Guarnizione sporca e puzzolente? Ecco come pulirla in modo efficace!

197846
guarnizione-lavatrice

La lavatrice è un elettrodomestico indispensabile in casa. Ci facilita la nostra routine domestica e, soprattutto quando una famiglia è numerosa, non si contano i lavaggi effettuati ogni giorno!

Proprio a casa di questi frequenti lavaggi, possiamo notare che in lavatrice qualcosa non va. Molto spesso il bucato non è perfetto oppure notiamo la presenza di cattivi odori.

Ciò dipende da una serie di fattori che possono essere risolti nella maggior parte dei casi con l’utilizzo di alcuni metodi casalinghi, economici ed efficaci.

La guarnizione molto spesso viene sottovalutata, ma in realtà può essere una delle cause principale di puzze e cattivi odori!

Se la vostra guarnizione è sporca ed emana cattivi odori, oggi vi mostreremo come pulirla in modo semplice ed efficace!

N.B. Vi consigliamo di seguire sempre le indicazioni fornite dal produttore. In caso di guasti o se il problema sussiste, consultate prima un tecnico.

Durante la pulizia della guarnizione, staccate la corrente per pulire in tutta sicurezza.

Pulizia profonda

Se la guarnizione della vostra lavatrice presenta sporco e cattivi odori, ciò è dovuto soprattutto all’accumulo di detersivo o ai ristagni d’acqua.

La guarnizione trattiene l’umidità e può essere anche soggetta a formazione di muffe o deterioramento. Possiamo pulirla in modo molto profondo seguendo questi due metodi fai da te.

Aceto di mele

L’aceto di mele è un valido rimedio naturale per pulire in modo efficace la guarnizione della lavatrice. Ha proprietà anti-odore e antibatteriche, pulendo in profondità.

Può esserci utile soprattutto quando lo sporco non è moltissimo, perché ci permette di prolungare la durata della guarnizione.

Basta versare qualche goccia di aceto di mele su un panno in microfibra umido e passarlo sulla guarnizione.

Per potenziarne l’efficacia, provate a combinarlo con del tea tree oil, un olio essenziale dalle proprietà anti-fungine e antimicotiche.

Così agendo, sarete in grado di prevenire la formazione della muffa.

Pasta pulente

Se lo sporco risulta più incrostato, possiamo creare una pasta pulente con altrettanti rimedi naturali: limone, bicarbonato e aceto.

Mescolate un po’ ad occhio, quanto basta per formare una pasta. Con l’aiuto di uno spazzolino umido, distribuite il composto su tutto l’interno della guarnizione.

Risciacquate e asciugate. Le proprietà antibatteriche dell’aceto sono combinate con l’azione pulente e anti-odore del bicarbonato. Il succo di limone è sgrassante e profumato.

Tutti i giorni

Inoltre vogliamo fornirvi alcuni semplici consigli da seguire tutti i giorni. La guarnizione si rovina a causa dei residui di detersivo e dei ristagni d’acqua, come abbiamo già accennato.

Perciò, dopo ogni lavaggio asciugatela con cura e lasciate l’oblò semi aperto quando possibile.

In questo modo, preverrete la formazione di muffe e la vostra lavatrice non puzzerà.

Cestello

Se siamo intenzionati a pulire e igienizzare la guarnizione, non possiamo escludere il cestello della lavatrice, soggetto a sporco ma soprattutto al calcare!

Non c’è niente di meglio che effettuare dei lavaggi a vuoto periodicamente, anche una volta al mese. Vediamo con quali metodi naturali.

Sale

Il sale si presta a molteplici usi per la pulizia della casa. Ha una notevole capacità assorbente e riduce la “durezza” dell’acqua, che può contenere molto calcare.

La presenza del calcare può rovinare con il tempo la nostra lavatrice e compromettere la riuscita del bucato.

Perciò, vi basta effettuare un lavaggio a vuoto con un chilo di sale grosso da inserire nel cestello. Usate dell’acqua molto calda per favorirne lo scioglimento.

Acido citrico

Mai sottovalutare le proprietà anti-calcare dell’acido citrico. Inoltre è un composto ecologico e biodegradabile, che rispetta noi e l’ambiente.

Non a caso è un ottimo ammorbidente naturale e possiamo usarlo anche come cura-lavatrice o cura-lavastoviglie.

Ci basta sciogliere 150 gr di acido citrico in un litro d’acqua tiepida (meglio se demineralizzata) e inserirlo nel cassetto o nel cestello.

Un piccolo trucchetto per voi: versate la soluzione su un’asciugamano, in modo che trattenga il liquido per la durata del lavaggio.

Aceto

Sull’aceto c’è un dibattito un po’ più ampio, nel quale si ritiene che non abbia un approccio molto ecologico sull’ambiente, anche se le nostre nonne lo utilizzano da sempre.

L’aceto è molto versatile: ha proprietà ammorbidenti per il bucato, elimina i cattivi odori dalla lavatrice ed è uno degli anti-calcare naturali più conosciuti.

Basterebbe inserite un litro di aceto bianco direttamente nel cestello usando una temperatura medio alta. In questo modo il cestello sarà super pulito!

Bicarbonato

Infine, possiamo utilizzare anche il bicarbonato. Pulisce in modo efficace ed assorbe i cattivi odori in tutti gli ambienti di casa!

Un cucchiaino ad ogni lavaggio salvaguardia la “salute” della lavatrice e limita la proliferazione di funghi e batteri!

Avvertenze

Ricordiamo che, in caso di guasti o problemi legati all’elettrodomestico, occorre consultare un tecnico prima di agire di propria iniziativa. Se venite a contatto con la lavatrice per pulirla, staccate la spina.

Lavatrice al top!

Se volete una lavatrice come nuova tutto l’anno, seguite i nostri consigli!

Giuliana Mele
Laureata in Lingue, Lettere e Culture comparate presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”. Con la danza nel cuore e nell’anima, resto affascinata da ogni forma d’arte. Divoratrice di libri e musica e da sempre appassionata di benessere, cosmetica bio e rimedi naturali.