Come eliminare il calcare dal ferro da stiro

109386
calcare-ferro-da-stiro

La cura del bucato può essere una faccenda domestica e alquanto ostica. Quando i nostri abiti sono asciutti, in alcuni casi è necessario stirarli.

Per molti, questa faccenda non è solo stancante ma anche noiosa. Però delle volte dobbiamo rimboccarci le maniche e darci da fare!

Ma quando il ferro da stiro inizia a dare problemi, capiamo che c’è qualcosa che non va. Molto spesso a determinare un cattivo funzionamento è la presenza di calcare, sia nella caldaia che sulla piastra.

In realtà, esistono una serie di metodi casalinghi semplici ed economici per eliminare il calcare dal ferro da stiro! Vediamoli insieme!

N.B. Consigliamo di attenersi sempre alle istruzioni fornite dal produttore. In caso di guasti, consultare chi è di competenza.

Nella piastra

La piastra va trattata con cura e con attenzione, al fine di non graffiarla né rovinarla, in caso contrario potremmo compromettere la giusta riuscita del nostro stirare.

Non tutti lo sanno, ma il calcare è ostinato e può depositarsi in modo particolare tra i fori della piastra del ferro da stiro.

Periodicamente, la piastra va pulita e i fori liberati.

Cotton fioc

I cotton fioc sono un ottima alternativa casalinga per pulire a fondo i fori e facilitare la fuoriuscita del vapore.

Il calcare, infatti, tende ad ostruirli. Tale condizione impedisce al vapore di uscire fuori e allo stesso tempo rischia di rompere il ferro.

Ecco perché possiamo agire in questo modo: prendiamo un cotton fioc e imbeviamolo di aceto bianco. L’aceto ha proprietà anti-calcare e la piccola dimensione del bastoncino ci permette di raggiungere con facilità la prossimità dei fori.

Ci basta passarlo delicatamente sui buchetti della piastra e lasciar agire. Noterete la differenza!

Se la piastra è bruciata

Non dimentichiamoci che, se la piastra ha segni di bruciatura, queste macchie o incrostazioni possono ostruire la fuoriuscita del vapore.

Ci sono diversi metodi casalinghi per togliere le macchie su una piastra bruciata:

  1. in una ciotolina, mettete 2/3 cucchiai di bicarbonato e versate qualche goccia di limone per formare una pasta.
    Quando noterete le bollicine, prendere una spugna e passate la pasta sulla piastra tiepida. Risciacquate e asciugate.
  2. Con la piastra sempre calda, passate una candela. La cera aiuterà a rimuovere le incrostazioni. Sempre con la piastra calda ripassate un panno pulito per rimuovere l’eccesso.

Caldaia

Passiamo ora al serbatoio, ovvero la caldaia. Vi è mai capitato di svuotare il serbatoio e trovare dei pezzettini bianchi duri?

Ecco, quello è il calcare che si è depositato nella caldaia e che può compromettere il giusto funzionamento del nostro ferro da stiro.

Ma niente paura! Vediamo subito come eliminare il calcare dalla caldaia!

ATTENZIONE: assicuratevi sempre di staccare la spina prima di iniziare a pulire la piastra, per essere in totale sicurezza.

Aceto

Abbiamo menzionato prima le innumerevoli virtù dell’aceto per la pulizia della casa. Ha proprietà sgrassanti e anti-odore, in più svolge una potente azione anti-calcare.

Questa sua virtù completamente naturale lo rende adatto per pulire a fondo la caldaia del ferro.

Per utilizzarlo, uniamolo in parti uguali con dell’acqua. Occorre regolarvi in base alla grandezza del vostro serbatoio.

Fate arrivare a temperatura e procedete facendo uscire tutto il vapore dalla piastra. Noterete che uscirà più facilmente.

Se non amate l’odore dell’aceto, aggiungete 1/2 gocce del vostro olio essenziale preferito. Se lo desiderate, potete ripetere il procedimento inserendo solo acqua demineralizzata, per eliminare completamente le tracce dell’aceto bianco.

Acido citrico

L’acido citrico è un composto derivante dagli agrumi, che potrete trovare nei grandi supermercati, nei negozi bio e online.

Si tratta di una notevole alternativa all’aceto e ha un impatto ancora più ecologico sull’ambiente. Ha proprietà detergenti, anti-calcare e disincrostanti.

Ecco perché possiamo tranquillamente utilizzarlo per eliminare il calcare dal ferro da stiro.

Come? Ci basta sciogliere 200 grammi di acido citrico in 1 litro d’acqua tiepida (così si scioglie meglio).

Ora non vi resta che seguire lo stesso procedimento dell’aceto. Tutto va in caldaia, e con la massima temperatura va fatto uscire il vapore.

Acqua demineralizzata

Non dimentichiamoci di un ottimo rimedio casalingo per prevenire la formazione del calcare: l’acqua demineralizzata.

La troviamo in tutti i supermercati: si tratta di un’acqua privata della sua componente salina. Quindi è particolarmente indicata in situazioni in cui abbiamo bisogno di un’acqua non dura, ovvero priva di calcare.

Ecco perché utilizzarla nel ferro da stiro è un ottimo sistema di prevenzione. I panni saranno stirati più facilmente e il ferro non subirà danni.

Acqua del condizionatore

Sono molte le persone che decidono di riutilizzare l’acqua del condizionatore per stirare. Si tratta in realtà di acqua di condensa ed è priva di calcare.

Per questo motivo, saremo in grado di proteggere il nostro ferro da stiro dal calcare e sarà più facile stirare.

Attenzione: al fine di usare in tutta tranquillità l’acqua del condizionatore, assicuriamoci che:

  • non ci sono danni al sistema di raffreddamento o a componenti del condizionatore che ne altererebbero la purezza,
  • non sono stati usati detergenti chimici non ancora smaltiti dalla macchina.

Altri trucchetti di pulizia

I metodi casalinghi ci aiutano in diverse problematiche giornaliere. Ecco i nostri trucchetti per voi!

Giuliana Mele
Laureata in Lingue, Lettere e Culture comparate presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”. Con la danza nel cuore e nell’anima, resto affascinata da ogni forma d’arte. Divoratrice di libri e musica e da sempre appassionata di benessere, cosmetica bio e rimedi naturali.