Monk Fruit: un frutto che dolcifica più dello zucchero

367
monk_fruit_dolcificante

Nel panorama mondiale attuale, c’è molta più attenzione nei confronti dell’alimentazione e della forma fisica, non solo per una questione estetica, ma anche per la propria salute.

Per questo motivo, si cerca di ridurre al minimo il consumo degli zuccheri nel caffè, nel tè e nelle pietanze in generale. Oppure ricorriamo ai dolcificanti, un esempio è la stevia.

Proprio riguardo ai dolcificanti naturali, alcune ricerche recenti hanno messo in evidenza le molteplici proprietà benefiche di un frutto particolare: il Monk Fruit, un piccolo frutto proveniente dalla Cina dalle caratteristiche sorprendenti.

Sembra infatti che l’estratto del Monk Fruit abbia un potere dolcificante di 100-200 volte di più dello zucchero tradizionale. Ma vediamolo nel dettaglio.

Cos’è

Con il significato letterale di “frutto del monaco”, il Monk Fruit è conosciuto fin dall’antichità nella medicina tradizionale cinese.

Chiamato anche Luo Han Guo, questo frutto era coltivato dai monaci buddhisti Luo Han (da qui il nome). Una delle sue unicità risiede nel fatto che non può crescere in tutte le parti del mondo.

Infatti, trova terreno fertile nelle regioni dal clima subtropicale e in alcune zone montuose (come appunto risiedono alcuni monasteri buddisti). Tale circostanza lo rende un prodotto non molto reperibile soprattutto nella sua forma “fresca”.

Molto diffuso in Asia e negli ultimi tempi anche in America, l’estratto di Monk Fruit è venduto sotto forma di dolcificante naturale sia da solo che in combinazione (per esempio con la stevia).

Proprietà

In antichità, i monaci buddisti utilizzavano il Monk Fruit per alleviare moltissimi sintomi, soprattutto delle vie respiratorie. Le proprietà terapeutiche del “frutto del monaco” venivano utilizzate per contrastare mal di gola, febbre, tonsillite acuta e molto altro.

Non è tutto. In molte zone della Cina meridionale il Monk Fruit è molto apprezzato, perché sembra essere un alleato della longevità.

Ma sono davvero molte le proprietà che il frutto del monaco possiede:

  • È utile per la perdita di peso. Il Monk Fruit è dotato di una dolcezza indescrivibile, ma contiene zero zuccheri, zero carboidrati e zero calorie. Tutto ciò lo rende ottimo per coloro che vogliono perdere peso e che sono a dieta. Possono consumare tranquillamente questo frutto senza timore di fare sacrifici a tavola.
  • È utile per chi soffre di diabete. Poiché il frutto del monaco non contiene zuccheri, non influisce sui livelli di zucchero nel sangue, il che lo rende perfetto per chi soffre di diabete. Ovviamente, è sempre meglio consultare il proprio medico e verificare che nell’estratto di Monk Fruit non sia contenuto anche dello zucchero.
  • Ha proprietà antiossidanti. Il Monk Fruit contiene alcuni glicosidi ricchi di antiossidanti, utili a contrastare l’azione dei radicali liberi e l’invecchiamento delle cellule.
  • È un antinfiammatorio naturale. Le diverse sostanze contenute all’interno di questo frutto (come, per esempio, la vitamina C) permettono all’organismo di difendersi contro sintomi influenzali e malattie croniche.

L’estratto del “frutto del monaco” può essere consumato come un normale dolcificante. Possiamo dolcificare il caffè, le tisane, i frullati, o utilizzarlo nella preparazione dei dolci.

Anche se in Asia, America e Nuova Zelanda l’estratto di Monk Fruit è facilmente reperibile, in Italia la strada è ancora lunga. Al momento, questo prodotto può essere acquistato online.

Controindicazioni

Questo frutto così speciale è ancora oggetto di molte ricerche. Gli esperti non hanno riscontrato al momento particolari controindicazioni, ma la scienza non si ferma e si stanno eseguendo ancora delle ricerche per riscontrare effetti collaterali in caso di consumo prolungato.

In ogni caso, si sconsiglia l’utilizzo del prodotto in caso di allergie o ipersensibilità. Si consiglia inoltre di consultare il proprio medico soprattutto se si soffre di patologie come il diabete, e se in stato di gravidanza e allattamento.

Giuliana Mele
Laureata in Lingue, Lettere e Culture comparate presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”. Con la danza nel cuore e nell’anima, resto affascinata da ogni forma d’arte. Divoratrice di libri e musica e da sempre appassionata di benessere, cosmetica bio e rimedi naturali.