Come pulire il Bimby? Ecco tutti i consigli!

1209
come-pulire-il-bimby

I robot da cucina sono una vera svolta, non solo per chi non ha dimestichezza con l’arte culinaria. Infatti può facilitare e velocizzare la maggior parte delle preparazioni, che si traduce in più tempo da dedicare a noi stesse!

Il Bimby è uno degli elettrodomestici più amati ed apprezzati. Caratterizzato da materiali di ottima qualità, come il boccale in acciaio inossidabile e componenti in plastica resistente.

Ci possiamo fare di tutto, dai dolci ai risotti fino alle ricette light. I materiali e la manifattura permettono a questo robot da cucina di durare nel tempo, mantenendo sempre prestazioni alte!

Ma, ogni volta che cuciniamo, è sempre noioso dover pulire! Ma ci sono alcuni accorgimenti e consigli che possono esservi utili per pulire il Bimby in modo veloce ed efficace, senza rovinarlo!

N.B. Vi consigliamo di seguire sempre le indicazioni fornite dal produttore prima di prendere iniziativa! Vi consigliamo di avere sempre la spina dell’elettrodomestico staccata.

Differenza tra i modelli

Nel corso degli anni, si sono succeduti diversi modelli del robot da cucina Bimby, di cui elenchiamo:

  • TM 21
  • Modello TM 31
  • TM 5, funzionalità digitali
  • TM6, anch’esso con funzionalità digitali

In genere, tutti i Bimby hanno una serie di componenti, ovvero:

  • lame, dotate di guarnizione
  • ghiera del boccale, che serve a fissare le lame nel boccale e non far fuoriuscire i liquidi
  • boccale
  • coperchio, dotato di sua guarnizione
  • misurino
  • corpo macchina

Inoltre sono presenti alcuni accessori, come farfalla (utile per montare), cestello, spatola e il Varoma, utilizzato per le cotture a vapore.

Ecco il TM 31 smontato!

I consigli che vi forniremo per pulire il Bimby si basano soprattutto sul modello TM31, ma la pulizia del boccale resta la resta per tutti i modelli.

Autopulizia

Quando lo sporco presente nel boccale non è ostinato, ma è “leggero”, possiamo dire che il Bimby si autopulisce.

Ciò significa che è possibile pulirlo senza dover smontare tutte le componenti. A me capita quando preparo il pangrattato o lo zucchero a velo (per fare qualche esempio).

Lavaggio standard

In base a vari consigli presenti sul web e sul sito ufficiale della Vorwerk, è possibile pulire perfettamente il Bimby seguendo questi consigli.

Riempire il boccale con 1 litro d’acqua e aggiungere qualche goccia di detersivo per piatti bio. Chiudete tutto e lasciatelo “frullare” per qualche minuto a velocità 5-6, premendo un paio di volte il tasto dell’antiorario, in modo che il robot cambi verso.

Inoltre è possibile pulire il Bimby riscaldando l’acqua e facilitando lo scioglimento del grasso. Un esempio, si può lavare per qualche minuto a 100° a una velocità bassa.

Limone

Sul web sono note diverse alternative per pulire il Bimby senza smontarlo, una di queste consiste nel inserire metà limone tagliato a pezzetti.

Il Limone ha proprietà anti-batteriche e sgrassanti, inoltre è utilissimo per eliminare i cattivi odori.

Chi utilizza questo metodo lo trova particolarmente utile sia per sgrassare naturalmente il Bimby ma anche re rimuovere lo sporco attaccato sulle pareti del boccali o dove presenti le lame.

Basta semplicemente chiudere il boccale (nel caso del TM31 impostare sulla funzione del Bimby chiuso) e dare qualche colpo premendo il tasto Turbo, aggiungere un pochino d’acqua e lasciarlo lavorare per qualche secondo a Vel. 5.

Gusci d’uovo

Un metodo “tramandato” da chi ha utilizzato i primi modelli Bimby consiste nell’utilizzare i gusci d’uovo.

Questo metodo un po’ bizzarro in realtà aiuterebbe a rimuovere anche lo sporco presente sotto le lame, a volte molto difficili da rimuovere.

Pulizia dettagliata

Se cuciniamo qualcosa di particolamente unto, c’è la necessità di smontare il Bimby.

Lavastoviglie sì o no?

Ora, in base anche alle informazioni fornite dal produttore tutte le componenti del robot, ad eccezione del corpo macchina, possono essere lavate in lavastoviglie, tranne il modello TM 21.

Detto questo, c’è un grande dibattito sul web sui lavaggi frequenti in lavastoviglie. Alcuni lo fanno senza alcun tipo di problema.

Altre persone invece preferiscono lavare a mano, per preservare il più possibile l’integrità dell’acciaio inox e delle componenti in plastica.

Lame

Le lame sono la componente fondamentale del Bimby. Infatti molto spesso si preferisce lavarle a mano, avendo anche una certa attenzione.

Sono lame molto affilate e in acciaio inossidabile, dotate di una guarnizione di cui bisogna avere cura.

Un consiglio molto utile è quello di tenere sempre uno spazzolino da denti morbido sotto il lavandino ed utilizzarlo per lo sporco nascosto.

Una volta smontato il Bimby, passate le lame sotto l’acqua corrente e rivolte verso l’alto per rimuovere lo sporco. Come si può vedere in foto, la pulizia con lo spazzolino ci permettere di raggiungere anche gli angoli più difficili.

Usate una miscela di acqua e aceto per pulire le lame. Così niente più residui di cibo!

N.B. Io personalmente lavo le lame a mano e delicatamente, facendo attenzione alla guarnizione.

Boccale

Per quanto riguarda il boccale, utilizziamo un detergente delicato o specifico per l’acciaio inox.

Qualche goccia di sapone bio per piatti vi aiuterà a sgrassare, con l’aiuto di una spugnetta non abrasiva. Dopodiché si asciuga con un panno morbido.

Molto spesso, io faccio sempre un passaggio di autolavaggio, in modo da sciogliere lo sporco. Ma ognuno ha i suoi metodi!

Componenti in plastica

Le componenti in plastica, ovvero ghiera, coperchio manico e accessori, vanno pulite molto delicatamente, anche se si tratta di un materiale di alta qualità.

Basta prendere un panno morbido e imbeverlo di acqua tiepida e il gioco è fatto!

N.B. Attenzione alla pulizia della guarnizione del coperchio!

Una giusta pulizia e manutenzione è importantissima, perché questa guarnizione ci consente di sigillare le nostre pietanze anche quando utilizziamo alte velocità.

Corpo macchina

Il corpo macchina del Bimby ha bisogno della nostra totale attenzione.

In questo caso, dobbiamo assolutamente stare attente affinché nessuna traccia di acqua o umidità possa entrare nel motore. Ciò porta al rischio di danneggiarne le componenti.

Sempre staccando prima la spina, prendete semplicemente un panno umido e procedete con la pulizia, andate negli angoli più difficili, io mi aiuto con uno spazzolino da denti umido.

Avvertenze

Vi ricordiamo che è molto importante attenersi alle indicazioni di produzione dell’elettrodomestico per prevenire danni e favorirne la durata.

Altri consigli utili

Se amate prendervi cura della vostra casa in modo economico e naturale, vi consigliamo:

Giuliana Mele
Laureata in Lingue, Lettere e Culture comparate presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”. Con la danza nel cuore e nell’anima, resto affascinata da ogni forma d’arte. Divoratrice di libri e musica e da sempre appassionata di benessere, cosmetica bio e rimedi naturali.