I benefici del timo per il nostro corpo

Il timo è un piccolo arbusto diffuso nelle zone mediterranee, soprattutto lungo le coste. La fioritura di questa pianta avviene tra maggio e ottobre e ne esistono numerose varietà, quella più conosciuta per le sue proprietà curative è il timo volgare, ma è possibile utilizzare anche il timo serpillo, sebbene  meno conosciuto possiede proprietà molto simili a quelle del timo volgare.

Benefici del timo

Il timo è una pianta ricca di oli essenziali, come il timolo e il carvacrolo. Tali oli, come accertato da numerosi studi scientifici, sono molto efficaci per debellare tutti i tipi di batteri e persino alcuni virus.

Le atre due sostanze molto preziose per il nostro organismo, contenute nel timo sono i tannini e le saponine,  che conferiscono al timo il suo classico sapore amarognolo ma sono molto efficaci nel favorire l’espulsione del catarro, in presenza di tosse grassa.

Vediamo quali sono le principali virtù terapeutiche del timo e come poter preparare degli efficaci rimedi naturali sia per uso interno che esterno.

Prima di utilizzare il timo rivolgersi al proprio medico per evitare tutte le possibili allergie, intolleranze, effetti collaterali!

Infusi e tisane con il timo

Questa pianta può essere utilizzata per preparare infusi e tisane, efficaci nel contrastare i seguenti malesseri:

  • Per curare la tosse e la bronchite: in tal caso occorrono circa 50 g di sommità di timo fiorite da far bollire in mezzo litro d’acqua. Una volta che l’acqua è giunta ad ebollizione, è necessario lasciarla raffreddare per 5 minuti e filtrarla. Prima di bere l’infuso è necessario aggiungere 80 g di miele di castagno o di eucalipto, quest’ultimo è maggiormente indicato in caso di tosse forte. Una volta pronta la bevanda, potete berne una tazza dopo ogni pasto, fino a quando non starete meglio.
  • Per sciogliere il catarro: in questo caso si può preparare una tisana da bere 2-3 volte al giorno versando 100 ml d’acqua bollente in 3 g di sommità fiorite. Per completare il tutto è necessario aggiungere un cucchiaino di miele di pino o di eucalipto.
  • Per chi soffre di aria nella pancia, diarrea, pesantezza di stomaco: in questo caso si consiglia ingerire 2 gocce di olio di timo diluite in un bicchiere d’acqua, dopo ogni pasto.
  • Per aumentare il flusso mestruale: attrezzatevi con alcuni rametti fioriti di timo e di un litro di vino bianco secco, ad alta gradazione alcolica. Lasciate macerare i rametti nel vino per tre giorni e dopo filtrate il tutto. Una volta pronta, questa bevanda va consumata nelle dosi di due cucchiai al giorno da prendere nei dieci giorni che precedono l’inizio del ciclo mestruale.

Olio essenziale di timo

Le foglie di timo e l’olio essenziale possono essere utilizzate, estraendo l’olio essenziale, esternamente per trattare i seguenti fastidi:

  • Per alleviare le infiammazioni della gola e in caso di tonsillite: in questo caso è necessario utilizzare un paio di gocce di olio essenziale sciolte in un bicchiere d’acqua per poter fare dei frequenti gargarismi. L’olio di timo di può acquistare già pronto in erboristeria.
  • Per alleviare il mal di testa, l’insonnia e lo stress: è sufficiente mettere una goccia di olio essenziale di timo sul cuscino prima di andare a dormire e vi sentirete meglio in poco tempo. Le proprietà del timo per combattere gli stati nervosi erano conosciute già durante il Medioevo, era infatti usanza diffusa, in questo periodo, mettere il timo all’interno del cuscino per combattere la malinconia.

Controindicazioni del timo

Il timo non può essere utilizzato come erba curativa se si sta portando a termine una gravidanza, dal momento che potrebbe stimolare le contrazioni dell’utero.

Si sconsiglia l’uso di quest’erba anche durante l’allattamento e nei bambini di età inferiore ai 10 anni. Infine si consiglia di non eccedere troppo nelle quantità, poiché dosi troppo elevate possono provocare vomiti e rendere difficoltosa la respirazione.