Come togliere le macchie dai vestiti con metodi casalinghi

16689
come-togliere-le-macchie

In qualsiasi momento della giornata può capitare di macchiarsi i vestiti! Una cena tra amici, un caffè al volo o quel gelato che tanto desideravamo mangiare.

Basta un momento di distrazione ed ecco che il nostro vestito preferito con una bella macchia! E viene subito da pensare “riuscirò a mandarla via?”

Molto spesso si ricorrono a detersivi chimici che rischiano anche di rovinare le fibre dei nostri capi preferiti.

Ma, in realtà, esistono moltissimi metodi casalinghi e naturali per rimuovere le macchie dai vestiti in modo semplice, economico ed efficace.

Siete curiose? Iniziamo subito!

Macchie di vino

Birra

Quando, malauguratamente, la tovaglia si macchia di vino, il primo passo da fare è quello di agire in maniera tempestiva per rimuoverla.

Possiamo intervenire applicando un po’ di acqua gasata, oppure della birra. Ci basta versarne un cucchiaio sulla macchia, prendere una spugnetta e strofinare, poi asciugare.

A questo punto, possiamo procedere con il lavaggio.

Sale

In alcuni casi, soprattutto per le macchie più grandi, è possibile anche cospargerle con del sale fino.

Aspettate qualche minuto e risciacquate con dell’acqua gasata.

Il sale è un ottimo alleato per la pulizia della casa, valido anche per pulire l’argento e contro il calcare.

Acqua ossigenata

Gli infiniti usi dell’acqua ossigenata vi sorprenderanno!

Questo composto chimico naturale ha proprietà smacchianti e può essere utilizzato anche se ci sono delle macchie, come quelle di vino.

Se a sporcarsi sono tovaglie o camicie bianche, tamponatele con acqua ossigenata e un batuffolo di cotone, lasciando agire per qualche minuto.

In alternativa, potrete utilizzare il percarbonato di sodio.

Inchiostro

Le macchie di inchiostro o pennarelli sono le più ostili da rimuovere e forse quelle che si vedono più spesso, soprattutto sulle maglie dei bambini dediti ai loro momenti ricreativi.

Se si tratta di pennarelli lavabili, qualche goccia di sapone bio e acqua vi aiuterà nella rimozione della macchia.

Per quanto riguarda l’inchiostro, potete agire in due modi:

  1. Se sono macchie fresche, agite subito trattando la macchia con del sapone per piatti bio e un po’ di acqua ossigenata.
    Se sono macchie vecchie, meglio pretrattarle con acqua e percarbonato.
  2. Per un metodo più “strong”, utilizzate l’alcool denaturato. Sotto il tessuto ove presente la macchia, mettete della carta assorbente.
    A questo punto applicate poco alla volta l’alcol e noterete che il colore verrà assorbito dalla carta assorbente.

Macchie di caffè

Anche se il caffè è una bevanda piacevole, le macchie che lascia lo sono un po’ meno!

Per quelle fresche, provate a trattarle con un po’ di acqua gassata, tamponando delicatamente.

Se invece sono più ostinate, massaggiate sulla macchia un composto fatto con bicarbonato e un po’ di sapone liquido bio. Lasciate agire, spazzolate e infine procedete con il lavaggio.

Macchie di cera

Capita molto di frequente che, durante una cena tra amici, la tovaglia si macchi di cera!

Uno dei migliori metodi per rimuovere le macchie di cera dai tessuti, è quello di utilizzare carta e ferro da stiro!

Posizionate sia sotto la tovaglia che in prossimità della macchia due fogli di carta. A questo punto avviciniamo il ferro da stiro o il phon, producendo del calore.

Questo trucchetto domestico farà si che la macchia si stacchi più facilmente dalla tovaglia e aderisca al foglio.

Se ci sono degli aloni, strofinate delicatamente con un po’ di alcool e il gioco è fatto!

Macchie giallo o aloni

Alcune delle macchie più antiestetiche sui vestiti sono di sicuro gli aloni e le macchie gialle su camicie o altri capi!

Inoltre, può risultare difficile togliere queste macchie. In più, l’utilizzo di prodotti chimici come la candeggina possono contribuire a rovinarne le fibre, non migliorando la situazione!

Ecco alcuni metodi che potranno esservi utili avere camicie belle e pulite!

Aceto bianco

Uno dei metodi casalinghi più utilizzati per favorire il bianco dei tessuti è utilizzare l’aceto, ottimo per le pulizie della casa.

Prendete una bacinella e riempitela con dell’acqua calda. Aggiungete 1 cucchiaio di aceto bianco, potete scegliere quello di vino o anche l’aceto bianco di alcol.

Immergete la vostra camicia e lasciatela in ammollo per almeno 30 minuti. A questo punto, strizzate il capo e create una pasta con:

  • 2 cucchiai di bicarbonato
  • 2 cucchiai di sale
  • acqua ossigenata q.b.

Il composto dovrà avere la consistenza di una pasta. Applicate il tutto sulla macchia e con l’aiuto di una spazzola morbida (o uno spazzolino) strofinate in modo delicato, per non rovinare il tessuto.

A questo punto risciacquate!

Il sale combinato con il bicarbonato e l’acqua ossigenata vi consentirà di schiarire gli aloni gialli dalle camicie in modo ecologico e biodegradabile.

Acqua e limone

Una combinazione naturale per schiarire gli aloni e le macchie gialle consiste nel diluire in una ciotola d’acqua il succo di 1 limone.

Con una spugna morbida, tamponate la macchia e lasciate agire.

Sbiancante fai da te

Potrete inoltre provare a preparare un detersivo sbiancante e dall’azione smacchiante a casa vostra.

Mescolate 60 gr di percarbonato con 40 ml di acqua calda, a cui aggiungerete 30 grammi di detersivo bio per il bucato e 140 grammi di bicarbonato.

Questa dose è abbastanza abbondante, se le macchie da trattare sono piccole potete dimezzarla.

Il composto può essere lasciato riposare per qualche minuto, noterete che si gonfierà. Il composto può essere applicato con uno spazzolino sugli aloni da trattare.

Dopo il trattamento, senza risciacquare, via in lavatrice a 30°/40° gradi.

Per capi ingrigiti o ingialliti dal tempo

Quando i vestiti restano per molto tempo in armadi, cassetti o scatole, possono diventare grigi o presentare degli aloni gialli.

Per farli tornare belli come un tempo, ecco come possiamo agire:

  • A mano: nella bacinella d’acqua tiepida, sciogliete 2 cucchiai di percarbonato di sodio e mettete in ammollo i capi in questione.
  • In lavatrice: potete aggiungere 1 o 2 cucchiai di percarbonato al solito lavaggio. Se necessario, aggiungete 1 cucchiaio di detersivo per il bucato se i capi sono molto sporchi.

La temperatura del lavaggio deve essere almeno di 30 gradi. La temperatura favorirà l’azione del percarbonato.

In alternativa, potrete pre-trattare il vostro capo con del Sapone di Marsiglia, da applicare direttamente sulla macchia.

L’azione delicata ma smacchiante del Sapone vi aiuterà a ritrovare bellezza nei vostri capi.

Macchie d’erba

Ancora una volta, possiamo utilizzare questi metodi casalinghi per rimuovere perfino le macchie di erba.

Il più comune, consiste nell’usare il Sapone di Marsiglia. Il capo va pretrattato con questo sapone dai mille usi prima del passaggio in lavatrice. Questo metodo si presta in modo particolare per le macchie fresche.

Se invece parliamo di macchie “vecchie”, possiamo provare a pretrattarle con qualche goccia di acqua ossigenata e acqua normale in parti uguali.

Succhi di frutta

Per quanto siano dissetanti e saporiti, i succhi di frutta sono anche molto “colorati”, basti pensare al succo di mirtillo!

Ma come possiamo agire per togliere le macchie di succhi dai vestiti?

Se le macchie sono fresche, vi basterà provare a rimuoverle con dell’acqua gassata. L’ossigeno creerà una reazione che vi aiuterà a rimuovere la macchia.

Se la macchia è secca, niente paura: andate con ammollo in acqua e aceto!

Macchie d’olio o di grasso

Se desiderate eliminare le macchie di olio dai tessuti, agite subito in questo modo:

Mettete dell’amido di mais (o anche del borotalco) e lasciate che questa polvere assorba il più possibile l’unto. Prendete dopo un po’ una spazzola ed eliminate l’eccesso.

A questo punto, pretrattate leggermente la macchia con acqua e detersivo per piatti biologico. Poi dritti in lavatrice!

Per le macchie di grasso, invece, potete iniziare a sciogliere lo sporco con del detersivo per i piatti e poi procedere con un mix di acqua ossigenata e percarbonato di sodio.

Parliamo soprattutto di quelle macchie di grassi derivate dall’olio motore.

Macchie di sangue

Per quanto riguarda le macchie di sangue, sarebbe meglio eliminarle quando sono ancora fresche, senza aspettare che si secchino.

Importante: meglio utilizzare sempre acqua molto fredda e non lasciare per troppo tempo in ammollo i vestiti, poiché la temperatura renderebbe le macchie impossibili da rimuovere, oltre al fatto che le farebbe “estendere”.

Da fresche, già l’acqua fredda aiuterà a rimuoverle. Lo stesso metodo è valido anche per le macchie secchie, pretrattate con del sapone di Marsiglia.

Oppure, tamponare con dell’acqua ossigenata al 3%, lasciare agire, pretrattare con sapone di Marsiglia e procedere a un ammollo in acqua fredda veloce.

La stessa acqua ossigenata si rende utile anche per le macchie dei materassi.

Macchie di rossetto

Quando le macchie sono fresche, prendete un pezzetto di mollica e tamponatele per rimuovere l’eccesso, prima di usare acqua e sapone.

Questo metodo può essere utile anche per le macchie di altro prodotti make-up, come mascara o fondotinta.

Acqua

Ebbene sì! Anche l’acqua può lasciare delle macchie, soprattutto se sono tessuti in seta o molto delicati.

Come rimuoverle? Usate il cremor tartaro, agente lievitante tipico dei dolci alti e soffici. Cospargete la macchia con questa polvere lievitante, lasciate agire e con uno spazzolino morbido rimuovete il tutto.

Chewing Gum

Sì, è davvero molto brutto ritrovarsi un chewing gum sui nostri jeans preferiti! Menomale che i rimedi della nonna ci salvano sempre!

Potete risolvere in due modi: il più comune è noto è quello di passare del ghiaccio, in modo da far indurire la gomma da masticare e facilitarne la rimozione.

O, in alternativa, tamponare la zona con dell’aceto bianco e fare uno scrub con i fondi di caffè, in modo da rimuovere delicatamente il chewing gum.

Macchie di sugo

Per quanto sia saporita la pasta al pomodoro, meno entusiasmanti sono sicuramente le macchie di sugo!

Infatti potremmo risolvere usando dell’acqua fredda insieme a del sapone per i piatti. Se restano degli aloni, la cara acqua ossigenata ci darà una mano.

Una valida alternativa è quella di spruzzare dell’acqua fredda direttamente sulla macchia e coprirla con del bicarbonato, lasciandola agire per una ventina di minuti e poi procedere con il lavaggio.

Anche qui, l’uso dell’acqua fredda è importantissimo.

Avvertenze

Questi sono metodi ecologici e naturali per rimuovere le macchie dai vestiti in modo economico ed efficace. Attenersi però sempre alle indicazioni di lavaggio, in modo da non rovinare il capo.

Altri consigli di pulizia

Se vi piacciono i metodi casalinghi per la cura della vostra casa, potete provare:

Giuliana Mele
Laureata in Lingue, Lettere e Culture comparate presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”. Con la danza nel cuore e nell’anima, resto affascinata da ogni forma d’arte. Divoratrice di libri e musica e da sempre appassionata di benessere, cosmetica bio e rimedi naturali.