Come pulire i fuochi della cucina!

131572
come-pulire-fuochi-cucina

Quando si è in cucina, si sperimentano piatti e prelibatezze uniche e originali! Ci cimentiamo a realizzare ricette che sanno dare tante soddisfazioni… Ma la cucina dopo è un disastro!

Infatti, preparazioni dopo preparazioni, il piano cottura tende a macchiarsi e lo sporco a incrostarsi. Bruciatori (detti anche fuochi), spargifiamma e griglie possono durare meno nel tempo se non puliti nel modo giusto!

Ecco perché oggi vogliamo svelarvi come pulire i fuochi della cucina utilizzando rimedi casalinghi, economici ed efficaci!

Vediamo come fare!

N.B. I piano cottura possono presentare materiali e strutture differenti. Proprio per questo consigliamo di attenersi sempre alle indicazioni di produzione e staccare la corrente e il gas per pulire in tutta sicurezza.

Metodo della pentola

Per la pulizia dei fuochi, dobbiamo tenere presente che lo sporco può essere molto incrostato e difficile da rimuovere, anche se usiamo una spugna abrasiva, che può graffiarli!

Ecco perché abbiamo un metodo casalingo molto semplice da seguire che vi aiuterà a sgrassare per bene i bruciatori.

Ecco cosa vi occorrerà:

  • acqua
  • aceto bianco
  • bicarbonato
  • spazzolino e paglietta di alluminio
  • pentola

Prendete una pentola con dell’acqua e fatela bollire. Dopodiché inserite dell’aceto bianco e i fuochi della cucina.

Per far sciogliere le incrostazioni, bisogna attendere un po’. In genere anche un’oretta. Dovete aspettare che l’acqua con l’aceto si raffreddino.

A questo punto, munitevi di uno spazzolino da denti e una paglietta. Se i fuochi non sono molto sporchi, vi basterà passare la paglietta di alluminio velocemente. Se invece c’è bisogno di lavorare un altro po’, vi spieghiamo subito come fare!

Bagnate lo spazzolino da denti con la soluzione di aceto e acqua e intingetelo nel bicarbonato. Passatelo negli angoli nascosti dei bruciatori e noterete che questa pasta abrasiva vi aiuterà a rimuovere lo sporco con facilità!

Non vi resta che risciacquare e asciugare per bene!

Ugelli del gas

Nel frattempo che i fuochi della cucina sono in ammollo in acqua e aceto, possiamo dedicarci alle altre componenti del piano cottura per averlo super pulito per moltissimi giorni!

Gli ugelli del gas vanno puliti periodicamente, altrimenti c’è il rischio che il gas non esca correttamente e che la fiamma sia debole.

Per prima cosa, occorre liberare gli ugelli da residui di cibo e briciole. Con un aspiratutto, rimuoviamo tutti questi residui prima di procedere al vero e proprio “lavaggio”.

N.B. C’è chi ha più dimestichezza e rimuove l’ugello per pulirlo. Se non siete pratici, non avventuratevi ed eseguite una semplice pulizia.

Già con l’utilizzo di un panno in microfibra umido, rimuoveremo lo sporco e i residui con facilità. C’è inoltre un altro trucchetto che può esservi utile.

In una ciotola potete mescolare del lievito di birra secco con un po’ di aceto e formare una crema. Sempre con lo spazzolino, strofinate per bene.

Eliminate l’eccesso con un panno umido e asciugate bene prima di riporre i fuochi.

Inoltre, con l’aiuto di uno stuzzicadenti, eliminate le incrostazioni intorno agli ugelli in modo che siano ancora più puliti.

Spargifiamma

Per gli spargifiamma, anche conosciuti come piattini, dobbiamo essere un po’ più delicati.

Anche questo accessorio del piano cottura può essere costituito da materiali diversi. In genere, gli spargifiamma o piattini sono in ghisa, per questo non dobbiamo utilizzare prodotti troppo aggressivi per pulirle.

Mettiamole in ammollo con acqua calda e qualche goccia di sapone per i piatti ecologico. Aspettiamo una ventina di minuti, nel caso lo sporco è incrostato possiamo usare del carbonato di sodio.

Il carbonato di sodio non è altro che la soda da bucato, è un’ottima alternativa ecologica non solo per la pulizia dei panni ma anche per smacchiare in modo semplice ed efficace il piano cottura.

Griglia

Le griglie del piano cottura sono forse le più antipatiche da pulire. Inoltre sono costituite principalmente in ghisa, quindi anche in questo caso dobbiamo procedere in modo non troppo aggressivo e non utilizzare spugne abrasive o pagliette.

Lasciate le griglie in ammollo per un’oretta con acqua calda e detersivo per i piatti. In questo caso non usate il carbonato poiché potrebbe opacizzarle.

E per il piano cottura?

Non dimentichiamoci della pulizia del piano cottura! Quelli che di solito troviamo in cucina sono in acciaio, quindi dobbiamo fronteggiare non solo lo sporco ostinato, ma anche il calcare!

Vediamo insieme alcuni rimedi naturali che fanno al caso nostro!

Bicarbonato

Un primo composto che potremmo utilizzare per la pulizia del piano cottura è una pasta di acqua e bicarbonato.

Il bicarbonato combinato con l’acqua svolge un’azione basica leggermente abrasiva che scioglie lo sporco e lascia l’acciaio super lucido!

Vi bastano alcuni cucchiai di bicarbonato e un po’ di acqua, quanto basta per una consistenza cremosa.

Con l’aiuto di un cucchiaio spargiamola sulla superficie del piano cottura. Lasciamo agire per una decina di minuti. Dopodiché eliminare il prodotto in eccesso, risciacquare e asciugare.

Acido citrico

L’acido citrico è un composto derivante dagli agrumi dalle proprietà detergenti e anti-calcare.

Dopo aver sgrassato con una goccia di detersivo per piatti, preparate una soluzione di 150 grammi di acido citrico in 1 litro d’acqua tiepida.

Spruzzate l’acido citrico sull’acciaio e lasciate agire una decina di minuti, passando successivamente un panno in microfibra. Noterete che l’acciaio splenderà.

L’acido citrico si trova nei grandi supermercati, o anche online.

Acqua e aceto

Un antico rimedio della nonna include l’utilizzo dell’aceto bianco. Noi di solito lo utilizziamo per condire le nostre pietanze, ma la sua forza anti-calcare è ottima sia come sgrassante che lucidante.

Possiamo usarlo puro su un panno in microfibra, oppure preparare una soluzione di acqua e aceto in parti uguali.

Spruzzandolo sul piano cottura noterete che non toglierà solo il calcare, ma aiuterà a sgrassare il piano in modo efficace ed eliminerà quel cattivo odore dei cibi appena cucinati.

Sale e limone

Anche questi due rimedi naturali sono utilizzati molto nella pulizia della casa.

Il sale ha diverse proprietà, assorbe l’umidità e aiuta a rimuovere il calcare, svolgendo inoltre un’azione abrasiva.

Il limone è uno sgrassante naturale e profuma le superfici in modo eccezionale. Cospargete il piano con il sale e spremete del succo di limone.

Usando la polpa, usatela come una spugnetta per eliminare lo sporco e profumare il vostro piano cottura.

Importante!

Ricordate di staccare la corrente e chiudere il gas durante le pulizie del piano cottura. Attenetevi sempre alle indicazioni di produzione.

Altri consigli di pulizia

Ecco altri consigli molto utili per le pulizie della casa!

Giuliana Mele
Laureata in Lingue, Lettere e Culture comparate presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”. Con la danza nel cuore e nell’anima, resto affascinata da ogni forma d’arte. Divoratrice di libri e musica e da sempre appassionata di benessere, cosmetica bio e rimedi naturali.