La dieta del the, dimagrante e depurativa

84

Il the è noto per le sue proprietà drenanti e diuretiche: abbiamo già avuto modo di parlare dei cibi drenanti, ottimi per purificare l’organismo ed eliminare il ristagno di liquidi, responsabile dell’odiosa cellulite. Il the è uno degli alimenti che maggiormente favoriscono la diuresi, così da eliminare tossine e liquidi in eccesso: va assunto preferibilmente a stomaco vuoto per aumentarne l’effetto purificante.

La dieta del the è un particolare stile alimentare che può essere seguito per alcune settimane e consente di perdere fino a 4 kg, con un apporto calorico giornaliero di 1200 kcal.

Si possono bere fino a 3 tazze di the al giorno, preferibilmente senza zucchero per non aumentare l’apporto calorico; non è consigliato un consumo superiore, poiché le sostanze eccitanti contenute nel the sono da evitare se si soffre di ansia, di insonnia o di problemi allo stomaco. In questi casi è meglio evitare di bere il the prima di andare a dormire per non interferire con la qualità del sonno. Se si hanno problemi di ulcera e gastrite si può versare nel the una goccia di latte, una bevanda antiacida molto efficace.

Per diversificare e non consumare sempre lo stesso tipo di the, andiamo pure a fare scorta al supermercato! Le tipologie di the in commercio sono talmente tante che c’è solo l’imbarazzo della scelta. Naturalmente, bere tre tazze di the al giorno non è sufficiente per perdere peso: è necessario, infatti, seguire un regime alimentare leggermente ipocalorico e svolgere attività fisica per almeno 30-40 minuti al giorno (anche camminare a passo sostenuto lungo il tragitto verso casa è considerato attività fisica).

La dieta del the: una giornata tipo

Si può poi stimolare la fantasia nella creazione di nuove ricette a base di the, da utilizzare per esempio per preparare dolci, insalate o secondi.

A colazione, possiamo iniziare la giornata con una tazza di the, un vasetto di yogurt (meglio se di soia) e 3 biscotti secchi. Consumiamo nuovamente del the per lo spuntino di metà mattina, da accompagnare a 2 biscotti secchi integrali. A pranzo scegliamo cibi light: 200 grammi di tonno al naturale, da accompagnare ad insalata verde con germogli di soia e un panino integrale oppure un panino con mozzarella e pomodoro e una coppetta di fragole fresche senza aggiunta di zucchero.

A merenda concediamoci una bella macedonia di frutta di stagione. A cena, infine, optiamo per un pieno di carboidrati (80 grammi di pennette con feta e rucola) o di proteine (petto di pollo con insalata oppure bistecca ai ferri e insalata di cetrioli e pomodori), terminiamo il pasto con una tazza di the verde soltanto se non soffriamo di insonnia, altrimenti è meglio consumare il the verde dopo pranzo o nello spuntino di metà pomeriggio.

Nella scelta dei carboidrati da assumere, meglio privilegiare i cereali integrali e, per quanto riguarda le proteine, scegliamo senza esitazioni carni magre.