Come togliere le macchie di bruciato dalla leccarda da forno!

592
macchie-bruciato-leccarda-forno

Le leccarde da forno rientrano tra le amiche più fedeli che abbiamo in cucina, soprattutto durante l’inverno.

Quante volte, infatti, le utilizzate durante i mesi freddi? Immagino tantissime volte!

Le leccarde, infatti, ci aiutano a preparare tante prelibatezze culinarie come la pasta al forno, il pollo e le lasagne.

Siccome, però, “ospitano” i nostri cibi preferiti, tendono facilmente a sporcarsi e a presentare macchie ostinate o incrostazioni a causa del cibo che si impregna.

Le macchie di bruciato e di grasso, infatti, non sono per niente facili da rimuovere e tendono, spesso, a restare lì pure dopo aver lavato le leccarde più volte.

Oggi, perciò, vi vogliamo suggerire dei rimedi casalinghi naturali per scrostare e sgrassare le leccarde da forno e renderle come nuove!

N.B Vi consigliamo di consultare sempre le indicazioni di produzione prima di provare i rimedi suggeriti.

Acqua bollente

Anche se può sembrare troppo banale come rimedio, eppure l’acqua bollente è davvero la soluzione più immediata per sgrassare le leccarde da forno.

L’acqua, infatti, permetterà alla macchia e all’incrostazione di ammorbidirsi e di staccare, così, la patina di grasso.

Mettete, quindi, in ammollo la leccarda in una bacinella contenente acqua bollente e assicuratevi che la superficie sporca sia coperta completamente dall’acqua.

Lasciate, poi, ammorbidire lo sporco nell’acqua per almeno un’ora. In caso, invece di incrostazioni più difficili da rimuovere, aspettate fino al giorno successivo.

A questo punto, risciacquate la leccarda e passate una spugna o uno spazzolino per le stoviglie per staccare gli ultimi residui di cibo.

voilà: addio incrostazioni! 

N.B Vi ricordiamo di prestare attenzione quando maneggiate acqua bollente.

Aceto

Un altro rimedio, che può essere molto efficace in caso di incrostazione o di grasso sulle vostre leccarde, prevede l’utilizzo dell’aceto bianco.

Questo ingrediente, infatti, vanta proprietà pulenti e sgrassanti ed è in grado di sciogliere le macchie di grasso ostinato.

Versate, quindi, la leccarda in una bacinella contenente acqua bollente e un bicchiere di aceto.

Lasciate agire l’aceto per almeno mezz’ora, dopodiché strofinate con una spugna e rimuovete tutti i residui.

Infine, risciacquate accertandovi che non vi siano più macchie.

Le vostre leccarde saranno di nuovo pulite come fossero appena comprate!

Bicarbonato

E come poteva mancare il tanto amato bicarbonato di sodio?

Questo ingrediente, infatti, è un disincrostante naturale e svolge una leggera azione abrasiva in grado di rimuovere tutti i residui di cibo incrostato.

Iniziate, quindi, con il prendere una manciata di bicarbonato e distribuitelo lungo tutta la superficie della leccarda fino a formare uno strato uniforme in grado di garantire una pulizia efficace.

A questo punto, aggiungete acqua molto calda fino a coprire tutte le parti che presentano le incrostazioni.

Lasciate agire per circa mezz’ora. Dopodiché, utilizzate una spugna per rimuovere le incrostazioni ormai ammorbidite.

Il bicarbonato, infatti, essendo lievemente abrasivo tenderà ad ammorbidire l’incrostazione e a far sì che la possiate rimuovere passando solo una spugna.

Infine, risciacquate la leccarda e procedete al comune lavaggio con un detersivo ecologico per piatti.

Per un effetto più efficace ed ottimale, potete anche combinare il bicarbonato di sodio con l’aceto bianco.

Cospargete, quindi, la leccarda con bicarbonato e aggiungete, poi, l’aceto sopra. Lasciate agire per qualche ora o per tutta la notte in caso di macchie di grasso davvero ostinate.

Il giorno dopo, utilizzate una spugnetta abrasiva, strofinate sulle macchie e risciacquate.

La vostra leccarda è pronta per farvi “leccare” di nuovo i baffi!

Sapone per piatti

Un altro rimedio molto efficace per pulire e sgrassare le vostre leccarde consiste, invece, nell’utilizzare il sapone per piatti.

Ovviamente, vi consigliamo sempre di utilizzare un sapone ecologico per piatti, preferibilmente fai da te.

Immergete, quindi, la leccarda in una bacinella contenente una miscela di acqua molto calda e sapone e lasciatela in ammollo per circa 30 minuti.

Strofinate, poi, con una spugnetta così da rimuovere le incrostazioni, risciacquatela e il gioco è fatto: le vostre leccarde saranno come nuove!

Limone

Infine, ecco a voi l’ultimo rimedio: il limone, noto per le sue proprietà sgrassanti e disincrostanti e per la sua capacità di rimuovere le macchie di grasso dalle superfici.

Inoltre, questo agrume riesce anche a profumare tutto ciò con cui viene a contatto!

Prendete, quindi, un limone e tagliatelo a metà. Nel frattempo, cospargete la leccarda con il bicarbonato.

Lasciate agire il bicarbonato per 10 minuti, dopodiché utilizzate la metà del limone come se fosse una spugna abrasiva e passatela sulle macchie ostinate. Lasciate agire altri 10 minuti, poi risciacquate la leccarda.

In alternativa, potete anche utilizzare il succo di limone. Mettete in ammollo la leccarda in acqua calda e aggiungete il succo di un limone. Lasciate, quindi, agire per circa 20 minuti.

Infine, passate una spugna e risciacquate la teglia. Addio macchie di grasso e incrostazioni!

Avvertenze

Vi consigliamo di consultare le etichette di produzione prima di provare i rimedi suggeriti.

In caso di allergia o ipersensibilità rispetto agli ingredienti da utilizzare, si consiglia di indossare guanti o evitarne l’utilizzo.

Per un forno sempre pulito!

E se siete stufe delle macchie di grasso e di bruciato nel vostro forno, ecco altri post interessanti:

Nata a Napoli, sono laureata in Lingue e comunicazione interculturale. Appassionata di lettura, di musica, di serie tv e di tutto ciò che riguarda la bellezza, la cosmesi naturale, e il benessere green.