Plancton: usi e benefici

247
plancton

Al contrario di quanto si potrebbe pensare, il plancton non è una pianta oceanica. Si tratta invece di organismi acquatici monocellulari che possono trovarsi sia in acque dolci che salate.

Questi microrganismi hanno contribuito alla creazione dell’atmosfera terrestre, oltre 3 milioni di anni fa, e permesso alle creature viventi di fuoriuscire dall’acqua. Non è difficile immaginare, quindi, quanti benefici può portare alla nostra salute. Il plancton è ricco di piccole particelle nutrienti che sono facilmente assorbibili dal nostro organismo.

Da qualche tempo, esso è diventato un nuovo ingrediente – amatissimo anche dagli chef stellati – da utilizzare in cucina. La sua popolarità sta notevolmente crescendo e sembra aver conquistato un po’ tutti, mettendo d’accordo gusti ed esigenze diverse. Sì, perché il plancton è adatto anche a chi segue una dieta vegana.

È infatti di derivazione completamente vegetale e in più contiene molta vitamina B12, che solitamente è presente nelle carni e nei suoi derivati.

Cos’è il plancton?

Il plancton è un organismo, marino e d’acqua dolce, troppo debole e piccolo per essere in grado di nuotare. Per questo motivo tende ad andare alla deriva e a vagare nelle acque. Il plancton non è riconducibile alla classe delle piante, ma nemmeno a quella degli animali. È invece appartenente alla categoria dei protisti, microscopici organismi unicellulari.

Il plancton assorbe l’energia dal sole e i nutrienti dall’acqua per realizzare il proprio cibo; buona parte dell’ossigeno presente sulla terra è prodotto da questo tipo di fotosintesi. Questo microrganismo si trova soprattutto nell’Oceano Pacifico e Atlantico, nelle aree di alta latitudine.

L’importanza del plancton è innegabile: è alla base della catena alimentare acquatica, quindi senza di esso non potrebbe esistere vita nell’Oceano.

Benefici del plancton

Migliora l’umore

Aggiungere del plancton marino alla propria dieta potrebbe aiutare a migliorare l’umore, rendendolo un alleato nel trattamento di stati depressivi. Recenti ricerche hanno registrato la comparsa di una sensazione di benessere, pace e forte energia nei soggetti che hanno assunto plancton durante il periodo di studio.

Potenzialmente anti-cancro

I ricercatori statunitensi hanno analizzato alcuni organismi marini, cercando di scoprire quale tra loro avesse maggior capacità di reagire alle cellule tumorali. Il risultato maggiore l’ha ottenuto proprio il plancton.

La ragione è spiegata nell’alto contenuto di antiossidanti, di cui questo microrganismo è ricco. Essi contrastano gli effetti dannosi dei radicali liberi, preservando dall’ossidazione delle cellule, che porta a invecchiamento e morte dei tessuti.

Detox

Il plancton ha un’azione rigenerante e disintossicante sul nostro corpo. Il nostro sangue è composto principalmente di acqua, ma la cosa interessante è che il plasma (la parte acquosa del sangue) contiene un livello di sale e ioni molto simile a quello dell’acqua marina. Per questo il plancton ha un’azione così efficaci anche su di noi.

I ricercatori hanno poi dimostrato che esso è la fonte migliore di superossido dismutasi (SOD): si tratta del più potente enzima antiossidante  che gioca un ruolo cruciale nel ridurre infiammazioni e danni dovuti all’ossidazione. È inoltre un efficace agente disintossicante, in grado di eliminare i metalli pesanti dall’organismo.

Rinforza il sistema immunitario

Il plancton viene assorbito a livello cellulare, in questo modo il corpo non ha bisogno di dipendere dal sistema digestivo o dai reni per metabolizzarlo. Questo non solo aiuta il corpo ad ottenere i nutrienti necessari anche quando il fegato non è in grado di funzionare correttamente, ma addirittura ne migliora le condizioni di salute.

Le persone che assumono plancton hanno dimostrato avere alti livelli di CD3 nel sangue. Esso è indicativo della presenza di linfociti-T, che sono essenziali per garantire le difese immunitarie ed eliminare virus e batteri dal corpo.

Rigenera le cellule

Implementare la dieta con il plancton aiuta a rinforzare le membrane cellulari e innesca il processo di rigenerazione delle cellule danneggiate e la produzione di quelle nuove. Esso contiene moltissimi nutrienti essenziali, come aminoacidi, vitamine, sali minerali, antiossidanti, fosfolipidi, elettroliti, acidi nucleici, enzimi e coenzimi.

Aiuta il cuore

Il plancton è ricco di aminoacidi, minerali e omega-3. Sono sostanze fondamentali quando si segue una dieta giornaliera di supporto al cuore. Gli omega-3 sono grassi acidi particolarmente importanti per la salute del cuore, ma sfortunatamente il nostro organismo non ne produce, quindi bisogna integrarli diversamente.

Altri nutrienti amici del cuore, che si trovano nel plancton, sono EPA e DHA. Essi comportano notevoli benefici, inclusa la capacità di ridurre le infiammazioni, garantire un battito del cuore costante, prevenire la formazione di coaguli nei vasi sanguigni e abbassare il livello dei trigliceridi. Il consumo di plancton aumenta notevolmente i livelli di EPA e DHA.

Come assumere il plancton

Il plancton può essere reperito in forma liquida, come integratore, ma anche in compresse o polvere. Viene venduto nei negozi dedicati alla salute del corpo e nelle erboristerie. È importante scegliere un prodotto che non contenga additivi, ma esclusivamente plancton non lavorato.

Recentemente, il plancton è stato messo in commercio anche come prodotto da aggiungere alle ricette. Moltissimi chef stellati, infatti, hanno colto l’occasione per inserirlo come ingrediente nei loro piatti.

Cucinare con il plancton

Il plancton aggiunge alle ricette quel tocco di freschezza tipico dell’oceano, oltre che apportare numerosi benefici alla nostra salute. Quando si cucina il plancton, solitamente si miscela con dell’acqua o si aggiunge a brodi di carne e pesce. State solo attenti alle temperature: esso non va mai fatto riscaldare troppo a lungo. Per questo, è consigliabile sempre aggiungerlo quasi a fine cottura. Vediamo due ricette per gustare il plancton in maniera originale e leggera, in vista dell’estate.

Maionese di plancton

Per farcire i vostri panini, insalate o hot dog, potete provare questa maionese al plancton. Buona e facile da preparare.

Ingredienti

  • 2 uova intere
  • Succo di mezzo limone
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino e mezzo di plancton
  • 1 bicchiere di olio d’uva

Versate le uova intere, il succo di limone, il sale e il plancton in un frullatore ad alta velocità. Dopo circa un minuto, riducete la velocità del mixer e aggiungere l’olio a filo. Continuate finché tutto l’olio non sarà terminato.

Crema al plancton per insalate

Con l’arrivo dell’estate, niente è meglio di un’insalata fresca da gustare. Dal sapore tropicale e brioso, questa crema al plancton è l’ideale per accompagnare insalate di tutti i tipi.

Ingredienti

  • 1 tazza di anacardi
  • 1 cucchiaino e mezzo di plancton
  • 1 bicchiere d’acqua
  • 2 cucchiaini di succo di limone
  • Prezzemolo quanto basta
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 gambo di scalogno
  • 1 cucchiaino di zenzero
  • ½ avocado
  • Peperoncino in polvere quanto basta

Versate tutti gli ingredienti in un mixer insieme a metà della quantità di acqua indicata nella ricetta. Aggiungetene poco alla volta fino a che il composto non avrà raggiunto la consistenza desiderata. A questo punto la crema è pronta per l’insalata.

Il plancton può essere anche aggiunto ai vostri smoothie, ne basterà solo mezzo cucchiaino per gustarsi una bevanda fresca e salutare.

Alessandra Montefusco
Ho una laurea magistrale in Teoria dei linguaggi e sono appassionata di rimedi naturali e cosmetica ecobio sin dall’adolescenza. Per questo cerco sempre di tenermi aggiornata sulle ultime novità del settore e sulle potenzialità dei prodotti che madre natura ci ha donato. Mi occupo di comunicazione e lavoro nel settore degli audiovisivi. Amo la musica - mia grande passione - la letteratura, il cinema, le passeggiate all’aria aperta e…il cibo!