MCV basso? Cause e rimedi quando il volume dei globuli rossi è alterato

402

La sigla MCV indica lo spazio medio occupato dai globuli rossi nel nostro sangue. È possibile ricavare il valore del MCV tramite un test che ne rileva l’entità. Avere dei globuli rossi che occupano meno spazio di quanto indicato (MCV basso) è molto comune.

Capiamo insieme come valutare questa condizione e i fattori che possono causarla.

Test del MCV

Il nostro sangue contiene globuli bianchi, globuli rossi e piastrine. Oltre al plasma che ne è il componente principale. I globuli rossi contengono una molecola chiamata emoglobina che trasporta l’ossigeno dai polmoni alle altre cellule del nostro organismo.

Per funzionare bene, essi devono avere la giusta taglia e il giusto volume: dimensioni troppo piccole non sono in grado di raccogliere correttamente tutto l’ossigeno di cui abbiamo bisogno.

Il giusto volume dei globuli rossi in un adulto corrisponde a 80-100 fL (femtolitri è l’unità di misura con cui il MCV viene indicato). Il valore cambia nei bambini:

  • Alla nascita – 106 fL
  • A 3 mesi di età – 95 fL
  • A 1 anno – dai 70 agli 86 fL
  • Dai 3 ai 6 anni – dai 73 agli 89 fL
  • Dai 10 ai 12 anni – dai 77 ai 91 fL

Il valore del volume cellulare può essere calcolato da molti laboratori, solitamente dividendo il numero di ematocriti per quello dei globuli rossi.

Significato di un test del MCV

Se conoscere il livello di emoglobina nel sangue serve a valutare l’eventualità di anemia, il test che determina il MCV si spinge anche più in là. È infatti molto importante nel fornire informazioni circa il tipo di anemia riscontrata o per diagnosticare altri problemi del sangue che è impossibile valutare analizzando solo l’emoglobina.

Un basso valore del MCV, ad esempio, indica che il volume dei globuli rossi è inferiore a quanto dovrebbe essere normalmente. Questa condizione è chiamata microcitosi e comporta un minor apporto di ossigeno alle cellule, causando stanchezza e condizioni di affaticamento.

Le cause più comuni di MCV basso

Avere un basso MCV è una condizione molto diffusa. Esistono varie ragioni che possono portare a questo valore alterato.

Perdita cronica di sangue

La perdita cronica di sangue non è così inusuale, soprattutto nelle donne con un flusso mestruale abbondante. Solitamente, questa condizione è accompagnata anche da basso livello di ferro nel sangue.

Le donne soggette a tale disturbo dovrebbero parlare col proprio medico per stabilire il giusto trattamento da intraprendere. Solitamente, nel trattare le mestruazioni abbondanti sono da valutare l’utilizzo di contraccettivi ormonali o l’asportazione chirurgica dell’endometrio.

Un’eccessiva perdita di sangue può anche avvenire in seguito ad emorragie interne che, in genere, si verificano a causa di ulcere. Anche le emorroidi possono provocare fuoriuscita cronica si sangue.

Anemia e carenza di ferro

Il ferro è un’altra delle componenti fondamentali per garantire il corretto lavoro dell’emoglobina. Un basso livello di ferro può portare alla formazione di globuli rossi di dimensioni inferiori al normale, riscontrabili grazie al test del MCV. L’insufficienza di ferro è causata da:

  • Dieta povera di ferro
  • Flusso mestruale abbondante
  • Emorragie interne
  • Dieta troppo ricca di fosforo
  • Cattiva digestione e male assorbimento dei nutrienti alimentari
  • Malattie croniche
  • Uso eccessivo di tè o caffè

Il trattamento in questi casi consiste, di solito, nell’assunzione di integratori di ferro da abbinare ad altri di vitamina C per circa tre mesi. Molti pazienti, tuttavia, non tollerano questa cura perché risulta essere pesante per lo stomaco. La scelta migliore, è sempre quella di rivolgersi al medico.

Talassemia

La talassemia è una condizione ereditaria in cui il corpo è incapace di produrre correttamente l’emoglobina. Esistono due tipi di talassemia: alfa e beta.

L’errata sinterizzazione dell’emoglobina porta alla produzione di globuli rossi di dimensioni ridotte, abbassando i livelli di MCV. La talassemia è frequente soprattutto nelle persone di origini mediterranee che presentano un volume ridotto dei globuli bianchi e non soffrono di anemia. È possibile diagnosticarla tramite un test effettuato dal medico.

Alessandra Montefusco
Ho una laurea magistrale in Teoria dei linguaggi e sono appassionata di rimedi naturali e cosmetica ecobio sin dall’adolescenza. Per questo cerco sempre di tenermi aggiornata sulle ultime novità del settore e sulle potenzialità dei prodotti che madre natura ci ha donato. Mi occupo di comunicazione e lavoro nel settore degli audiovisivi. Amo la musica - mia grande passione - la letteratura, il cinema, le passeggiate all’aria aperta e…il cibo!