Come far asciugare presto i Panni stesi in Casa se fuori Piove?

194
come-asciugare-panni-in-casa

Spesso, quando organizziamo le faccende di casa, basiamo tutto sui panni da lavare, stendere e far asciugare. Ma quando il tempo è un po’ “ballerino”, la pioggia può coglierci di sorpresa e ci ritroviamo a stendere i vestiti in Casa.

E se succede, non sempre lo facciamo nel modo giusto. E umidità, panni umidi e puzzolenti sono all’ordine del giorno, soprattutto quando ci avviciniamo alle stagioni più fredde.

Quindi come far asciugare in Casa i Panni stesi se fuori sta piovendo? Vediamo insieme un Metodo semplice e molto efficace, per non avere brutte sorprese!

Come usare la Centrifuga nel modo giusto

Quando laviamo i vestiti in lavatrice, la centrifuga è fondamentale per ottenere un risultato ottimale ed evitare panni che puzzano di umido.

Da questo punto di vista, le etichette di lavaggio ci guidano al fine di non rovinare i vestiti che sono in lavatrice. Ma se il tempo è umido e piove, come la dobbiamo impostare?

In genere tendiamo ad utilizzare una “funzione media” della centrifuga, quindi sugli 800 giri. Questa funzionalità è ottima se vogliamo piegare i panni in modo ordinato senza stirarli.

Quando fuori piove, invece, una centrifuga da 1000/1200 giri strizzerà meglio i vestiti in lavatrice, permettendoci di farli asciugare molto prima!

Un ruolo fondamentale è giocato anche dall’ammorbidente. Possiamo usarne uno fatto in casa e con ingredienti naturali, e con l’aiuto degli oli essenziali (per esempio, quello alla lavanda) il profumo di pulito rimarrà anche se lo stendibiancheria è posizionato all’interno e non all’esterno, mentre i vestiti rimarranno morbidi.

Come scegliere la stanza migliore

A lavatrice conclusa, dobbiamo scegliere la stanza migliore per far asciugare i vestiti in Casa.

Innanzitutto, è da escludere la camera da letto, poiché i panni bagnati (anche se ben strizzati) possono aumentare il tasso di umidità nella stanza, compromettendo il suo ambiente salubre.

Perciò meglio prediligere una stanza “meno frequentata” (come uno studio, per fare un esempio), e posizionare lo stendino in prossimità delle finestre, che potremmo lasciare un po’ aperte, permettendo il ricambio d’aria.

A tal proposito, è fondamentale che anche la porta che collega al resto della casa resti aperta, per non creare una “cappa di umida”.

Trucco del ventilatore

Se sappiamo che quel giorno dovrà piovere, scegliamo di stendere i panni in casa al mattino, poiché l’umidità è sempre di meno.

Ma cosa fare se la pioggia ci coglie di sorpresa? Un trucchetto utile è quello del ventilatore, quindi un ottimo motivo per tenerlo sempre a portata di mano anche nelle stagioni autunnali!

Posizionate il ventilatore in prossimità dello stendibiancheria, a una distanza tale da poter coinvolgere tutti i vestiti. Questo piccolo trucco ci darà una mano per farli asciugare bene e prima.

Come stenderli se piove

Beh, quanto a questo non c’è un metodo particolare, è semplice ma fondamentale per fare asciugare completamente i vestiti!

Fate in modo che siano ben distesi e che ci sia abbastanza spazio tra un capo e l’altro. Se fossero tutti ammassati, ci metteremmo una vita per asciugarli e avranno quel classico “odore di chiuso” che resterà per giorni.

Se vorrete utilizzare anche il ventilatore, sarà una combinazione perfetta per far asciugare i panni stesi in casa.

Deumidificatori naturali

Sapevate che con dei semplici rimedi naturali possiamo ridurre in modo ottimale l’umidità presente nelle stanze?

Oggi ve ne presentiamo due. Semplici, economici, ma molto efficaci!

Metodo del Colino

Uno di quelli più utilizzati (e anche tra quelli che preferisco) è il Metodo del Colino. Non fatevi ingannare dal nome, scopriremo insieme che non è soltanto vantaggioso come metodo ma anche facilissimo!

Per prepararlo, ci serviranno:

  • sale grosso q.b.
  • un bicchiere, in alternativa anche un barattolo o una ciotola
  • colino

Ora vediamo come assemblare questo occorrente. Accanto allo stendibiancheria, poggiate il barattolo o il bicchiere che avete scelto. Meglio che abbia la stessa ampiezza del colino, che riempiremo con del sale grosso.

Poggiate il colino sul barattolo e noterete (con l’andare della giornata) che il sale assorbirà l’umidità presente nella camera e la “farà scendere” nel barattolo!

Ciotola di riso

Oltre al sale, anche il riso possiede innumerevoli proprietà per le pulizie di casa.

Possiamo adoperarlo nel metodo del colino, di cui abbiamo parlato sopra, oppure in alternativa metterlo semplicemente in una ciotola e posizionarlo dove ritenete opportuno.

Rimedio della Nonna per asciugarlo prima

Per un aiutino in più, possiamo sempre servirci degli antichi consigli delle nostre nonne… e forse anche voi ne avete sentito parlare!

Quando stiamo lavando vestiti dai tessuti più pesanti, come jeans o maglioni di lana, asciugarli in fretta può sembrare solo un miraggio… a meno che non utilizziamo il trucco dell’Asciugamano!

Più economico di così! Ci basterà avvolgere i vestiti da trattare nella spugna per qualche minuto, dopodiché potremmo procedere a stenderlo.

Un altro trucchetto che spesso si faceva in passato è anche quello di posizionare un vecchio asciugamano a terra, proprio dove c’è lo stendino, così viene assorbita l’acqua in eccesso (evitando di rovinare i pavimenti) e in qualche modo aiutare ad assorbire l’umidità dei panni stessi.

Avvertenze

Ricordiamo di leggere le etichette di lavaggio, per valutare se è il caso di utilizzare una centrifuga più “forte” sui panni da lavare. Inoltre è meglio usare questo Metodo solo quando è necessario, per non aumentare troppo l’umidità in casa.