Come stimolare il ciclo mestruale: rimedi e consigli

338
stimolare ciclo mestruale

Il ciclo mestruale è, nel vero senso della parola, un piccolo tormento che accompagna noi donne per la maggior parte della nostra vita, e che segna il periodo il fertilità. Crampi addominali, dolori alle ossa e a gli arti, mal di schiena, nausea, mal di testa, irritabilità, dolori al seno, sono solo alcuni dei sintomi più comuni che si manifestano, puntuali ogni mese, all’arrivo delle mesturazioni.

Insomma diciamo che la fase delle mesturazioni non è proprio una gioia per noi donne, c’è chi la sopporta di più chi meno, i sintomi si possono presentare in ogni donna in maniera diversa e più o meno intensamente. Come se non bastasse, questi insopportabili dolori mestruali, aumentano e durano di più, quando il ciclo si fa attendere e non arriva come previsto dopo i famosi 28 giorni.

Il realtà alla maggior parte delle donne, soprattutto alle più giovani, il ciclo mestruale non arriva puntuale, ma anzi si presenta con notevoli ritardi, a volte salta addirittura qualche mese, e si manifesta in modo incostante. Questi ritardi e discontinuità del ciclo, oltre ad una possibile gravidanza, possono dipendere da diversi altri fattori fisiologici o esterni che interferiscono con la regolarità del ciclo.

Quello che molte donne si chiedono è se esistono dei modi per stimolare il ciclo mestruale, così da evitare l’aumento dei dolori. Fortunatamente possiamo provare diversi rimedi per far avviare il ciclo più velocemente quando è in procinto di arrivare. Ecco quindi alcuni consigli per stimolare le mesturazioni in modo assolutamente naturale. 

Perché il ciclo mestruale ritarda?

È capitato a qualsiasi donna, almeno una volta, che il ciclo ritardasse. Il ciclo in teoria dovrebbe arrivare preciso come un orologio svizzero ogni 28 giorni, e l’ovulazione si avvia intorno al quattordicesimo giorno del mese.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi non è così e il ciclo si presenta con dei ritardi o di pochi giorni, o a volte di una settimana, oppure in casi più seri può addirittura saltare un mese, o arrivare con più di una settimana di ritardo in modo irregolare.

In genere però se il ciclo non arriva ogni 28 giorni, i tempi di norma possono variare dai 26 ai 34 giorni, oltre questo tempo massimo si tratta invece di un disturbo del ciclo mestruale ed è meglio consultare uno specialista nei casi in cui avviene ripetutamente.

Ma il ritardo del ciclo mestruale a cosa è dovuto? Vediamo insieme quali sono le possibili cause del ritardi mestruali:

  • possibile gravidanza: se si è attive sessualmente e non i usano contraccettivi è probabile che l’ovulo venga fecondato, per cui non verrà espulso insieme al tessuto endometriale e le mesturazioni non arrivano.
  • non si è avviata l’ovulazione, oppure si avvia con ritardo e non al quattordicesimo giorno del mese
  • alimentazione squilibrata: una dieta ipercalorica, o un’alimentazione povera con carenze nutritive, può compromettere la regolarità delle mesturazioni.
  • problemi di peso e disturbi alimentari: se si è in eccessivo sovrappeso o al contrario se si è in sottopeso, si possono riscontrare seri problemi all’apparto riproduttivo femminile, e di conseguenza alla regolarità del ciclo.
  • stress, tensione e stati d’ansia
  • cambio di abitudini fisiche: come l’inizio di un allenamento o di uno sport, o un’attività fisica troppo intensa
  • assunzione di farmaci: molti farmaci alterano la fase di ovulazione da cui consegue il ritardo mestruale
  • assunzione di droghe
  • squilibri ormonali
  • abuso di alcool 
  • malattie o patologie che interferiscano sulla regolarità del ciclo: cancro, disturbi del cuore, malattie legate alla tiroide, semplici stati febbrili o influenzali.
  • insonnia
  • sbalzi eccessivi di temperatura esterna 

Sintomi della fase premestruale:

Quando il ciclo sta per arrivare, il nostro copro ce lo fa capire molto chiaramente con dei segnali tipici. I sintomi della fase premestruale sono fastidiosi, a volte tremendi, e variano da donna a donna.

Solitamente iniziano a manifestarsi una settimana prima dell arrivo delle mesturazioni, per poi intensificarsi il primo giorno di ciclo. Vediamo quali sono i sintomi e i dolori mestruali più comuni che si hanno all’arrivo del ciclo, e che aumentano quando si ha un ritardo: 

  • acne
  • seno gonfio e dolorante 
  • gonfiore
  • voglia di mangiare qualsiasi cosa 
  • sbalzi d’umore
  • irritabilità
  • nausea 
  • dolori alle ossa
  • mal di testa
  • crampi addominali 
  • dolori alla schiena 
  • senso di affaticamento 

Rimedi e consigli per stimolare il ciclo:

Esistono alcuni semplici trucchetti per avviare le mesturazioni quando sono i procinto di arrivare ma fanno fatica ad avviarsi. Infatti, nonostante il ciclo per noi donne a volte risulta essere una vera e propria condanna, che arriva sempre nei momenti meno opportuni interferendo con la nostra quotidianità, è comunque inevitabile, ed è molto meglio che arrivi puntuale, senza ritardi, proprio per evitare che i sintomi si presentino per periodi più lunghi e che i vari dolori e fastidi fisici aumentino.

Ecco quindi alcuni preziosi consigli per avviare il ciclo mestruale, ed evitare un eccessivo ritardo: 

  • Calore: posizionare una borsa di acqua calda tra le gambe o nella parte inferiore dell’addome, all’altezza della vescica. Questo farà rilassare la muscolatura uterina e il calore stimolerà l’avvio delle mesturazioni.
  • Tisane, infusi, decotti caldi: nei giorni precedenti al previsto arrivo del ciclo bere bevande calde, a base di alcune erbe ricche di fitoestrogeni, come la salvia, il mirtillo rosso, il finocchio, può aiutare a stimolare l’arrivo delle mesturazioni.
  • Relax: rilassarsi è il modo migliore e più piacevole per favorire l’arrivo delle mesturazioni. Basta un semplice pediluvio rilassante, dei bagni caldi, ed evitare le fonti di stress nel periodo precedente all’arrivo del ciclo.
  • Alimentazione: ci sono degli alimenti indicati per stimolare le mesturazioni. Bisogna prediligere quelli ricchi di vitamina C come la frutta e le verdure,, ma anche alimenti ricchi di fitoestrogeni come i cereali, la soia, e verdura.
  • Attività fisica: fare qualche addominale o comunque un po di attività fisica nella fase premestruale può essere molto d’aiuto per smuovere l’arrivo del ciclo mestruale.
Avatar
Sono laureanda alla facoltà di lettere moderne all'Università degli Studi di Salerno. Da sempre interessata e aggiornata sulle novità riguardanti salute, bellezza, cura del corpo e benessere psico-fisico.