Come eliminare le macchie dei vasi sul balcone

24055
macchie-vasi

Macchie e aloni che rovinano i nostri pavimenti!

Le macchie da vaso sono un problema molto comune per chi ha delle piante sul proprio terrazzo o sul balcone.

Basta infatti spostare una pianta che teniamo da qualche giorno nella stessa posizione per notare un’impronta antiestetica lì dove era poggiato il vaso.

Ma da cosa dipende quella macchia?

In realtà da diversi fattori: in parte si tratta di un accumulo di polvere che si blocca tra pavimento e vaso, ma anche di terriccio che può venir fuori dai fori di scolo.

Inoltre, spesso, si tratta di calcare lasciato dai ristagni d’acqua che si formano dopo che innaffiamo le nostre piante.

La buona notizia è che eliminare queste impronte è semplice, se si sa come fare!

N.B: prima di applicare i rimedi proposti in questo articolo, verificate sempre le proprietà della vostra pavimentazione e, se possibile, consultate le informazioni di produzione per essere certi che il rimedio non rovini il pavimento.

Sapone di Marsiglia

Sgrassante e lucidante, il sapone di Marsiglia è uno dei rimedi più efficaci contro gli aloni da vaso!

Grazie alle sue caratteristiche naturali, è uno strumento di pulizia molto delicato che può essere utilizzato su qualsiasi superficie senza che la danneggi.

Per usarlo al meglio, mescolatelo ad acqua tiepida e lasciate riposare per qualche minuto.

Poi, applicate sulla macchia, strofinando con una spugnetta.

Se il pavimento del vostro balcone è particolarmente delicato, fate attenzione a usare una spugnetta non abrasiva.

Risciacquate con acqua e… voilà! La macchia sarà completamente sparita e il vostro pavimento sarà più pulito che mai!

Bicarbonato di sodio

Un classico da utilizzare nei casi più difficili! Il bicarbonato di sodio è un’arma molto efficace contro quei residui calcerei che si fa fatica a rimuovere.

Per utilizzarlo al meglio, prendete una manciata di bicarbonato di sodio e mescolatelo ad acqua.

Fate attenzione: non dovete sciogliere il bicarbonato nell’acqua, ma solo mescolarlo ad essa fino a ottenere un composto non troppo liquido.

Poi, imbevete di questo composto uno spazzolino da denti e passatelo sulla macchia che volete eliminare.

Infine, risciacquate con acqua tiepida.

Grazie alle sue naturali proprietà anticalcaree, il bicarbonato di sodio riesce a scrostare anche quei residui più difficili da eliminare, conferendo al pavimento pulizia e brillantezza.

N.B: il bicarbonato di sodio può avere un’azione eccessivamente corrosiva su quelle piastrelle più delicate o colorate.

Perciò dovrete utilizzarlo con attenzione, avendo cura di non insistere troppo fino a danneggiare la pavimentazione.

Limone

Macchie di terriccio misto a calcare? Il limone è ciò che fa per voi!

Prendete un limone e tagliatelo a metà. Poi, intingete la parte tagliata nel bicarbonato di sodio.

Strofinate il limone sulla macchia, lasciate agire per qualche minuto e poi sciacquate con acqua tiepida.

Grazie all’azione combinata del succo di limone e del bicarbonato di sodio, questo metodo vi permetterà di sciogliere lo sporco più solido, staccando anche le particelle più piccole dal pavimento.

N.B: anche in questo caso, fate attenzione se il pavimento è delicato o decorato, in quanto il bicarbonato di sodio potrebbe avere un effetto corrosivo.

Aceto bianco

Un vero e proprio toccasana per pavimenti da interni e di balconi o terrazze!

L’aceto bianco, grazie alle sue proprietà lucidanti e disincrostanti, riesce a eliminare quegli aloni causati dal ristagno di acqua calcarea e a donare al pavimento un nuovo splendore.

Per utilizzarlo, versatene mezzo bicchiere in un litro d’acqua e mescolate. Lasciate riposare il tutto per qualche minuto.

Poi, prendete il composto e, con l’aiuto di una spugnetta, puliteci il pavimento.

Risciacquate con acqua tiepida e, se necessario, ripetete il procedimento.

N.B: anche l’aceto bianco, così come il bicarbonato di sodio, può avere un’efficacia corrosiva in particolare su marmo e ceramica. Perciò, utilizzatelo soltanto in prossimità della macchia, senza passarlo altrove.

Rimedi preventivi

Prevenire è meglio che curare! Questa frase vale a volte anche per le pulizie domestiche.

Per prevenire il formarsi di aloni, macchie, incrostazioni sotto i vasi delle vostre piante, potete seguire alcuni importanti consigli.

Usate sottovasi

L’utilizzo di sottovasi è importante: grazie ad essi, infatti, riuscirete a evitare i ristagni d’acqua misti a terriccio che, attraverso i fori di scolo, fuoriescono dai vasi.

Ovviamente, molti aloni si formeranno lo stesso.

Si tratterà in particolare di quelli causati dall’accumulo di polveri o residui più leggeri di terriccio, ma riuscirete almeno ad evitare le incrostazioni più difficili da rimuovere.

Innaffiate con acqua non calcarea

Molte macchie dipendono dall’accumulo di calcare alla base della pianta.

Il calcare in questione proviene quasi sempre dall’acqua che utilizzate per innaffiare le vostre piante.

Per evitare questo accumulo, potete utilizzare acqua non calcarea, ad esempio acqua piovana.

In tal modo, ne beneficerà sia il pavimento del vostro balcone sia il terriccio della pianta, il cui pH non sarà alterato.

Tenete i vasi rialzati

Tenere i vasi leggermente sollevati da terra in modo che non siano a contatto con la pavimentazione può essere importante per prevenire la formazione di aloni o macchie.

Per farlo, potete utilizzare dei piedini sottovaso.

In questo modo, infatti, potete notare più facilmente eventuali ristagni d’acqua o residui di terreno ed eliminarli più frequentemente.

Inoltre, l’acqua defluisce e non ristagna, così da non far nascere incrostazioni di calcare.

Altri consigli

In vena di pulizie? Per conoscere i rimedi naturali più efficaci e utili, leggete i nostri articoli:

Gianluca Grimaldi
Nato a Napoli, sono laureato in giurisprudenza. Da sempre sono appassionato di prodotti biologici, del loro utilizzo e di tutto quello che è benessere. Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".