Mangiare cioccolato fa dimagrire. Sarà vero?

44
varietà cioccolato

Prima faceva ingrassare, poi fa bene ma non esagerate, ora il cioccolato fa dimagrire… ma come???

Dall’America è giunta la notizia che secondo una sperimentazione effettuata, chi mangia regolarmente cioccolato è più magro di chi, invece, lo assume saltuariamente e questo perché, nonostante le sue calorie, il dolce prelibato conterrebbe degli ingredienti che fanno perdere peso (forse accelerando il metabolismo e di conseguenza, il consumo energetico). Controllando l’assunzione di calorie, il peso e l’indice di massa corporea infatti, i volontari hanno dimostrato che è la regolarità di assunzione e la composizione della cioccolata a determinare il beneficio che quest’ultima apporta al corpo, a prescindere dal suo apporto calorico. E’ l’epicatechina l’ingrediente del cacao che fa bruciare calorie e migliora la massa muscolare: il problema però, è che il cioccolato utilizzato nello studio è, come dire… “particolare”, ossia ricco di catechine e povero di grassi. Ma quello che troviamo in commercio, invece, è composto al contrario e, nella pratica, per assumere la stessa quantità di catechine usata nella sperimentazione si ingerirebbero contemporaneamente anche chili di grassi saturi!

Va sottolineato inoltre, che non è la quantità di cioccolato che fa dimagrire o in ingrassare, ma la costanza nel mangiarne un po’ ogni giorno: non vi abbuffate quindi, per giustificare la vostra golosità. Ad essere maligni poi, le catechine appartengono alla famiglia dei polifenoli, ossia i responsabili degli effetti positivi sul metabolismo degli zuccheri, sui livelli di colesterolo ematico e sulla pressione sanguigna, che sono presenti anche nell’uva, nella lattuga, nelle melanzane, nelle cipolle, non è quindi necessario mangiare il cioccolato per dimagrire…

Ad essere critici nei confronti di questo studio quindi, si può sottolineare che la notizia sia stata data con grande enfasi, più per la notorietà ed il piacere del cioccolato che per la scoperta effettuata, visto che anche altri comunissimi alimenti sortirebbero gli stessi effetti. Inoltre, l’attendibilità della sperimentazione non è così comprovata perché sono molteplici le variabili possibili e la stessa comunità scientifica è cauta e critica a riguardo.

E’ certo che il cioccolato, soprattutto se fondente, è ricco di anti-ossidanti (ottimale contro la lotta ai radicali liberi e quindi, all’invecchiamento delle cellule), abbassa la pressione, protegge i vasi sanguigni, riduce il rischio di ictus e, se ingerito a piccole dosi fuori pasto, non è un nemico della linea, però accertare che aiuti a dimagrire sembra ancora un definizione un po’ azzardata.