Come lavare TUTTA la LAVATRICE e farla tornare come nuova?

480
come-lavare-lavatrice

Chi di noi non usa la lavatrice per avere capi puliti e profumati da sfoggiare ogni giorno? Immagino tutte!

La lavatrice, infatti, è nostra alleata quando si tratta di lavare il nostro bucato!

Lavaggio dopo lavaggio, però, quest’elettrodomestico tende a sporcarsi e ad intasarsi a causa del calcare, dello sporco e dei residui di detersivo che si depositano al suo interno.

Però, niente paura: è possibile, infatti, pulirla in profondità e farla tornare come nuova.

A tal proposito, oggi vedremo insieme come pulire le singole componenti così da avere panni più puliti e profumati!

N.B Ricordatevi di pulire tutto in sicurezza e assicuratevi di staccare la corrente prima di procedere con la pulizia.

Cestello

La componente della lavatrice che dovrebbe essere pulita più spesso è il cestello, in quanto è qui che i capi vengono a contatto con lo sporco e il calcare.

Perciò, è molto importante tenerlo pulito per evitare di trasferire i cattivi odori e lo sporco sul nostro bucato.

Vediamo in che modo

Bicarbonato

Tra i rimedi naturali e i metodi casalinghi più gettonati per la pulizia di questa componente c’è il bicarbonato di sodio.

Questa polvere bianca, infatti, non solo è uno sgrassante naturale ma è molto utile anche per limitare la proliferazione batterica e lo sporco. Inoltre, ha la proprietà di neutralizzare i cattivi odori.

Per provare questo trucchetto, vi basterà aggiungere 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio nel cassetto della lavatrice e avviare il lavaggio a vuoto ad alte temperature.

Vi consigliamo di diluire il bicarbonato in un po’di acqua per evitare di intasare i tubi. In alternativa, potete anche spargere il bicarbonato direttamente nel cestello.

Questo rimedio può essere ripetuto spesso per prevenire la formazione di sporco, di calcare e di residui di detersivo.

Inoltre, vi permetterà di dire anche addio ai cattivi odori!

Acido citrico

Un altro metodo molto efficace per pulire il cestello è fare un lavaggio a vuoto in lavatrice con l’acido citrico.

Questo ingrediente, infatti, è un composto derivante dagli agrumi, che si presenta come un’alternativa più ecologica rispetto all’aceto, pur avendo la sua stessa efficacia.

Tutto ciò che dovrete fare è sciogliere 150 gr di acido citrico in 1 litro d’acqua tiepida, meglio se demineralizzata.

Versate, poi, l’intera miscela nel cestello e fate partire il ciclo di lavaggio ad alte temperature. La vostra lavatrice sarà più pulita che mai!

Guarnizione

La guarnizione presenta spesso sporco e cattivi odori dovuti all’ accumulo di detersivo o ai ristagni d’acqua in quanto trattiene l’umidità.

Inoltre, può essere anche soggetta anche a formazione di muffe o deterioramento.

Vediamo insieme come pulirla.

Aceto di mele

L’aceto di mele è un valido rimedio naturale per pulire in modo efficace la guarnizione della lavatrice. Ha proprietà anti-odore e antibatteriche, pulendo in profondità.

Può esserci utile soprattutto quando lo sporco non è moltissimo, perché ci permette di prolungare la durata della guarnizione.

Basta versare qualche goccia di aceto di mele su un panno in microfibra umido e passarlo sulla guarnizione.

Per potenziarne l’efficacia, provate a combinarlo con del tea tree oil, un olio essenziale dalle proprietà anti-fungine e antimicotiche.

Così agendo, sarete in grado di prevenire la formazione della muffa.

Pasta pulente

Se lo sporco risulta più incrostato, possiamo creare una pasta pulente con altrettanti rimedi naturali: limone, bicarbonato e aceto.

Mescolate un po’ ad occhio, quanto basta per formare una pasta. Con l’aiuto di uno spazzolino umido, distribuite il composto su tutto l’interno della guarnizione.

Risciacquate e asciugate. Le proprietà antibatteriche dell’aceto sono combinate con l’azione pulente e anti-odore del bicarbonato. Il succo di limone, invece svolge una funzione sgrassante, oltre ad essere molto profumato.

Oblò

Per far sembrare la vostra lavatrice come se fosse nuova, è importante curare anche la parte esterna e l’oblò di questo elettrodomestico.

Queste componenti, infatti, sono quelle più visibili e quelle che contribuiscono maggiormente all’immagine della nostra lavatrice.

Per la pulizia della parte esterna o dell’oblò, vi basterà preparare una soluzione formata da circa 100 ml di aceto bianco500 ml di acqua e 1 cucchiaio di bicarbonato.

Se preferite una soluzione più profumata, potete aggiungere anche qualche goccia di olio essenziale di lavanda o di limone.

A questo punto, mescolate gli ingredienti e versate il tutto in un flacone spray. Spruzzate la soluzione così ottenuta sulle pareti esterne della lavatrice e sull’oblò e passate, poi, una spugna morbida non abrasiva.

La vostra lavatrice sembrerà come appena acquistata!

Filtro

Con il continuo utilizzo, il filtro della lavatrice tende a sporcarsi e ad intasarsi a causa dello sporco, del calcare e dei residui di detersivo.

E un filtro intasato tende a bloccare la centrifuga in quanto non consente all’acqua di scaricarsi correttamente. Prima di pulire il filtro, ricordatevi di chiudere l’acqua e non tenere in funzione la lavatrice.

Prendete, quindi, una piccola bacinella che possa raccogliere tutta l’acqua sporca che fuoriesce dal filtro. Poi, svitatelo e sciacquatelo sotto l’acqua corrente.

Dopodiché, utilizzate uno spazzolino e una sorta di pasta formata da bicarbonato e acqua e strofinate sul filtro per disincrostare i residui di calcare e di sporco.

Per una pulizia più profonda, potete anche metterlo in ammollo così da rimuovere tutto lo sporco presente nell’involucro.

Prendete, quindi, una bacinella di acqua calda e aggiungete al suo interno un bicchiere di aceto di vino bianco. 

Immergete, poi, il filtro e lasciatelo a bagno per circa mezz’ora.

Cassetto del detersivo

Eccoci arrivate all’ultima componente: la vaschetta, ovvero la parte della lavatrice che accoglie il detersivo che utilizziamo per lavare i nostri capi.

Per lavarla in maniera efficace, conviene sempre estrarla dalla lavatrice premendo il bottone apposito, di solito posto accanto o sopra lo scomparto dell’ammorbidente.

In ogni caso, vi consigliamo di procedere con delicatezza per evitare di romperlo. Una volta sfilato, potete anche smontarlo ulteriormente (se possibile) così da pulire le singole componenti.

In alternativa, potete anche direttamente pulirlo direttamente senza smontarlo, ma vi consigliamo di smontarlo per una pulizia super efficace.

A questo punto, iniziate con il riempire una bacinella con metà aceto bianco e metà acqua calda. Agitate bene il contenuto per permettere agli ingredienti di amalgamarsi tra loro.

Smontate, poi, tutte le componenti della vaschetta e immergetele nella bacinella. Lasciate il tutto in ammollo per qualche minuto per far ammorbidire il detersivo incrostato e rendere, così, più facile la sua rimozione.

Dopodiché, utilizzate uno spazzolino da denti vecchio e strofinate su tutta la superficie del cassettino, concentrandovi sui punti in cui sono presenti più residui di detersivo incrostato.

Lo spazzolino, inoltre, vi permetterà di raggiungere gli angoli più nascosti. Quando lo sporco più ostinato sarà andato via, con una spugnetta morbida e un po’ di sapone bio procedete con il lavaggio per eliminare i residui.

Infine, concludete con una sciacquata sotto l’acqua corrente, lasciate asciugare bene e voilà, è fatta!

A questo punto, non vi resta che riporlo al solito posto!

Avvertenze

Ricordiamo di seguire sempre le indicazioni di produzione. In caso di guasti consultare in prima istanza un tecnico.

Altri trucchetti di pulizia

Se siete in vena di pulizia, ecco altri trucchetti utili:

Nata a Napoli, sono laureata in Lingue e comunicazione interculturale. Appassionata di lettura, di musica, di serie tv e di tutto ciò che riguarda la bellezza, la cosmesi naturale, e il benessere green.