Fast diet, arriva dal Regno Unito la dieta del digiuno (ma per soli 2 giorni)

28

Dopo la Dukan, ecco arrivare la dieta Fast. Questa volta anziché dalla Francia, la nuova dieta che ha già diviso tutti arriva dal Regno Unito, dove è stato pubblicato un libro (“The fast diet“) che promette la ricetta magica per dimagrire velocemente e senza troppi sforzi.

La dieta viene anche chiamata 5:2 perché si può mangiare senza restrizioni e divieti per 5 giorni, a cui seguono 2 giorni in cui si deve stare completamente a digiuno, o quasi. In questi due giorni si possono introitare cibi per al massimo 500 kcal, per le donne, o 600 kcal, per gli uomini.

Così facendo, spiegano gli autori, Michael Mosley (giornalista medico della BBC) e Mimi Spencer (giornalista del Times), il corpo disattiva i meccanismi di accumulo dei grassi e brucia quelli depositati, permettendo così di dimagire perdendo effettivamente massa grassa e non massa magra (i muscoli).

Grazie a questa dieta, Mosley ha perso dieci chili in nove settimane. «I nostri antenati hanno vissuto alternando grandi abbuffate a digiuni, a seconda di come andava la caccia», spiega il giornalista, che continua «non bisogna temere la fame temporanea».

Ma il mondo scientifico non è concorde. Alcuni pensano che potrebbe in effetti funzionare inizialmente (che il digiuno faccia dimagrire è un dato di fatto) ma non è detto che a lungo andare non provochi più danni che benefici. In Italia il libro non è ancora uscito, ma suscita già molta curiosità, soprattutto per il fatto che è possibile mangiare senza limiti per 5 giorni alla settimana, senza dover quindi fare il conteggio delle calorie o rinunciare a ciò che più ci piace.

I medici del National Health Service britannico, intanto, muovono già le loro critiche al metodo: il digiuno provoca ansia, disidratazione e alitosi. Anche in Italia, la Società di scienza dell’alimentazione ha una posizione netta: «il digiuno va bene al massimo se seguito per un giorno, perché già al secondo produce corpi chetonici che affaticano il fegato, i globuli rossi e il cervello».

 Piuttosto sarebbe meglio fare l’esatto contrario: mangiare con moderazione e senza esagerare per 5 giorni e di tanto in tanto concedersi un piccolo sfizio come gratificazione e premio per continuare la dieta.