Cos’è il Bicarbonato di Potassio e a cosa serve

109 views
utilizzi_bicarbonato_di_potassio

Non sentiamo parlare molto spesso di Bicarbonato di Potassio. È un sale di potassio che si ricava dall’acido carbonico. Si presenta come una polvere inodore e incolore.

Può essere utilizzata in molte circostanze ed è considerato da molti un fungicida naturale. Non deve essere però confuso con il carbonato di potassio, che invece è nocivo e irritante.

Anche se il suo “collega”, il bicarbonato di sodio, è molto più conosciuto dai consumatori e acquistabile comodamente al supermercato di zona, il bicarbonato di potassio svolge quasi le stesse funzioni.

Vediamo insieme quali sono le funzioni che li accomunano e che li differenziano l’uno dall’altro.

In merito all’ipertensione

Uno dei fattori che distinguono il bicarbonato di potassio dal bicarbonato di sodio è, appunto, una minor presenza della quantità di sodio nella sostanza.

Poiché è nota la correlazione tra ipertensione e dieta ricca di sodio, limitarne il consumo favorirebbe il riequilibro della pressione arteriosa.

Ovviamente, bisogna condurre uno stile di vita sano ed equilibrato e favorire una dieta povera di sodio. Prediligere il bicarbonato di potassio può essere un prezioso vantaggio nel ristabilire i valori della pressione sanguigna.

Svolge un’azione alcalinizzante

Come il bicarbonato di sodio, anche il bicarbonato di potassio svolge un’azione alcalinizzante.

Una produzione eccessiva di acidità nel nostro corpo può portare a indebolimento dello stesso.

Attraverso il consumo del bicarbonato di potassio (come anche quello di sodio) possiamo ristabilire l’equilibrio del Ph, in quanto l’azione alcalinizzante rende il ph più basico rispetto alla condizione di precedente acidità.

Gli usi del bicarbonato di potassio

Dal momento che svolge un’azione di anti-acidità, il bicarbonato di potassio è usato anche come additivo alimentare, più precisamente come anti-agglomerante o come agente lievitante (come accade in alcuni casi anche per il bicarbonato di sodio).

Nella produzione dei vini, il bicarbonato di potassio è molto spesso usato per ridurre l’acidità della bevanda, in modo che il sapore sia più morbido e gradevole all’assaggio.

Data la sua fama di “fungicida naturale“, il bicarbonato di potassio è molto utilizzato anche in agricoltura biologica, per ridurre l’acidità del terreno e per contrastare la comparsa di funghi e malattie delle piante.

Come usarlo in casa

Possiamo servirci del bicarbonato di potassio per diversi usi in casa.

Può essere utile per pulizie di diverse superfici, come quelle del bagno o delle piastrelle. Può essere utilizzato per sciogliere il grasso da pentole o altri utensili: basta lasciare in ammollo il bicarbonato di potassio con un po’ d’acqua calda, strofinare e risciacquare.

Un altro modo per utilizzare entrambi i bicarbonati è sicuramente come deodoranti naturali. Assorbono i cattivi odori naturalmente, basta solo riempire un bicchiere di bicarbonato (di sodio o potassio) e inserirlo nella scarpiera o nel frigorifero. Cambiarlo periodicamente.

Può servire anche per l’igiene personale e la pulizia dei denti: potete aggiungere un po’ di bicarbonato sullo spazzolino al posto del dentifricio ed effettuare dei gargarismi.

Se avete delle punture di insetto o piccole irritazioni, potete applicare una “pasta” di bicarbonato e acqua e applicarla sul rossore. Svolgerà un’azione antinfiammatoria e antibatterica.

N.B. Poiché il bicarbonato di potassio è meno reperibile (e anche un po’ più costoso) di quello di sodio, per le pulizie o per le occasioni in cui è necessaria una grande quantità di questo prodotto, potete acquistare tranquillamente il bicarbonato di sodio.

Controindicazioni

Nonostante siamo in molti a utilizzare il bicarbonato di potassio per uso personale o casalingo, non vi sono ancora delle testimonianze scientifiche sui suoi benefici su alcune lievi patologie dell’uomo.

Si consiglia di consultare prima di tutto il proprio medico curante per valutare eventuali patologie e cure e in caso di gravidanza o allattamento.

Si sconsiglia l’uso occasionale o prolungato a chi soffre di allergie o ipersensibilità al prodotto.

Giuliana Mele
Laureata in Lingue, Lettere e Culture comparate presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”. Con la danza nel cuore e nell’anima, resto affascinata da ogni forma d’arte. Divoratrice di libri e musica e da sempre appassionata di benessere, cosmetica bio e rimedi naturali.