La dieta LeBootCamp: tonifica, disintossica, modella

22
dieta lebootcomp-valerie orsoni

Il nome, LeBootCamp, si rifà ai campi di addestramento delle reclute (gli appassionati di X-Factor lo associano alle ultime fase eliminatorie del talent) e in effetti il metodo ideato dalla francese Valérie Orsoni più che una dieta in realtà è uno stile di vita, un programma a cui approcciarsi con la giusta mentalità perchè quando si inizia bisogna essere concentrati e non lasciarsi distrarre da nulla e nessuno.

Nessun cibo proibito, ma un giorno a settimana di digiuno dai social network e, soprattutto, a letto mai oltre le 23 sono alcuni dei segreti  del regime LeBootCamp provato da oltre un milione di persone (in crescita) in 34 Paesi diversi e ideato da Valérie Orsoni dopo aver provato oltre 40 diete, molte caratterizzate da un successo solo temporaneo; la coach francese ha infatti elaborato il metodo dopo un passato da donna in sovrappeso che ha puntualmente ripreso i chili persi, provando su di sè il tanto odiato “effetto yo-yo”.

Una delle ragioni del fallimento delle normali e più conosciute diete è che spesso ci sono dei divieti, degli alimenti banditi e delle privazioni. Infine, molto spesso, si richiede troppo coinvolgimento e tempo da dedicare al conteggio dei punti, delle calorie, al peso degli alimenti.” scrive Valérie Orsoni, ragion per cui tutto questo è assente nel suo metodo che si propone come uno stile di vita sano, semplice, che non mortifica il corpo e soprattutto tiene lontano lo stress, una delle principali cause di aumento di peso per moltissime persone.

LeBootCamp si basa su 4 fasi: la prima è quella detox che in due settimane libera subito il corpo dalle tossine ma allo stesso tempo permette di fare il pieno di antiossidanti e di ritrovare l’energia; nella seconda fase si passa all’attacco dei chili più ostinati e della cellulite e la durata è variabile avendo come obiettivo il 75% del peso da eliminare. Nella terza fase, booster, si accelera il processo in sette giorni e si conclude con la quarta e ultima fase di mantenimento basata sulla gestione del ph per raggiungere l’equilibrio acido-basico, perdere gli ultimi chili e stabilizzare il peso.

Tra i segreti de LeBootCamp rappresentano una novità il digiuno da social network e la messa a letto alle 23, ma esistono delle ragioni ben precise per cui Valérie Orsini considera queste due regole importanti per il successo della dieta. Ormai “siamo connessi 24 ore su 24, un sovraccarico che avvelena l’organismo e ci fa accumulare chili” ma staccare da tutto per una giornata permetterà di recuperare energie e di dedicarsi ad attività piacevoli accantonate e tutto senza che il mondo smetta di girare!

Se l’attività fisica è importante quando si vuole perdere peso, ma non sempre si ha la voglia di farla, per la coach è altrettanto importante il riposo, motivo per cui consiglia di andare a letto non più tardi delle 23, ancor meglio alle 22: un sonno regolare e ristoratore di di 7-8 ore permette di rigenerare il corpo, produrre leptina (proteina che aumenta il dispendio energetico e diminuisce il senso di fame) e interrompere quel meccanismo per cui la mancanza di sonno aumenta l’appetito.