Dieta, i funghi aiutano a dimagrire e rafforzano le difese immunitarie!

1791

Buone notizie per chi è a dieta e vorrebbe perdere qualche chilo accumulato durante le vacanze estive: per tornare in forma in fretta e in modo sano possiamo accantonare per um momento le nostre verdurine alla julienne, i centrifugati di frutta e verdura e i minestroni di zucchine e patate.

Premiamo la nostra tenacia nell’affrontare la dieta con un bel piatto a base di funghi. Contrariamente a quanto credono in molti, infatti, i funghi sono un alimento dietetico e assolutamente consigliato nelle diete dimagranti.

Sono un alimento versatile capace di trasformarsi in gustosi contorni, esaltare il sapore di pasta, riso e carne e sono anche ottimi antipasti. Porcini, champignon, prataioli… a voi la scelta. Sappiate però che il vostro peccato di gola non avrà alcuna ripercussione sulla dieta, anzi i funghi rappresentano un ottimo alimento perché, oltre a non appesantire, rafforzano il nostro sistema immunitario.

Il 95% dei funghi è semplicemente acqua. I grassi sono praticamente inesistenti e le kcal apportate sono 20 per 100 grammi di alimento. Le proteine sono il 3%, mentre i carboidrati il 4%. Tutto il resto è costituito da sali minerali, come potassio, selenio, rame e fosforo oltre alle fibre utili per il corretto transito intestinale.

Insomma, un vero toccasana. Tutto sta a saper cucinare i funghi senza aggiungere all’alimento troppe calorie inutili, abbondando per esempio con l’uso di olio o burro. Qualche idea utile? I funghi alla griglia sono un’ottima ricetta, pratica e veloce: dopo aver pulito con cura i funghi basta tagliarli nel senso della lunghezza, spennellarli con un’emulsione a base di olio, sale e peperoncino e poi farli cuocere sulla griglia girandoli a metà cottura.

Se i funghi sono freschi si possono anche gustare direttamente in una ricca insalata, dopo averli affettati sottili e conditi con olio, sale e pepe. Quelli che però possono essere consumati crudi sono soltanto alcune varietà, tra cui i prataioli, i porcini, gli ovoli buoni e le vesce. Tutti gli altri vanno cucinati. Oppure si possono trifolare con aglio e prezzemolo o cucinare in umido con il pomodoro.

Attenzione però: l’unica controindicazione dei funghi è una sostanza in essi contenuta, la micosina, che può renderli difficili da digerire. Sono sconsigliati a chi ha problemi di fegato, la gotta, i calcoli renali o malattie cardiocircolatorie, ma per tutti gli individui sani sono un alimento assolutamente consigliato.

Sebbene i funghi siano un prodotto tipicamente autunnale si possono consumare durante tutto l’anno: quelli secchi o surgelati perdono il loro profumo ma non le sostanze nutritive, mentre quelli freschi vanno consumati entro un giorno dalla raccolta. Se avete la fortuna di avere un papà o un marito o qualsiasi parente o amico amante della raccolta dei funghi sappiate che è possibile essicarli per far sì che si conservino più a lungo.

E’ un modo economico ed ecologico per gustare i funghi in qualsiasi periodo dell’anno. Basta tagliare i funghi a fette sottili e farli essicare al sole. Oppure si possono immegere i funghi in aceto di vino o olio o ancora semplicemente surgerarli.

Infine, i funghi sono un alimento prezioso per la loro proprietà di rinforzare il sistema immunitario. Il lentinano, ad esempio, è in grado di contrastare la leucemia e il cancro al seno, poiché induce l’organismo a produrre più interferone, un agente di difesa contro i virus e i tumori. I funghi neri o moer hanno proprietà anticoagulanti e aiutano a prevenire ictus e infarto.