La cura delle mani in inverno

76

L’inverno con il vento e le basse temperature mette alla prova la pelle maggiormente esposta: quella del viso (con particolare attenzione alle labbra) e quella delle mani, di cui bisogna prendersi ancor di più cura per evitare arrossamenti e screpolature.

Se per il viso è bene procedere con un make up “invernale” e per le labbra tenere a mente 3 verbi fondamentali: idratare, nutrire e lenire come comportarsi con le mani, per evitare di ritrovarsele arrossate, ruvide, screpolate e di certo non gradevoli al tatto?

Il primo consiglio è quello di indossare sempre dei caldi guanti quando si esce per proteggere le mani dagli attacchi diretti del freddo e per evitare, se si è soggetti, la comparsa dei geloni ma quest’abitudine da sola non basta ad assicurare mani morbide e levigate.

Oltre ad utilizzare dei saponi non aggressivi bisogna ricordare di idratare le mani con una crema che deve essere scelta, non solo in base al profumo (benchè sia importante perchè si portà con sè sulle mani nel corso della giornata o della serata) ma anche considerando la consistenza non grassa e la presenza di alcuni ingredienti nutrienti come lanolina, olio di jojoba, glicerina, in grado di svolgere un’azione lubrificante sulla superficie della pelle così da mantenerla morbida e di attirare l’umidità dell’ambiente (i principi attivi umettanti).

La crema va massaggiata con cura sulle mani così da farla penetrare in profondità e allo stesso tempo per favorire la circolazione; se le mani risultano già molto secche o screpolate per un rimedio d’urto semplice ed efficace si può applicare uno strato abbondante di crema la sera prima di dormire e, senza massaggiarla troppo, indossare dei guanti in lattice (quelli monouso) così da permettere alla crema di agire durante tutta la notte.

La stessa crema per le mani può essere preparata in casa utilizzando dei prodotti nutrienti ed idratanti come olio di oliva, miele,  burro di karitè o di cacao.

Frullando due cucchiai d’olio extravergine di oliva con due cucchiai di olio di mandorle dolci e quattro di acqua (quest’ultima va incorporata lentamente), un cucchiaio di miele sciolto a bagnomaria e qualche goccia di olio di lavanda si ottiene un composto nutriente per le mani da conservare preferibilmente in frigorifero o in un luogo fresco.

Per creare una crema mani fai da te si possono far sciogliere in un pentolino a bagnomaria 15 grammi di burro di karitè, 10 grammi di burro di cacao, a cui vanno aggiunti 5 grammi di olio di cocco e 3 grammi di olio di oliva, mescolando sempre il composto fino a quando il burro non si è sciolto completamente. Dopo aver versato il tutto in un contenitore che può essere chiuso ermeticamente, lasciare intiepidire e poi versare 10 gocce di olio di lavanda.

Scrub e maniluvio

Per avere mani sempre idratate e nutrite, oltre alla crema che dovrebbe essere un gesto quotidiano, una volta alla settimana o ogni 15 giorni si possono coccolare le mani con trattamenti sempre casalinghi ma che richiedono un pò di tempo in più come lo scrub e il maniluvio.

Così come per le altre parti del corpo anche quando si tratta di mani bisogna periodicamente effettuare uno scrub in grado di eliminare le cellule morte dello strato superficiale della pelle e stimolarne il rinnovamento, nonostante le mani siano lavate così di frequente.

Lo scrub per le mani può essere preparato unendo olio e zucchero da cucina in una ciotola per poi massaggiare sulla pelle bagnata di mani e polsi; dopo aver lasciato in posa per qualche minuto si risciacqua il tutto sotto acqua corrente.

Il maniluvio permette di ammorbidire la pelle delle mani e anche le cuticole e in base agli ingredienti utilizzati per prepararlo può avere anche un’azione schiarente su eventuali macchie e aiutare a regolare la sudorazione delle mani. Per un maniluvio che abbia queste tre funzioni bisogna utilizzare mezzo litro d’acqua in cui far bollire le foglie di salvia secca o fresca (utile per la sudorazione), lasciare in infusione per circa 15 minuti e poi unire un cucchiaio di zucchero di canna e due di bicarbonato di sodio (hanno funzione schiarente) e due cucchiai di avena macinata (ammorbidisce la pelle).

Nel preparato tiepido si immergono le mani e si lasciano in ammollo per 15 minuti, così da permettere ai vari elementi di agire.