Come pulire la cappa della cucina!

14448
come-pulire-filtri-cappa

Ci sono alcuni elettrodomestici indispensabili, che ci facilitano la vita quotidiana in ogni suo aspetto.

In cucina ce ne sono di diversi, ognuno con la sua specifica funzionalità. La cappa, ad esempio, non può mai mancare. Utilissima perché assorbe tutti gli odori emanati dai cibi che con tanto amore cuciniamo.

Proprio perché aspira i vapori e odori anche molto persistenti, va pulita periodicamente e correttamente. La pulizia non solo ci permette di eliminare lo sporco e i cattivi odori, ma fa sì che la nostra cappa duri nel tempo.

Infatti, se trascuriamo questo tipo di pulizia, potrebbe non aspirare in modo corretto o debole, andare sotto sforzo e rompersi!

Ecco come pulire la cappa in cucina con metodi casalinghi ed efficaci!

N.B. vi ricordiamo che occorre seguire attentamente le istruzioni fornite dal produttore, sia nella fase di smontaggio sia nella pulizia più adatta alla vostra cappa.

Prima di iniziare

Le cappe possono essere fabbricate usando materiali diversi, ma in genere quelli che troviamo in commercio e nella maggior parte delle cucine è la cappa in acciaio. Materiale elegante e resistente, deve essere pulito nel modo giusto affinché non vi sia alcun alone.

Molto importante. Prima di cominciare, assicuratevi di aver staccato la spina della cappa o aver staccato la corrente per pulire la cappa in tutta sicurezza.

Ricordatevi poi che tutto va asciugato accuratamente, non bisogna lasciare alcuna traccia d’acqua, onde evitare il guasto dell’elettrodomestico o altri inconvenienti.

Iniziamo a vedere come pulire la cappa step by step!

Pulizia esterna

Si può dire che la pulizia esterna sia più veloce e va fatta in modo più accurato almeno una volta alla settimana. L’ideale sarebbe detergerla dopo ogni pranzo o cena, oppure quando si cucina qualcosa che può sporcare un po’ di più, come il sugo o i fritti.

In ogni caso, vi sono diversi prodotti casalinghi che possiamo usare per lucidare e sgrassare la cappa della cucina.

Acqua e aceto

Il primo metodo utile a pulire l’esterno della cappa è una soluzione di aceto e acqua in parti uguali, da versare in un contenitore spray e vaporizzare sulla superficie.

L’aceto ha moltissime proprietà ed è molto versatile in cucina. Infatti ha proprietà detergenti, sgrassanti, anti-calcare e antiodore.

Con un solo rimedio naturale avrete pulito in modo impeccabile l’esterno della cappa. Quando spruzzate la soluzione, attendete giusto qualche minuto che agisca, risciacquate e asciugate con un panno.

Acqua e bicarbonato

In alternativa all’aceto potete usare tranquillamente del bicarbonato di sodio.

Questo prodotto casalingo svolge un’azione assorbente e delicatamente abrasiva, che lo rende ottimo per la pulizia di molte superfici.

Prendete dell’acqua calda e metteteci del bicarbonato. Regolatevi un po’ ad occhio, deve essere una soluzione ben sciolta.

Potete mettere il tutto in uno spruzzino o inumidire un panno in microfibra.

Sapone di Marsiglia

Per un effetto ancora più sgrassante, potete usare il famoso Sapone di Marsiglia, un sapone naturale molto profumato dalle potenti capacità detergenti.

Non è un prodotto aggressivo, quindi potete comodamente usarlo per pulire la cappa. Bastano poche gocce della sua versione liquida.

Anche qui, sciacquate e asciugate accuratamente. In alternativa un po’ di sapone neutro può andare bene.

Pulizia interna

Passiamo ora alla pulizia interna della cappa, che può essere svolta periodicamente e in genere ogni 3-4 settimane. Molto dipende anche da ciò che cuciniamo e la frequenza con cui lo facciamo.

Seguite le istruzioni dell’elettrodomestico per smontare filtri ed eventuali coperchi nel modo giusto.

Filtri

Molto importante e da non trascurare è la pulizia dei filtri della cappa, che trattengono i vapori e lo sporco.

Ma, anche in questo caso, possiamo servirci di alcuni rimedi naturali dalle potenti proprietà sgrassanti. Inoltre, se non avete tempo, la maggior parte dei filtri sono in metallo e potete anche lavarli in lavastoviglie.

Qualora invece ci sia la necessità di pulire e sgrassare in modo ancora più profondo, fate bollire dell’acqua. Nel frattempo riponete i filtri nel lavello cospargendoli con del bicarbonato di sodio.

Versate l’acqua nel lavello, facendo attenzione a non scottarvi. I filtri vanno lasciati in ammollo anche per un’oretta, nel frattempo possiamo dedicarci alla pulizia interna della cappa.

Una volta terminato il tempo d’attesa, con una spugnetta rimuovete lo sporco. Se le maglie del filtro sono molto strette, le fibre della spugna possono restare incastrate.

Quindi potete prendere un vecchio spazzolino da denti, intingerlo in un po’ di bicarbonato e strofinare. Risciacquate bene, fate scolare l’acqua e lasciate asciugare completamente, anche all’aria aperta.

Interno della cappa

Per l’interno della cappa, seguite le istruzioni di produzione per poterla pulire in modo sicuro. Non usate un panno troppo bagnato, ma umido e con prodotti non troppo aggressivi.

Per la pulizia, potete mettere qualche goccia di aceto sul panno oppure la soluzione di acqua e bicarbonato.

Passatela laddove possibile e subito asciugate in modo che non ci sia alcuna traccia di acqua.

Avvertenze

Ricordiamo che è necessario staccare la spina o la corrente per lavare la cappa in modo del tutto sicuro. Seguite sempre le indicazioni di produzione per pulire l’elettrodomestico e non recargli alcun danno o provocare guasti.

Altri consigli di pulizia

Gli elettrodomestici ci facilitano la vita, per questo dobbiamo pulirli nel modo più delicato possibile!

Giuliana Mele
Laureata in Lingue, Lettere e Culture comparate presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”. Con la danza nel cuore e nell’anima, resto affascinata da ogni forma d’arte. Divoratrice di libri e musica e da sempre appassionata di benessere, cosmetica bio e rimedi naturali.