Come far tornare bianche come nuove biancheria e Canottiere con un solo Rimedio fai da te

442
sbiancare-canottiere

Per quanta cura possiamo avere della nostra biancheria, capita spesso che si ingiallisca col passare del tempo o che tenda ad ingrigirsi.

Quante volte, infatti, avete evitato di indossare le vostre canottiere perché si erano così ingiallite da sembrare vecchie e usurate? Immagino spesso!

Ma abbiamo una bella notizia: è possibile sbiancare la biancheria e le canottiere e riportarle al loro candore iniziale utilizzando solo dei rimedi casalinghi e naturali, vediamoli insieme!

Bicarbonato

Il primo rimedio che vi consigliamo è il bicarbonato di sodio, il quale è noto proprio per le sue proprietà pulenti, sgrassanti e sbiancanti.

Tutto ciò che dovrete fare, quindi, è aggiungere 2 cucchiai di bicarbonato in un secchio contenente acqua calda e lasciare in ammollo per qualche ora i vostri capi di biancheria o le vostre canottiere. Dopodiché, procedete con il comune lavaggio in lavatrice o a mano, preferibilmente con il sapone di Marsiglia.

Percarbonato di sodio

Simile al bicarbonato, ma più efficace è il percarbonato di sodio, il quale è utilizzato per ottenere un bucato più bianco senza ricorrere alla candeggina.

Per il lavaggio a mano, aggiungete un po’ di percarbonato in una bacinella contenente acqua calda, seguendo sempre il dosaggio indicato sulla confezione e lasciate, poi, in ammollo i capi anche per un’intera notte e al mattino risciacquateli.

Vi ricordiamo, però, di scioglierlo nell’acqua con temperatura di 50°  (o almeno 30°), in quanto le proprietà sbiancanti e pulenti del percarbonato si attivano ad alte temperature: le macchie gialle e grigie saranno solo un brutto ricordo!

N.B Il percarbonato è indicato sia per i panni bianchi che per quelli colorati, ma bisogna evitarne l’utilizzo per tessuti in microfibra, rayon, lana e seta. Inoltre, è consigliabile usare sempre i guanti.

Aceto

Un altro rimedio della nonna molto efficace per ravvivare il bianco della vostra biancheria è l’aceto. Come il bicarbonato, infatti, anche l’aceto ha una funzione smacchiante e sbiancante tale da essere una manna dal cielo in caso anche di macchie gialle di sudore!

Versate, quindi, un bicchiere di aceto bianco in una bacinella piena d’acqua calda e mettete, poi, in ammollo i vostri capi di biancheria nella soluzione così ottenuta per qualche ora o anche per tutta la notte.

Dopodiché, risciacquate e procedete con il lavaggio regolare: le vostre canottiere torneranno come nuove!

Acido citrico

In alternativa all’aceto, potete anche utilizzare l’acido citrico, un ingrediente più ecologico dell’aceto, pur vantando la sua stessa efficacia. Vi basterà versare, quindi 150 gr di acido citrico in 1 l di acqua tiepida e mettere i capi in ammollo in questa miscela. Dopodiché, risciacquateli e lavateli come fate di solito: saranno tornati come nuovi!

Se volete, poi, provarlo in lavatrice, vi basterà versare circa 100 ml di questa soluzione nella vaschetta del detersivo ad ogni lavaggio e il gioco è fatto!

Questa miscela può essere utilizzata anche per effettuare un lavaggio a vuoto in lavatrice e liberarla dal calcare! 

Limone

Quando si parla di ingredienti in grado di sbiancare naturalmente, come si può non menzionare il limone, in grado di sostituire tutti gli sbiancanti disponibili in commercio, grazie alle sue proprietà?

Versate, quindi, il succo di 10 limoni in un secchio contenente circa 3 litri di acqua calda e aggiungete, poi, 2 bicchieri di sale fino da cucina. Dopodiché, immergete la vostra biancheria e le vostre canottiere ingiallite nella bacinella e lasciate il tutto in ammollo per tutta la notte.

Infine, risciacquate e procedete al comune lavaggio a mano o in lavatrice. La vostra biancheria sarà come appena comprata! Come se non bastasse, poi, il limone conferirà anche un odore inebriante sui vostri capi, grazie al suo profumo tutto naturale! Non a caso, viene utilizzato per rimuovere i cattivi odori in bagno!

Acqua ossigenata

Se i trucchetti visti finora non sembrano funzionare, allora è il momento di passare a un rimedio più “strong” seppure abbia un approccio totalmente ecologico: l’acqua ossigenata.

Aggiungete, quindi, un cucchiaio in lavatrice per ogni lavaggio e voilà: la vostra biancheria avrà il candore originario!

N.B Ricordatevi, però, di utilizzarla solo sui capi bianchi, perché potrebbe sbiadire le tonalità di quelli colorati. Inoltre, utilizzate l’acqua ossigenata a basse concentrazioni, perché quella a concentrazioni elevate potrebbe essere tossica.

Latte freddo

Infine, vediamo come utilizzare il latte, in grado di sbiancare i capi e renderli anche morbidissimi. Immergete, quindi, la vostra biancheria in una bacinella riempita con il latte e lasciatela in ammollo per qualche ora.

Dopodiché, procedete al lavaggio e lasciateli asciugare. Vi raccomandiamo, però, di non stendere la biancheria al sole, ma sempre all’ombra così da evitare che si possa ingiallire nuovamente.

N.B Questo metodo è consigliabile solo in caso di pochi capi di biancheria o biancheria di piccole dimensioni, così da non comportare uno spreco eccessivo del latte.

Avvertenze

Vi ricordiamo di leggere bene le etichette prima di provare con i metodi indicati. Vi consigliamo di non usarli insieme, ma separatamente.

Nata a Napoli, sono laureata in Lingue e comunicazione interculturale. Appassionata di lettura, di musica, di serie tv e di tutto ciò che riguarda la bellezza, la cosmesi naturale, e il benessere green.