Cisti di Baker

263
cisti baker ginocchio

La cisti di Baker (o cisti poplitee) è una patologia molto comune nei soggetti di fascia d’età compresa tra i 35 e i 70 anni. L’incidenza della patologia è soprattutto a livello articolare.

Le articolazioni più colpite sono la parte anteriore della coscia o quella del ginocchio. Perchè si formano le cisti di Baker? Quali sono i sintomi tipici? Come intervenire per curarle? Facciamo un po’ di chiarezza su una problematica ancora poco conosciuta.

Cosa sono le cisti di Baker?

Sono delle sacche piene di liquido che si formano in genere dietro al ginocchio (e in alcuni casi nella parte posteriore della coscia) a seguito di un trauma o danno della zona interessata.

Le dimensioni delle cisti sono abbastanza standard, variano da pochi millimetri a qualche centimetro. In genere questa patologia colpisce un solo ginocchio e non entrambi e può verificarsi anche una proliferazione di sacche nella stessa zona.

Ad occhio nudo le cisti di Baker hanno la forma di una nocciolina (anche al tatto). Come riconoscere una cisti di Baker? Da quali sintomi?.

Sintomi della cisti di Baker

Il sintomo più comune per individuare la comparsa della cisti di Baker è la presenza di una nocciolina proprio nella parte posteriore del ginocchio.

La cisti non sempre è accompagnata da dolore e gonfiore della zona articolare, spesso può essere anche asintomatica e quindi più difficilmente diagnosticabile. In alcuni casi dalle cisti (che non sono altro che sacche di liquidi) può fuoriuscire del liquido sinoviale.

Tra i sintomi associati alla “nocciolina” possono verificarsi:

  • dolore
  • gonfiore
  • tumefazione
  • mancata sensibilità della gamba

Cause della cisti di Baker

Le cisti di Baker si formano a seguito di cause specifiche. Innanzitutto queste cause vengono suddivise in:

  • primarie o di prima specie
  • secondarie o di seconda specie

Le prime colpiscono giovanissimi (dai 4 agli 8 anni), sono sane e sono legate a un errato funzionamento articolare oppure a un deficit del canale di passaggio sinoviale.

Le seconde, invece, più comuni e diffuse, colpiscono gli adulti e la loro comparsa è legata ad una patologia persistente delle articolazioni:

  • connettiviti
  • gonoartrosi (patologia degenerativa del ginocchio)
  • artrite reumatoide
  • artrite psoriasica
  • traumi
  • borsite
  • sinovite
  • amiloidosi

Chi sono i soggetti colpiti?

Abbiamo visto che le cisti di Baker possono colpire anche i bambini (caso raro e risolvibile). In genere riguardano gli adulti di età compresa tra i 35 e i 70 anni. Perchè questa fascia di età? Per due motivi:

  • artrite o altre patologie persistenti delle articolazioni
  • minore resistenza articolare

Diagnosi e cure delle cisti di Baker

Le cisti di Baker possono essere facilmente confuse con un tumore o una tromboflebite. Il medico specialista deve accuratamente valutare il problema avvalendosi di strumenti di indagine appropriati come:

  • ecografia
  • risonanza magnetica

La diagnosi è sempre benigna, ma se non trattata può portare ad infiammazione acuta o addirittura a rottura. Tra le cure più diffuse e utilizzate per la cisti di Baker troviamo:

  • antidolorifici e antinfiammatori
  • rimedi fitoterapici (kinesio taping)
  • rimedi naturali (apis mellifica)
  • intervento chirurgico (se i farmaci non bastano) mediante artroscopia per le piccole cisti
  • intervento chirurgico totale (con asportazione della cisti e apertura dell’articolazione) per le cisti di grandi dimensioni)

E’ consigliabile rivolgersi ad esperti per intervenire nel modo meno invasivo e più efficace.