Sciroppo Miele Zenzero e Limone per tosse e raffreddore

3.498 views
sciroppo miele limone raffreddore

Sfortunatamente per noi, l’influenza è sempre dietro l’angolo. Ecco una semplicissima ricetta per preparare un ottimo sciroppo fatto in casa a base di ingredienti naturali.

Questo infatti è un rimedio naturale top per alleviare sintomi influenzali come raffreddore, tosse e mal di gola. Per di più, abbiamo bisogno di soli 3 ingredienti, semplici e genuini: limone, miele e zenzero.

Ingredienti

  • Un limone con tutta la scorza (meglio se biologico)
  • Un pezzetto di zenzero
  • Miele q.b. (potete scegliere la qualità che preferite)
  • anice stellato (facoltativo)
  • Un vasetto di vetro sterilizzato (da 0,25 l è ottimo)

Procedimento

  1. Per prima cosa, occorre lavare il limone accuratamente, asciugarlo e privarlo delle estremità. Procediamo tagliando il limone in fettine sottili che verranno successivamente inserite nel vasetto. Se preferiamo, possiamo tagliare le fettine a metà formando dei triangolini.
  2. Come secondo step, dobbiamo sbucciare lo zenzero, lavarlo e asciugarlo. Dopo questo passaggio, occorre tagliarlo in piccoli pezzettini.
  3. Per quanto riguarda il miele, deve essere molto liquido. Potrebbe essere utile scioglierlo prima a bagnomaria!
  4. A questo punto, possiamo inserire le fettine di limone e zenzero nel vasetto pulito e sterilizzato. Quasi come se stessimo preparando un tiramisù, alterniamo il miele, il limone e lo zenzero, e piano piano aggiungiamo di nuovo il miele fino a riempire tutto il vasetto (lasciando però un po’ di spazio prima del bordo. Non deve essere riempito fino all’orlo, mi raccomando!). Il miele deve coprire le diverse fette.
  5. Prima di ultimare la preparazione, è utile “scuotere” leggermente lo sciroppo in modo tale che non siano presenti delle bolle d’aria. Si può inoltre “pressare” leggermente gli ingredienti per accorparli meglio.
  6. Chiudere ermeticamente il vasetto e riporlo in frigorifero.

NB. Se è di vostro gusto, ai vari strati potete aggiungere qualche pezzetto di anice stellato.

Conservazione

Prima di poter consumare lo sciroppo, occorre tenerlo in frigo per 3-4 giorni, in modo che si assesti del tutto.

Il limone, tra le sue componenti e proprietà, contiene anche pectina (utilizzata spessissimo nelle marmellate). La pectina, dalle proprietà addensanti, aiuta a rendere il nostro sciroppo più gelatinoso dopo che ha riposato in frigorifero per qualche giorno.

Poiché si tratta di uno sciroppo naturale, la sua conservazione è fondamentale.

Tenendolo sempre in frigo, il composto può durare per un mese, ma bisogna stare attenti alla possibilità di comparsa di muffe. Per questo motivo, ricordate di chiudere ermeticamente il vasetto e di conservarlo nel modo giusto!

Come utilizzare lo sciroppo fatto in casa?

In base alla necessità, si possono aggiungere 1 o 2 cucchiaini colmi di sciroppo in una tazza d’acqua calda. In alternativa, si può scegliere anche una tazza di tè, che diventerà ancora più deliziosa se in coppia con lo sciroppo.

È possibile anche assumere direttamente un cucchiaino di composto “puro”, per calmare i sintomi della tosse. Basta però non superare i 3 cucchiaini giornalieri!

In alternativa allo sciroppo naturale, possono rendersi utili anche delle buonissime caramelle balsamiche al limone e zenzero fatte in casa!

Proprietà e controindicazioni

Miele, limone e zenzero rappresentano un trio vincente contro i sintomi del raffreddore, tosse e mal di gola.

Il limone ha proprietà depurative e disinfettanti, il miele gode di numerose proprietà terapeutiche e lo zenzero è noto per il suo potere antinfiammatorio.

Lo sciroppo fatto in casa non presenta particolari controindicazioni. Tuttavia, ne è sconsigliato l’uso per i lattanti e i bambini al di sotto dei sei mesi, poiché il miele può contenere batteri di botulino. Anche l’anice stellato può avere degli effetti collaterali.

Inoltre, si sconsiglia l’uso per chi soffre di particolari allergie o ipersensibilità a uno dei singoli prodotti. Perciò, è opportuno consultare il proprio medico in base alla gravità dei sintomi, e se si è in gravidanza o allattamento.