Colpo di sole: cause, sintomi e rimedi

80
colpo di sole

Il colpo di sole o insolazione (termine medico-scientifico) è una condizione patologica di ipertermia che si manifesta in seguito ad un’eccessiva, diretta, prolungata ed errata esposizione ai raggi solari. Il colpo di sole è una condizione cronica ben più rara e grave rispetto ai più frequenti colpi di calore o collassi di calore.

Come si manifesta il colpo di sole? A quali situazioni bisogna stare attenti? Cosa evitare? Come intervenire per curare l’insolazione? Scopriamo insieme tutto ciò che c’è da sapere sulla problematica più diffusa nella stagione estiva con un approfondimento che riguarda le principali differenze con il colpo di calore.

Cause del colpo di sole

Il colpo di sole può colpire tutti, giovani e adulti, uomini e donne indipendentemente da sesso ed età (si dice che chi ha la pelle scure è meno a rischio insolazione). Ovviamente alcune categorie di persone sono più a rischio di altre:

  • anziani over 65 anni
  • bambini
  • neonati
  • soggetti con pelle chiara
  • soggetti con problemi cardio-vascolari
  • soggetti con disturbi psichici
  • soggetti obesi
  • donne in gravidanza

Ci sono anche alcuni farmaci che aumentano il rischio di insolazione: antistaminici, pillole per dimagrire, diuretici, sonniferi, stimolanti e sedativi. Per questo motivo è necessario proteggere il capo dal sole ed evitare l’esposizione nelle ore più calde (dalle 11 alle 16). Inoltre è consigliabile essere sempre idratati (bere molto). Perchè colpisce l’insolazione? Le cause sono:

  • prolungata esposizione ai raggi solari (soprattutto nelle ore più calde)
  • soggetti con capo chino e senza protezione
  • soggetti che svolgono lavori sotto il sole

Attenzione a una possibile variante del colpo di sole, la congestione (evitate di dare al paziente acqua fredda ed evitate di berla per prevenire pericoli).

Sintomi del colpo di sole

Il colpo di sole è una vera e propria malattia acuta dovuta ad un’esposizione prolungata e diretta al sole. Il colpo di sole interessa in particolare la zona del capo e della nuca (le più esposte e sensibili al calore dei raggi solari). Ecco perchè si consiglia sempre di indossare un cappellino o bandana per proteggersi.

Il colpo di sole o insolazione può colpire tutti, adulti e bambini, con conseguenze più o meno gravi a seconda della quantità di sole ricevuta. Con il colpo di sole si ha un aumento della produzione di calore insieme ad una risposta sistemica infiammatoria del nostro organismo. I primissimi sintomi del colpo di sole sonio legati a una sensazione di malessere generale con un forte senso di calo di pressione e di aumento della pressione e calore corporeo.

I sintomi (nelle forme benigne del colpo di sole) successivi sono:

  • prostrazione
  • difficoltà respiratorie
  • capogiri e mal di testa
  • scottature e eritema solare
  • pallore o rossore del viso
  • febbre

Nei casi più gravi possono comparire: nausea. vomito, dolori al ventre e alla testa, tachicardia, pressione altissima, convulsioni, problemi alla vista, ustioni cutanee e intorpidimento e oscuramento mentale. In questi casi è immediato il ricorso al pronto soccorso (per scongiurare il massimo del pericolo: il coma).

Diagnosi del colpo di sole

Il colpo di sole si può diagnosticare anche osservandone i sintomi tipici. In ogni caso per una certezza piena sono necessari alcuni esami e test specifici per confermarne la diagnosi e intervenire in modo mirato con cure e terapie. Ecco gli esami e le analisi per diagnosticare l’insolazione:

  • pressione
  • misurazione della temperatura corporea
  • esami del sangue (elettroliti)
  • test sulla funzionalità di fegato e reni
  • test delle urine
  • ECG (per valutare le condizioni cardiache)
  • raggi X al torace
  • TAC e risonanza magnetica

Cure e rimedi per il colpo di sole

I soggetti colpiti da insolazione vanno trattati con la massima cautela ma senza causare allarmismi. Se la situazione del paziente è grave (convulsioni e non è cosciente) è meglio ricorrere all’ospedale o al centro medico più vicino. Se il paziente, invece, presenta sintomi lievi (o in attesa dell’ambulanza) è consigliabile intervenire seguendo questi passaggi:

  1. distendere il soggetto in ambiente fresco e ventilato
  2. svestire il paziente
  3. se cosciente somministrare al paziente una soluzione con acqua e sale
  4. se il paziente ha perso conoscenza posizionarlo in decubito laterale di sicurezza
  5. far bere il paziente
  6. se la temperatura corporea è alta bagnarlo con panno umido
  7. spruzzare sul viso acqua fresca
  8. dare al paziente un caffè forte (solo se consigliato da esperti presenti)

Il colpo di sole può essere confuso con il colpo di calore (in questo caso il rossore è meno accentuato e i sintomi meno evidenti e intensi). Se non riuscite a distinguere le due forme di patologia non preoccupatevi perchè il trattamento e il primo soccorso sono gli stessi. Per maggiori informazioni sulle differenze tra colpo di sole e calore leggete il prossimo paragrafo.

Differenze tra colpo di sole e colpo di calore

 

E’ facile confondere i sintomi delle due più diffuse condizioni patologiche, ma questo non deve allarmare perchè entrambe possono essere trattate allo stesso modo. In ogni caso ecco alcuni consigli e linee guida per distinguere più facilmente l’insolazione dal colpo di calore (che nei casi più gravi può causare collasso):

  • il colpo di sole o insolazione è conseguenza di una esposizione del corpo diretta ed eccessivamente prolungata ai raggi del sole (in particolare sulla superficie del capo o dietro alla nuca)
  • il colpo di calore è dovuto ad un aumento della temperatura corporea a causa del clima caldo e saturo di umidità

In quest’ultimo caso l’organismo assorbe più calore di quanto riesce a cederne all’esterno con la sudorazione e quindi la temperatura interna si innalza drasticamente. In entrambi i casi valgono i primi soccorsi trattati nel paragrafo precedente.

E’ importante evitare la posizione di decubito e preferire la supina con gambe sollevate solo se il soggetto è pallido e manifesta evidenti segni di pressione arteriosa molto bassa. E’ inoltre importante far bere al paziente acqua a temperatura ambiente e tamponare collo, tempie,inguine, polsi e caviglie con acqua fresca (nel tentativo di riequilibrare la temperatura corporea). Un’eccessiva esposizione al sole, oltre che causare colpi di sole e calore, può essere uno dei fattori principali di melanoma estivo.