Altea: proprietà antinfiammatorie dell’erba!

70
altea

Althaea officinalis L. o semplicemente Altea è un’erba appartenente alla famiglia delle Malvaceae originaria dell’Europa centro-meridionale. Dell’Altea si utilizzano radici, fiori e foglie. L’altea è conosciuta come l’erba dalle importanti proprietà antinfiammatorie che presenta numerosi benefici anche per piccoli disturbi quotidiani, oltre che per vere e proprie infezioni in alcune zone del corpo. Scopriamo più da vicino le caratteristiche dell’erba altea.

Descrizione dell’altea

L’altea cresce in luoghi umidi, e paludosi. lungo i fossi, i canali, gli argini dei corsi d’acqua. E’ un’erba perenne, ricca di folta peluria con un fusto eretto e poco ramificato. L’altea è formata da:

  • La radice è crassa formata da più fusi contorti bianchi dentro, giallastri fuori. Qui sono concentrate le maggiori proprietà benefiche dell’erba che vedremo in seguito
  • 
Le foglie hanno un picciolo molto corto; quelle inferiori sono più o meno tondeggianti, quelle inserite lungo il fusto sono triangolari
  • fiori grandi al massimo 3-5 cm e inseriti in un numero di uno-tre all’ascella delle foglie superiori o terminali, sono formati da un calice di cinque sepali rinforzato da un calicetto di sette-dodici lacinie e da cinque petali di colore variabile dal bianco rosato al porporino
  • Il frutto è formato da numerosi acheni disposti circolarmente uno vicino all’altro, a forma di reni e il fusto crostaceo

Proprietà dell’altea

E’ la radice a contenere le caratteristiche principali che fanno di questa erba altea un rimedio fondamentale per alcuni disturbi di salute. Gli estratti della radice di altea contengono amido, pectine, mucillagine, zuccheri, grassi e tannini.

In particolare le mucillagini conferiscono alla pianta proprietà emollienti, lenitive e protettive delle membrane della mucosa. Per questa ragione è indicata nel trattamento di tutte le forme di infiammazione.

L’altea è così particolarmente indicata in presenza di fastidi e disturbi più o meno complessi:

  • gengiviti
  • gastriti
  • esofagiti
  • colon irritabile
  • coliti infiammatorie
  • raffreddore
  • mal di gola
  • coliti spastiche dovute a sintomi di ansia, stress e nervosismo
  • catarro bronchiale
  • tosse: l’altea è considerata un ottimo sedativo naturale per calmare la tosse soprattutto secca

Nell’altea sono presenti i mucillagini, indicati per il trattamento di alcuni problemi cutanei. L’altea è impiegata per uso esterno (topico) per alleviare i sintomi di:

  • secchezza della pelle
  • pelli sensibili
  • pelli arrossate
  • pelli scottate
  • piaghe
  • pelli screpolate

Come usare altea

L’altea la troviamo in erboristerie e sotto forma di decotto (1 cucchiaio raso di altea radice, 1 tazza d’acqua ). 

Versare la radice sminuzzata nell’acqua fredda, accendere il fuoco e portare a ebollizione. Far bollire qualche minuto e spegnere il fuoco. Coprire e lasciare in infusione per 10 min. Filtrare l’infuso e berlo dopo i pasti per usufruire dell’azione antinfiammatoria e protettiva delle mucose

Controindicazioni dell’altea

L’altea è una pianta ben tollerata. Particolare attenzione dev’essere posta nei casi di ipersensibilità accertata verso uno o più componenti. L’altea non deve essere impiegata in caso di assunzione di ipoglicemizzanti orali. In questo caso infatti la presenza di mucillagini potrebbe causare una riduzione dell’assorbimento intestinale di carboidrati.

Corri a provare altea in erboristeria non prima di aver consultato un parere medico. (vedi anche Drosera).