I 10 cibi a calorie negative per dimagrire mangiando

33
dieta-17-giorni

Quando si è in una fase di dimagrimento o di mantenimento del peso raggiunto al momento della compilazione del menù giornaliero o del diario alimentare  bisogna fare i conti con le calorie, cercando di bilanciare tra cibi, condimenti, gusto e quantità per non sforare il fabbisogno calorico quotidiano.

Esistono però dei cibi detti a calorie negative che hanno l’enorme vantaggio di richiedere all’organismo uno sforzo energetico per poter essere digeriti: in questo modo le calorie che contengono sono in realtà di gran lunga inferiori rispetto a quelle che realmente vengono utilizzata (e dunque non assimilate) dal corpo durante la digestione.

Secondo una ricerca svolta dalla nutrizionista Daisy Connor sono 10 gli alimenti a calorie negative che, inseriti in una dieta ipocalorica, aiutano a dimagrire mangiando: il sogno proibito di chi lotta con la bilancia. Nella top ten si trovano: sedano, cavolfiore, mela, papaya, cetrioli, asparagi, carne magra, pomodori, peperoncino e caffè.

Il sedano è già di per sè un alimento a basso contenuto calorico con 16 calorie per 100 grammi ma essendo composto per il 75% di acqua e il restante 25% di fibre richiede un dispendio energetico per essere digerito; anche il cetriolo ha lo stesso apporto calorico (16 kcal per 100 gr) ed una composizione simile con il 75% di acqua ma in più è ricco di vitamina C (riduce i livelli di infiammazione nel corpo) e contiene acido caffeico, che previene la ritenzione idrica.

Cavolfiore e mele, oltre ad essere a calorie negative, aiutano entrambi ad aumentare il senso di sazietà: il cavolfiore ha 25 calorie ogni 100 grammi, è ricco di vitamina C ed è preferibile mangiarlo cotto a vapore o lessato molto croccante così da richiedere una masticazione più lunga che favorisce il senso di pienezza; le mele, tenendo conto delle diverse varietà, hanno in media 52 calorie ogni 100 grammi e l’ideale è scegliere quelle verdi che aiutano a tenere basso l’indice glicemico.

Tra i 10 cibi a calorie negative trova posto la papaya (42 calorie per 100 grammi) che abbina altri vantaggi al ridotto apporto calorico, infatti la presenza di antiossidanti, vitamina C e fibre contrastano i radicali liberi, le infiammazioni e aiutano in caso di stitichezza.

Gli asparagi uniscono alle poche calorie ( 20 kcal ogni 100 grammi) un’azione depurativa favorendo la diuresi e l’eliminazione delle tossine; i pomodori con 18 calorie per 100 grammi sono utili contro il colesterolo alto e l’ipertensione; il peperoncino (100 grammi 40 calorie) contiene capsaicina che innesca un meccanismo per cui il corpo è indotto a bruciare più calorie dopo averli mangiati.

Concludono la top ten dei cibi a calorie negative il caffè, con appena 2 calorie per ogni tazzina (amaro e non zuccherato) e le carne magra, per lo più bianca di pollo ( 172 calorie per 100 grammi) e di tacchino (144 calorie per 100 grammi),  un’ottima fonte di proteine che richiedono una lavoro maggiore di digestione e dunque un maggior consumo energetico da parte dell’organismo.