Rimedi naturali per talloni screpolati

6402
talloni screpolati rimedi

I talloni screpolati sono un problema molto frequente che può avere diverse cause come poca cura dei propri piedi, una pelle molto secca, scarpe non adeguate e il caldo soprattutto in estate quando i piedi escono allo scoperto e sono maggiormente esposti al caldo e alla secchezza.

Oltre ad essere un problema estetico i talloni screpolati possono diventare anche un fastidio se i tagli da superficiali si trasformano in profondi e dolorosi.

Per prevenire il problema dei talloni screpolati bisognerebbe prendersene cura almeno una volta a settimana (in inverno si può prolungare l’intervallo tra un trattamento e l’altro) con uno scrub e applicando con frequenza la crema idratante.

Come fare se ho i talloni screpolati?

Se i talloni sono già screpolati si può ricorrere a dei rimedi naturali tradizionali a base di oli essenziali, burri ma anche prodotti come frutta e farina.

Non bisogna dimenticare poi, che proprio i talloni sono continuamente sottoposti alla pressione del peso del corpo e alla sua deambulazione, e possono raggiungere uno spessore maggiore, rispetto alla pelle delle altri parti del corpo, di 20 volte. Per tale motivo è importante prendersene cura in quanto il livello estetico, può divenire il problema minore da curare e possono insorgere veri dolori, bruciori e disagi.

Questo fenomeno è sì dovuto a disturbi ormonali, alla menopausa, ad una sudorazione non regolare o alle scarpe indossate ma, a fine estate, la maggior parte dei casi è legata al contatto con l’aria, con la forte luce e al camminare a piedi scalzi sulla sabbia, a contatto diretto con la calzatura o al pavimento: ed ecco che si verifica la conseguente ed inevitabile disidratazione degli stessi talloni, la pelle s’indurisce e si sgretola.

Oli e burro di karitè

Sono numerosi gli oli vegetali che si possono utilizzare in caso di talloni secchi e screpolati ma i più efficaci risultano l’olio d’oliva, di sesamo e di cocco. L’ideale è applicare l’olio dopo aver asciugato i piedi, insistendo sui talloni, così che la pelle risulta più ricettiva e per rendere ancora più efficace l’azione dell’olio si consiglia di indossare delle calze di cotone, preferibilmente per tutta la notte.

Il burro di karitè offre idratazione profonda della pelle e massaggiato aiuta a migliorare la circolazione: si può usare puro, riscaldato tra le mani o diluito con l’olio di mandorle dolci, applicato sui talloni asciutti dopo il pediluvio e l’uso della pietra pomice e, così come gli oli vegetali, per rendere più efficace l’azione del burro di karitè si consiglia di indossare dei calzini dopo l’applicazione.

Bicarbonato

Il bicarbonato per la cura dei piedi e dei talloni può essere utilizzato per un pediluvio emolliente e rilassante o per preparare uno scrub fai da te. Per il pediluvio basta aggiungere all’acqua calda 2-3 cucchiai di bicarbonato e 3-4 gocce di olio essenziale di lavanda e lasciare i piedi in ammollo per almeno 15 minuti; per lo scrub esfoliante (più delicato rispetto a quello preparato con il sale grosso) bisogna mescolare 2 cucchiai di bicarbonato con un pò d’acqua così da ottenere un impasto cremoso e denso con cui massaggiare i piedi e i talloni.

Farina di riso o di ceci

Sia la farina di ceci che quella di riso si possono essere utilizzate per preparare un composto esfoliante delicato da utilizzare sui talloni ma anche su tutto il piede. Basta mescolare un pugno di farina con 1 cucchiaio di olio o 2 di miele: se il composto risulta troppo denso e duro si può aggiungere un pò d’acqua perchè bisogna sempre ottenere una consistenza che permette di massaggiare lo scrub sui talloni con le dita o con una spugnetta (dopo il pediluvio).

Banane, avocado e papaya

La frutta può diventare una vera alleata per il problema dei talloni screpolati, utilizzata per realizzare un impacco nutriente. Banana, avocado e papaya sono dei frutti ricchi di vitamine ed hanno, in questo caso, anche una funzione cicatrizzante per i tagli ai talloni: basta schiacciare la polpa matura così da trasformarla in una crema da applicare sui talloni e lasciare agire per 20-30 minuti dopo dei quali si procede a risciacquare il piede. Si può utilizzare un frutto alla volta o creare un mix, aggiungendo a scelta anche qualche goccia di olio di cocco per rendere il composto ancora più idratante.

Limone

Il succo di limone è un rimedio tradizionale per i talloni screpolati: può essere applicato puro o mescolato con olio di oliva (in pari quantità) direttamente sulla zona da trattare se le lesioni non sono troppo profonde e lasciato agire per 10 minuti. In alternativa si può preparare un pediluvio semplicemente aggiungendo il succo di mezzo limone all’acqua calda.

Anche la cipolla può essere utilizzata come rimedio fai da te: prendetene 1 metà, cospargetela di sale e lasciate risposare per qualche ora. Potete poi utilizzarla come sostitutiva alla pietra pomice, in quanto lo scrub effettuato dal sale e i principi stessi della cipolla sono ideali per combattere i talloni screpolati.

Lavate i piedi con detergenti naturali che non alterino il livello di ph della pelle e prendetevene cura in modo costante e giornaliero: già con la minor esposizione ai fattori esterni estivi scatenanti, il problema andrà regredendo ma è necessario comunque agire e aiutarsi a guarire.

Alla sera fate un pediluvio a base di timo, lavanda, sali di Epsom o mentolo, con acqua calda. Asciugate poi bene i piedi ed utilizzate la pietra pomice per togliere la pelle morta, con delicatezza: non grattate la zona, soprattutto utilizzando metodi abrasivi o aggressivi, i talloni non vanno maltrattati e  la pietra pomice serve solo per eliminare gli strati superficiali.

In alternativa alla pietra pomice si possono utilizzare degli strumenti elettrici come il Velvet Soft di Dr. Scholl che abbiamo provato per voi.

Ricordate di attuare anche alcuni comportamenti preventivi o attenzioni che non peggiorino la situazione: quando camminate, appoggiate tutta la pianta del piede e non solo la punta o il tallone; asciugate sempre bene i piedi per togliere l’umidità e non indebolire la zona; lavate sempre i piedi con acqua fresca, per almeno 5 minuti al giorno, e mettete poi una crema idratante ed emolliente, soprattutto in questo periodo di sollecitazione da sandali, scarpe aperte, superfici, etc.