Le patologie associate alla celiachia

celiachia

celiachiaSpesso alla celiachia e alle sue complicanze si associano altre patologie, definite appunto patologie associate, che però non sono esclusive della MC (malattia celiaca) e possono esser legate ad altre condizioni.

In età pediatrica sono diffusi il diabete mellito insulino-dipendente (2,7%) e la sindrome di Down (10%) ma sono  le patologie legate all’apparato digerente quelle più numerose e varie.

Le patologie dell’apparato digerente

Coliti microscopiche (colite linfocitaria e colite collagena): più frequenti nel sesso femminile, giustificano circa il 2,5% delle diarree croniche con colonscopia macroscopicamente normale.

Malattie epatiche (colangite primitiva sclerosante e cirrosi biliare primitiva).

– Anomalie della funzione splenica legata ad atrofia acquisita dell’organo.

– Aumento di rischio di complicanze tromboemboliche ed infettive.

Le neoplasie

La precisa prevalenza delle neoplasie nella MC non è ancora ben conosciuta, le più frequentemente associate alla M.C. sono il linfoma generalmente di tipo T, l’adenocarcinoma del tenue, il cancro faringeo ed esofageo.

Il rischio di neoplasia faringea ed esofagea è di circa 10 volte più elevato che nella popolazione normale, quello per il linfoma risulta aumentato di 40 volte, mentre per l’adenocarcinoma del tenue è ancora più elevato.

La stimolazione immunologica e l’aumentata permeabilità intestinale sono elementi a favore della teoria biologica che sostiene la possibilità di un aumentato rischio per il linfoma e l’adenocarcinoma del tenue;

Le patologie extraintestinali

Numerose sono le patologie extra intestinali che possono comparire nei soggetti che soffrono di celiachia. Scopriamo insieme  le principali:

Malattie autoimmuni (diabete mellito insulino dipendente, le tireopatie, le afte buccali, la sarcoidosi, il pioderma gangrenoso, l’Addison, l’alopecia e le malattie atopiche).

Patologie dermatologiche (dermatite erpetiforme, l’alopecia, la vasculite necrotizzante cutanea e la sclerodattilia).

– Oligoartrite siero negativa alle caviglie, ginocchia e colonna lombare, osteoporosi, artrite reumatoide.

– Manifestazioni neurologiche, più frequenti nel sesso maschile (atassia, neuropatia periferica, miopatia, mielopatia, demenza, epilessia, calcificazioni cerebrali, leucoencefalopatia progressiva multifocale).

Depressione e insonnia.

– Alterazioni dello sviluppo dentale (da un semplice mutamento del colore verso il bianco gessoso o verso il grigio e il bruno, a zone di perdita di sostanze, fino ai gravi casi di assenza completa dello smalto).

– Infertilità, aborti ripetuti, alterazioni del ciclo mestruale.

Anemia sideropenica legata principalmente al malassorbimento intestinale di ferro.

In presenza di tali patologie è sempre necessario ricorrere ad un programma di screening per anticipare la diagnosi di malattia celiachia ed evitare le complicanze, in quanto questa patologia presenta un estremo polimorfismo che può colpire moltissimi organi o apparati.