruppo sanguigno viene identificato dalla tipologia e dalla presenza o meno degli antigeni dove:

  • Il Gruppo 0: non contiene alcun antigene;
  • Il Gruppo A: contiene l’antigene A;
  • Il Gruppo B: contiene l’antigene B;
  • Gruppo AB: contiene l’antigene A e B.

Qual è il compito degli antigeni?

Queste sostanze hanno il compito di allertare il sistema immunitario nel momento in cui vengono introdotti nell’organismo degli elementi considerati nocivi, come possono essere i virus o i batteri.

Considerando che anche il cibo contiene antigeni, essi possono essere considerati come amici oppure nemici dal nostro organismo, in base alla quantità e alla tipologia di antigeni introdotti con l’alimentazione. In altri termini, se gli antigeni contenuti nel cibo sono riconosciuti come nemici, ecco che l’organismo mette in moto una difesa immunitaria, con conseguente produzione di anticorpi. Questa è la ragione del perché alcune persone tollerano e ricercano determinati alimenti, mentre ad altre persone gli stessi identici cibi non fanno per niente bene.

Dopo anni di studi, il dottor Peter J. D’Adamo stilò una lista di alimenti ‘compatibili’ e ‘incompatibili’, divisi in base al gruppo sanguigno delle persone. Il medico si occupò di dividere gli alimenti in tre fondamentali categorie:

  • Gli alimenti benefici, ovvero i cibi che potenziano il sistema immunitario. Possono essere considerati come dei veri e propri farmaci;
  • Gli alimenti neutri, ovvero i cibi che sono tollerati dall’organismo e possono essere introdotti nell’alimentazione;
  • Gli alimenti nocivi, ovvero i cibi chenon sono compatibili con il sistema immunitario e il cui consumo può portare, a lungo termine, all’insorgenza delle malattie.

Ecco che conoscere il proprio gruppo sanguigno diventa indispensabile per comprendere quali sono gli alimenti positivi e per evitare gli alimenti nocivi che portano al deterioramento del fisico e alla nascita di patologie, anche gravi.

Cosa si può mangiare per i vari gruppi sanguigni?

Consultando il portale istituzionale del Dottor Mozzi è possibile ricevere un ‘assaggio’ dei cibi ‘giusti’ dedicati ai vari gruppi sanguigni. Riportiamo quindi i maggiori, riservando che la lista completa degli alimenti può essere reperita nelle pubblicazioni mediche dello specialista.

Alimentazione del Gruppo Sanguigno 0

CARNE

  • Alimenti benefici: agnello, manzo, capriolo, cuore e fegato (non di maiale), montone e vitello.
  • Alimenti neutri: anatra, coniglio, lepre, cappone, pollo, tacchino, fagiano.
  • Alimenti nocivi: cinghiale, maiale ed oca.

PESCE

  • Alimenti benefici: aringa, luccio, merluzzo, persico, pesce spada, ricciola, salmone (non affumicato), sardina, sgombro, sogliola, storione, trota.
  • Alimenti neutri: acciuga, anguilla, aragosta, carpa, cernia, cozze, gambero, granchio, lumache di terra, orata, ostrica, passera di mare, tonno, triglia, vongole.
  • Alimenti nocivi: aringa affumicata o in salamoia, palombo, pesce gatto, polipo, salmone affumicato e seppia.

LATTE, DERIVATI E UOVA

  • Alimenti benefici: uova (da 2 a 5 alla settimana, da evitare le uova sode, o fritte con olio, o burro).
  • Alimenti neutri: feta (formaggio fresco di capra e pecora di tipo greco), formaggio di capra, mozzarella di latte vaccino e di bufala.
  • Alimenti nocivi: tutti gli altri latticini (compreso lo yogurt).

OLIO E BURRO

  • Alimenti benefici: olio di vinacciolo (derivante dai semi d’uva), olio di riso, olio di semi di zucca.
  • Alimenti neutri: burro, olio di fegato di merluzzo, olio di sesamo, olio di semi di canapa sativa, olio extravergine d’oliva, olio di oliva, olio di soia.
  • Alimenti nocivi: olio di arachidi, olio di mais.

Il consiglio del Dottor Mozzi risiede nel consumare gli oli a crudo.

SEMI E FRUTTA SECCA

  • Alimenti benefici: noci (evitare d’estate) e semi di zucca.
  • Alimenti neutri: mandorle, castagne (evitare d’estate e da non abbinare con i latticini), nocciole, semi di canapa sativa, semi di sesamo, semi di girasole, burro di mandorle, burro di sesamo.
  • Alimenti nocivi: anacardi, arachidi, noci del brasile, pistacchi e semi di papavero.

SOIA

  • Alimenti neutri: bevanda di soia, formaggio di soia (tofu), yogurt di soia.

LEGUMI

  • Alimenti benefici: azuki (soia rossa), fagioli dell’occhio.
  • Alimenti neutri: borlotti freschi, ceci, fagioli neri e rossi, fagiolini, fave, lupini, piselli, soia verde e gialla, taccole.
  • Alimenti nocivi: borlotti secchi, fagioli bianchi di Spagna, lenticchie, lenticchie rosse.

CEREALI: PANE, PIZZA, PASTA ECC.

  • Alimenti neutri: amaranto, grano saraceno, miglio, quinoa, riso (di tutti i tipi).
  • Alimenti nocivi: avena, crusca e germe di grano, couscous, farro, fecola di patate, frumento, kamut, mais, amido di mais, orzo, orzo perlato, segale e pane di segale, seitan, semola di grano duro.

VERDURA

  • Alimenti benefici: carciofi, cavolo e verza, cicoria, cipolla, patate dolci bianche e rosse, porro, spinaci, tarassaco e zucca.
  • Alimenti neutri: asparagi, cavolo cappuccio, cerfoglio, cetriolo, daikon, finocchio, funghi, germogli di soia, indivia scarola, lattuga, olive verdi, peperone, pomodoro, prezzemolo, radicchio, ravanello, rucola, scalogno, sedano, zenzero e zucchine.
  • Alimenti nocivi: cavolfiore, cavolini di bruxelles, cavolo rosso, funghi champignon mais in chicchi, melanzana, olive nere e patate.

Alimentazione del Gruppo Sanguigno A

CARNE

  • Alimenti neutri: pollo, tacchino, faraona
  • Alimenti nocivi: tutti gli altri

PESCE

  • Alimenti benefici: carpa, cernia, coregone, lumache di terra, merluzzo, persico, salmone (non affumicato), sardine, sgombro, trota iridea.
  • Alimenti neutri: luccio, palombo, pesce spada tonno, trota salmonata.
  • Alimenti nocivi: acciuga, anguilla, aragosta, aringa, caviale, cozze, gamberi, granchi, nasello, orata, ostriche, pesce gatto, polipo, salmone affumicato, molluschi.

LATTE, DERIVATI E UOVA

  • Alimenti benefici: uova (da 4 a 6 alla settimana).
  • Alimenti neutri: feta (formaggio fresco di capra e pecora di tipo greco), mozzarella magra, ricotta di mucca, ricotta di capra, yogurt di capra.
  • Alimenti nocivi: tutti gli altri latticini (specialmente quelli grassi e stagionati).

OLIO E BURRO

  • Alimenti benefici: olio di girasole, olio extravergine d’oliva, olio di riso, olio di semi di zucca, olio di vinacciolo, burro di arachidi.
  • Alimenti neutri: olio di fegato di merluzzo, olio di mandorle, burro di semi di girasole, di mandorle, di nocciole e di sesamo.
  • Alimenti nocivi: olio di arachidi, olio di mais, olio di sesamo, burro di origine animale.

SEMI E FRUTTA SECCA

  • Alimenti benefici: arachidi, noci e semi di zucca.
  • Alimenti neutri: castagne, mandorle, nocciole, semi di girasole, semi di canapa sativa, semi di papavero, semi di sesamo.
  • Alimenti nocivi: anacardi, noci del brasile e pistacchi.

SOIA

  • Alimenti benefici: formaggio di soia (tofu), bevanda a base di soia, yogurt di soia.

LEGUMI

  • Alimenti benefici: azuki (soia rossa), fagioli dell’occhio, lenticchie, soia gialla e verde.
  • Alimenti neutri: borlotti freschi, cicerchie, fagioli cannellini, fagiolini, fave, taccole.
  • Alimenti nocivi: borlotti secchi, ceci, fagioli bianchi di Spagna.

CEREALI: PANE, PIZZA, PASTA ECC.

  • Alimenti benefici: amaranto e grano saraceno.
  • Alimenti neutri: amido di mais, avena, miglio, quinoa, riso (tutti i tipi), sorgo, tapioca.
  • Alimenti nocivi: couscous, crusca di farro, crusca di frumento, crusca di kamut, farro, fecola di patate, frumento, germe di grano, muesli, segale, seitan, semola di grano duro.

VERDURA

  • Alimenti benefici:aglio, carciofi, carote, cicoria, cipolle, alfa-alfa, germogli di soia, indivia scarola, porro, prezzemolo, rape, spinaci, tarassaco, verza e zucca.
  • Alimenti neutri: alghe marine, asparagi, cavolini di bruxelles, cerfoglio, cetriolini, daikon, finocchi, funghi, indivia riccia, olive verdi, radicchio rosso, ravanelli, rucola, scalogno, sedano, tartufo, zucchine.
  • Alimenti nocivi: cavolo cappuccio, cavolo cinese, cavolo rosso, melanzane, patate, patate dolci bianche e rosse, peperoncino, peperoni e pomodori.

Alimentazione del Gruppo Sanguigno B

CARNE

  • Alimenti benefici: agnello, capretto, capriolo, cervo, coniglio, daino e montone.
  • Alimenti neutri: manzo, tacchino, fegato (non di maiale o pollo), vitello.
  • Alimenti nocivi: cinghiale, maiale, oca, pernice, cappone, pollo, gallo, quaglia e qualsiasi carne affumicata.

PESCE

  • Alimenti benefici: caviale, merluzzo, nasello, salmone (non affumicato), sardina, sgombro, sogliola e storione.
  • Alimenti neutri: carpa, capesante, coregone, orata, palombo, persico, pesce gatto, pesce spada, seppia, tonno, triglia, trota.
  • Alimenti nocivi: acciuga, anguilla, aragosta, branzino, cozze, gamberi, granchio, lumache di terra, ostriche, persico, polipo, ricciola, salmone affumicato e vongole.

LATTE, DERIVATI E UOVA

  • Alimenti benefici: uova (da 4 a 6 alla settimana), feta (formaggio fresco di capra, pecora e di tipo greco), formaggio di capra, formaggio fresco magro, kefir, latte di capra scremato, latte vaccino scremato, mozzarella, ricotta magra, yogurt vaccino.
  • Alimenti neutri: camembert, cheddar, edam, emmenthal, formaggio fuso, gelato, latte di capra intero, latte vaccino intero, parmigiano, provolone.
  • Alimenti nocivi: tutti i formaggi grassi e stagionati (ad esempio il gorgonzola) e tutti i loro derivati (mascarpone, panna ecc.).

OLIO E BURRO

  • Alimenti benefici: olio di riso, olio di vinacciolo.
  • Alimenti neutri: burro, burro di mandorle, olio di semi di canapa sativa, olio extravergine d’oliva.
  • Alimenti nocivi: burro di arachidi, burro di sesamo, olio di cartamo, olio di girasole, olio di mais, olio di ravizzone, olio di semi di zucca, olio di sesamo, olio di soia.

SEMI E FRUTTA SECCA

  • Alimenti neutri: castagne, mandorle, noci, semi di canapa sativa, noci del brasile, noci pecan.
  • Alimenti nocivi: anacardi, arachidi, nocciole, pinoli, pistacchi, semi di girasole, semi di papavero, semi di sesamo, semi di zucca.

SOIA

  • Alimenti neutri: bevande a base di soia, yogurt di soia, tofu (formaggio di soia).

LEGUMI

  • Alimenti benefici: fagioli bianchi di Spagna, fagioli di lima.
  • Alimenti neutri: borlotti freschi e secchi, fagioli rossi, fagiolini, fave, meraviglie di Venezia, piselli, taccole, soia gialla e verde.
  • Alimenti nocivi: azuki (soia rossa), ceci, fagioli dell’occhio, fagioli neri, lenticchie.

CEREALI E SIMILI

  • Alimenti benefici: miglio, quinoa, farina e crusca di riso, riso integrale e semi-integrale, riso selvaggio, riso rosso, riso nero.
  • Alimenti neutri: avena, farina e crusca d’avena, riso basmati e riso bianco.
  • Alimenti nocivi: amaranto, amido di mais, couscous, crusca e farina di frumento, farina di grano duro, farina di mais (polenta), farina d’orzo, farro, frumento, germe di grano, grano saraceno, kamut, mais, orzo perlato, orzo, semola di frumento, segale e farina di segale, tapioca.

VERDURA

  • Alimenti benefici: broccoli, carote, cavolfiore, cavolini di bruxelles, cavolo cinese, erbette, melanzane, pastinaca, patate dolci bianche e rosse, peperoni, prezzemolo e verza.
  • Alimenti neutri: aglio, alghe marine, asparagi, cavolo rapa, cerfoglio, cetrioli, coste, daikon, germogli di soia, funghi, finocchio, indivia, lattuga, patate, peperoncino rosso, porro, radicchio, rafano, rape, rucola, scalogno, sedano, spinaci, tarassaco, zenzero, zucchini.
  • Alimenti nocivi: carciofi, olive verdi e nere, pomodori, rapanelli, zucca.

Alimentazione del Gruppo Sanguigno AB

CARNE

  • Alimenti benefici: agnello, coniglio, montone, tacchino.
  • Alimenti neutri: fagiano.
  • Alimenti nocivi: anatra, cavallo, cinghiale, daino, maiale, manzo, oca, cappone, pollo, vitello, qualsiasi tipo di carne affumicata.

PESCE

  • Alimenti benefici: cernia, luccio, lumache di terra, merluzzo, nasello, salmone (non affumicato), sardina, sgombro, storione, tonno.
  • Alimenti neutri: aringa, caviale, capesante, cozze, ombrina, orata, orecchia marina, palombo, persico, pesce gatto, pesce spada, seppia, sogliola.
  • Alimenti nocivi: aragosta, aringhe branzino, gamberi, granchio, ostriche, passera, polipo, ricciola, salmone affumicato e vongole.

Il dottor Mozzi sconsiglia il pesce fritto, affumicato e impanato e predilige il pesce al naturale piuttosto che in scatola. Da evitare la combinazione pesce-latticini.

LATTE, DERIVATI E UOVA

  • Alimenti benefici: uova (da 3 a 7 alla settimana), feta (formaggio fresco di capra, pecora tipo greco), formaggio di capra, mozzarella, ricotta vaccina magra, yogurt di capra.
  • Alimenti neutri: crescenza, edam, latte di capra (meglio scremato), latte vaccino scremato (con grande moderazione), yogurt vaccino magro (con moderazione).
  • Alimenti nocivi: brie, burro, camembert, gelati, gorgonzola, grana padano, latte intero, panna, parmigiano reggiano, provolone, mascarpone e in generale tutti i formaggi grassi stagionati.

OLIO E BURRO

  • Alimenti benefici: burro di arachidi, olio extravergine d’oliva, olio di vinacciolo.
  • Alimenti neutri: burro di mandorle, olio di arachidi, olio di lino, olio di ravizzone, olio di soia.
  • Alimenti nocivi: burro, burro di nocciole, burro di sesamo, olio di girasole, olio di mais, olio di semi di zucca, olio di sesamo.

Olio e burro si consiglia sempre di mangiarli a crudo (senza eccedere), evitando di cuocerli o friggerli.

SEMI E FRUTTA SECCA

  • Alimenti benefici: arachidi, noci.
  • Alimenti neutri: anacardi, mandorle, noci pecan, pinoli, pistacchi, semi di canapa sativa.
  • Alimenti nocivi: semi di girasole, semi di papavero, semi di zucca, sesamo e burro di sesamo.

Si consiglia di controllare che la frutta secca zuccherina (prugne secche, datteri, fichi secchi ecc.) non sia trattata e che non ci siano zuccheri aggiunti. Con le noci il dottor Mozzi consiglia di non eccedere e non consumarle in estate. Le castagne non vanno consumate d’estate ed bisogna evitare di abbinarle con il latte.

SOIA

  • Alimenti neutri: bevanda alla soia, yogurt di soia, tofu (formaggio di soia).

Attenzione perché non tutti tollerano bene la soia, in tal caso considerarli come alimenti nocivi.

LEGUMI

  • Alimenti benefici: fagioli borlotti, lenticchie verdi.
  • Alimenti neutri: cicerchie, fagioli cannellini, lenticchie comuni e rosse, lupini, piselli, taccole, soia verde e gialla.
  • Alimenti nocivi: azuki (soia rossa), ceci, fagioli bianchi di Spagna, fagioli dell’occhio, fagioli neri.

Si sconsiglia di combinare i legumi con latticini, frutta e cereali. La soia non è tollerata da tutti.

CEREALI E SIMILI: PANE, PIZZA, PASTA ECC.

  • Alimenti benefici: miglio, riso (di tutti i tipi).
  • Alimenti neutri: amaranto, avena, quinoa, orzo e orzo perlato.
  • Alimenti nocivi: amido di mais, couscous, farina di mais (polenta), farro, frumento, kamut, grano saraceno, tapioca.

VERDURA

  • Alimenti benefici: aglio, bietole, broccoli, cavolfiore, cetriolo, pastinaca, patate dolci bianche e rosse, prezzemolo, sedano, tarassaco e verza.
  • Alimenti neutri: alghe marine, asparagi, bietole e coste, cavolo cinese, cavolo rosso, cicoria, cipolla, coriandolo, crescione, cumino, daikon, finocchi, funghi, germogli di bambù e di soia, indivia scarola, indivia riccia, lattuga, olive verdi, patate, pomodori, porro, radicchio, rape, rucola, scalogno, spinaci, tartufo, zenzero e zucchine.
  • Alimenti nocivi: carciofi, olive nere, peperoncino, peperoni, ravanelli, rabarbaro cinese, topinambur.