Addio macchie sui tappeti con questi metodi efficaci!

3796
come-pulire-tappeti

Salotto, camera da letto, bagno, addirittura terrazza: ogni luogo è adatto al giusto tappeto.

Che sia un tappeto pregiato o un tappetino da bagno, questi elementi d’arredo hanno bisogno di pulizia e cura.

In particolare, i tappeti sono particolarmente soggetti all’accumulo di polvere e, essendo fatti di tessuto, si sporcano facilmente.

Nata in oriente nel VI secolo, la produzione di tappeti si diffuse ben presto nel resto del mondo, assumendo caratteristiche diverse in base ai luoghi differenti.

Oggi, è possibile trovare tappeti in quasi ogni casa per motivi di utilità (come nel caso dei tappetini da bagno) o per fini puramente estetici (come nel caso dei bellissimi tappeti persiani).

Ma come fare quando uno dei nostri tappeti si macchia?

Le soluzioni sono semplici, ma cambiano a seconda della tipologia di macchia. Vediamole insieme.

Attenzione: prima di procedere all’applicazione dei rimedi indicati, controllate sempre le indicazioni di produzione dei vostri tappeti per evitare di utilizzare un metodo meno adatto e rovinare il tappeto.

Macchie di vino

Una serata tra amici, una piccola distrazione e… una macchia di vino sul tappeto! Nessun problema. Scopriamo insieme come eliminarla.

Sapone di Marsiglia

Se la macchia è fresca, è più facile che possa essere rimossa ed è più semplice farlo.

Mescolate qualche scaglia di sapone di Marsiglia a dell’acqua. Quando la macchia è fresca è importante usare acqua non troppo calda, ma tiepida.

Inoltre, un segreto è quello di utilizzare acqua frizzante che, con la sua effervescenza, possa aiutare nella rimozione della macchia.

Prendete il composto è strofinatelo sulla macchia con una spugna, insistendo particolarmente se la macchia è arrivata in profondità.

Acqua ossigenata

Se la macchia si è già formata da un po’ di tempo, dovrete utilizzare un metodo più aggressivo.

Si tratta dell’acqua ossigenata che potete passare sulla macchia con l’aiuto di un batuffolo di cotone o di un panno in microfibra.

Se il tappeto è particolarmente pregiato, non usate mai l’acqua ossigenata pura, ma diluitela in acqua normale, per scongiurare il pericolo di scolorimento.

L’acqua ossigenata riesce a sciogliere i residui di vino incrostati e attaccati alle fibre di tessuto.

Macchie di caffè o altre bibite

Il caffè, ahimè, può fare veri e propri danni se cade sul tappeto. Le sue macchie sono tra le più difficili da rimuovere. Vediamo insieme come agire.

Alcol acetico

Innanzitutto, anche in questo caso è importante agire in fretta.

Non appena la macchia si forma, prendete della carta assorbente o un panno di cotone bianco e tamponate.

In questo modo assorbirete già buona parte del caffè che non si è ancora asciugato, evitando l’espandersi della macchia.

Poi, aggiungete un misurino di alcol acetico a un litro d’acqua tiepida. Lasciate riposare qualche minuto e poi applicate sulla macchia.

Infine, risciacquate e, se necessario, ripetete il procedimento.

L’alcol acetico, col suo potere sgrassante. avrà ripulito il tappeto da ogni residuo di caffè.

Macchie di cioccolato, salsa, gelato

Capita che, soprattutto se siete in salotto, i vostri alimenti macchino il tappeto provocando danni all’apparenza irreversibili.

In realtà, rimuovere queste macchie può essere semplice e veloce se si sa quale rimedio applicare.

Sapone di Marsiglia

Anche per questo tipo di macchie il sapone di Marsiglia è un ottimo alleato.

Prima di applicarlo, però, se la macchia si è formata per un alimento solido o semi-solido è importante provare a rimuovere i residui utilizzando un cucchiaino in metallo.

Solo successivamente potete procedere alla pulizia vera e propria mescolando sapone di Marsiglia e acqua tiepida e applicando il composto sulla macchia.

Poi risciacquate e, se necessario, ripetete il tutto.

Amido di mais o riso

Un ottimo rimedio per assorbire le macchie alimentari, soprattutto quelle di grasso, consiste nel cospargere la zona con dell’amido di mais o riso.

Più precisamente, dovete lasciare il rimedio in posa per almeno 10/15 minuti. Poi, sfregate e strofinate la zona con l’aiuto di una spugnetta inumidita.

Risciacquate e… voilà! La macchia sarà completamente scomparsa.

Macchie di sangue

Una sbucciatura al ginocchio di vostro figlio, un dito tagliato, una piccola ferita: le cause delle macchie di sangue sui tappeti possono essere tante.

Vediamo insieme come eliminarle.

Succo di limone

Per le macchie di sangue ci vuole una sostanza con proprietà solventi, sgrassanti e disinfettanti: il succo di limone.

Prendete il succo di un limone, diluitelo in mezzo litro d’acqua e, con l’aiuto di una spugnetta, passatelo sulla macchia.

Lasciate agire il tutto per almeno 20 minuti. Poi risciacquate.

Se la macchia è ancora presente, ripetete il procedimento.

Bicarbonato di sodio

Un classico per le pulizie domestiche, utilissimo anche contro le macchie più difficili da rimuovere!

Il bicarbonato di sodio è una delle sostanze più efficaci per rimuovere le macchie ostinate, in particolare quelle di sangue.

Per usarlo al meglio, vi basterà prenderne una manciata e inumidirla, andando così a creare una sorta di composto pastoso.

Poi spalmatela sulla macchia e lasciate agire per 30 minuti.

Risciacquate con acqua tiepida. La macchia sarà completamente scomparsa, solitamente senza nemmeno bisogno di una seconda applicazione.

Altri consigli

Se siete in vena di pulizie domestiche e volete saperne di più sui rimedi naturali, leggete i nostri articoli:

Gianluca Grimaldi
Nato a Napoli, sono laureato in giurisprudenza. Da sempre sono appassionato di prodotti biologici, del loro utilizzo e di tutto quello che è benessere. Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".