Gli errori da evitare quando si lava il viso

87
lavare il viso

Tutti ci laviamo il viso ogni giorno, spesso più volte nel corso della giornata, ma siamo sicuri di farlo nel modo giusto? Proprio compiendo un’azione così semplice (in apparenza) in maniera quasi meccanicamente a volte si compiono degli errori che influiscono sulla salute e l’aspetto della pelle del viso che può diventare più secca o irritarsi e favorire così la comparsa di brufoli e sfoghi cutanei.

Gli errori più comuni che si possono fare quando ci si lava il viso riguardano la frequenza con cui si fa, la scelta del detergente e della temperatura dell’acqua e il dopo-lavaggio quindi asciugatura e applicazione di crema idratante.

Detergenti e scrub per il viso

C’è chi lava il viso solo con acqua e chi invece usa saponi per una maggiore detersione o per specifiche esigenze, soprattutto in caso di pelle grassa e impura. Per eliminare ogni traccia di untuosità l‘errore più comune è scegliere un sapone aggressivo che va ad eliminare anche il naturale film idrolipidico (di acqua e sebo) necessario per proteggere la pelle del viso dagli agenti esterni e rendere le cellule coese; altro errore è quello di utilizzare la comune saponetta per le mani.

Per detergere il viso bisogna utilizzare sempre prodotti delicati e specifici, preferibilmente senza profumi e coloranti e che non facciano troppa schiuma perchè può essere il segnale di un’eccessiva presenza di tensioattivi. Ultimamente si sta rivalutando l’uso dell’olio detergente (mandorle, nocciolo, albicocca e girasole) da massaggiare sul viso e poi rimuovere con un panno morbido umido.

Esfoliare la pelle del viso con uno scrub delicato è una buon trattamento per eliminare le cellule morte e dare maggiore luminosità al viso ma non bisogna esagerare altrimenti si rischia ti ottenere l’effetto opposto. Si consiglia di non superare le due volte a settimana, di usare scrub naturali e di preferire l’applicazione con le dita per non tirare troppo la pelle.

Acqua

La temperatura dell’acqua è molto importante e la scelta migliore sta nel mezzo, ovvero nellacqua tiepida:  l’acqua fredda può essere una sferzata di energia e serve a volte per darsi la sveglia invece l’acqua calda dona una piacevole sensazione ma una temperatura troppo alta può far “sciogliere” il sebo naturale della pelle. Un luogo comune da sfatare è poi la capacità di poter aprire e chiudere i pori in poco tempo semplicemente alternando acqua calda (che apre) e fredda (che chiude).

L’acqua tiepida permette di detergere delicatamente, senza traumatizzare la pelle e in maniera efficace, dedicando il giusto tempo e la giusta attenzione all’operazione di risciacquo senza tralasciare zone come mascella, attaccatura dei capelli e naso così da non lasciare residui che possono ostruire i pori.

Lavarsi troppo spesso

Lavare il viso troppo spesso durante la giornata non è, a differenza di quel che si possa pensare, una buona abitudine perchè si rischia di seccarla o ungerla ancora di più in base al tipo di pelle che si ha. L’ideale è lavare il viso due volte al giorno, al mattino appena svegli e la sera prima di andare a dormire così da eliminare anche le ultime tracce di trucco.

Se si suda molto o si usano creme solari o altri prodotti il viso può essere lavato più volte, al bisogno.

Gli errori dopo aver lavato il viso

Anche se non si sono commessi errori nella scelta del detergente o sulla temperatura dell’acqua degli errori sono ancora possibili, a partire dall‘asciugatura: utilizzare un panno o un’asciugamano in spugna come fosse “carta vetrata” e sfregare il viso con decisione non è il modo giusto per pulire a fondo il viso che rischia di irritarsi, disidratarsi e perdere elasticità; l’asciugamano morbida va tamponata delicatamente sul viso.

Una volta che la pelle è pulita non bisogna dimenticare di idratarla perchè in questa fase i principi attivi riescono a penetrare più in profondità rispetto a quando la pelle è completamente asciutta. E’ importante scegliere un prodotto adatto al proprio tipo di pelle e applicarne la giusta quantità per non appesantire e ungere la pelle.

LEGGI ANCHE: Gli errori da evitare quando si lavano i denti