Come pulire borse e cappelli di paglia senza rovinarli!

317
come-pulire-borse-paglia

In estate, insieme ai nostri abiti, tendiamo ad utilizzare anche accessori fatti di materiali leggeri e freschi, quali cappelli e borse in paglia, adattabili ad ogni outfit, perché eleganti e casual allo stesso tempo.

La paglia, però, necessita di essere pulita con cura perché molto delicata e non sono rari i casi in cui ci ritroviamo addirittura la muffa sotto.

Perciò, oggi vedremo insieme alcuni trucchetti e rimedi casalinghi per pulire borse e cappelli in paglia senza rovinarli.

Prima di iniziare

Prima di procedere con la pulizia del vostro cappello o borsa di paglia, è importante ricordare che non bisogna mai metterli in ammollo, anche se la tentazione è forte.

La paglia, infatti, immersa nei liquidi potrebbe deformarsi e restringersi. Qualche eccezione è possibile per la paglia di più alta qualità, quale la rafia e il baku, ma in linea generale è meglio sempre evitare.

Prima di trattare un accessorio in paglia, ricordatevi inoltre di controllare sempre l’etichetta di lavaggio per evitare di rovinare le fibre del materiale.

Sapone di Marsiglia

Il primo rimedio che vogliamo proporvi consiste nell’utilizzare il sapone di Marsiglia, un ingrediente noto per le sue proprietà pulenti e sgrassanti molto delicate, che lo rendono adatto quasi per ogni materiale.

Il procedimento è molto semplice, in quanto tutto ciò che dovrete fare è aggiungere un po’ di sapone di Marsiglia in una bacinella contenente acqua tiepida e lasciare che si sciolga del tutto.

Dopodiché, immergete un panno nella miscela così ottenuta, strizzatelo bene fino a renderlo solo umido e non bagnato e passatelo, poi, sul cappello o sulla borsa di paglia strofinando delicatamente fino ad inumidire in maniera omogenea ogni parte.

Infine, passate un panno inumidito con sola acqua in modo tale da rimuovere i residui di sapone e lasciate asciugare all’aria aperta.

Ah dimenicavo... se ti piacciono questi rimedi puoi riceverli ogni giorno direttamente su WHATSAPP! Ecco come fare.. ti aspetto!

Ricordatevi, però, che se la borsa o il cappello sono colorati, è meglio farli asciugare all’ombra; se, invece, è bianca o di colore naturale, potete anche lasciarla al sole.

Inoltre, è importante rispettare sempre la forma naturale dell’accessorio senza stenderla in modo da deformarla.

Vi consigliamo, infatti, di appoggiare il cappello su una forma per cappelli o su un oggetto di forma sferica, e di riempire la borsa con un asciugamano arrotolato o con della carta appallottolata.

Succo di limone

Il limone è un agrume molto noto nella pulizia domestica ecologica per le sue numerose proprietà combinate con l’odore inebriante che rilascia.

Grazie, infatti, al potere sgrassante, sbiancante e schiarente, il succo di limone può essere utilizzato per pulire la paglia chiara, ingiallita con il passare del tempo e a causa della sovraesposizione al sole.

Preparate, quindi, una miscela formata da acqua e succo di limone in parti uguali e immergete, poi, al suo interno un panno pulito. Per un effetto più efficace, potete anche aggiungere due cucchiaini di sale e farlo sciogliere completamente nella soluzione.

Strizzatelo fino a rimuovere l’eccesso di acqua, dopodiché passatelo sulla superficie del cappello o della borsa in paglia.

Lasciate agire per circa 10 minuti, dopodiché ripassate un altro panno inumidito solo di acqua e lasciate asciugare all’aria aperta lontano dai raggi solari o da fonti di calore se la paglia è colorata.

Aceto bianco

L’aceto bianco, invece, ha la funzione di ravvivare i colori naturali e, per questo, viene utilizzato spesso per evitare di sbiadire i capi durante il lavaggio e mantenere il loro colore originario.

Ma sapevate che è utile anche per ravvivare la pigmentazione naturale della paglia che costituisce i vostri accessori?

Tutto ciò che dovrete fare è immergere un pennello in un po’ di aceto e spennellare, poi, sul cappello o sulla borsa fino a quando sarà bagnata in maniera uniforme.

Noterete che i colori saranno subito ravvivati e i vostri accessori vi sembreranno come nuovi.

N.B Ricordatevi, però, di utilizzare solo l’aceto di vino bianco, perché quello rosso potrebbe causare macchie.

In caso di macchie

Se il vostro cappello o la vostra borsa dovessero presentare delle macchie, allora questo è il rimedio che fa per voi!

Mescolate 1 cucchiaio di acqua ossigenata e un cucchiaio di acqua tiepida fino ad amalgamare gli ingredienti.

Immergete, poi, uno spazzolino da denti a setole morbide nella soluzione così ottenuta e strofinate delicatamente sulla macchia da rimuovere.

Infine, tamponate con un asciugamano bianco inumidito con acqua e lasciate asciugare all’aria completamente prima di indossarlo.

Per macchie più oleose, invece, cospargete la macchia con amido di mais o borotalco in modo da assorbire l’olio. Lasciate agire per alcune ore, poi spazzolate fino a rimuovere la polvere.

N.B Vi ricordiamo di utilizzare l’acqua ossigenata solo sulla paglia chiara e di non utilizzarla mai su quella scura o colorata perché potrebbe sbiadirla.

Come evitare la formazione della muffa

Una volta visto come pulire i cappelli e le borse di paglia, vediamo insieme alcuni accorgimenti utili per evitare la formazione della muffa sotto.

La paglia, infatti, tende ad ammuffire per eccesso di umidità e laddove si accumula la condensa al suo interno.

Per evitare che ammuffisca, è importante quindi lasciarla sempre asciugare bene dopo averla lavata o dopo averla utilizzata per la spiaggia, dove si impregna di sabbia e acqua. Inoltre, è bene conservarla sempre in un ambiente secco e tiepido.

Se, invece, state conservando gli accessori durante la stagione invernale per sfoggiarli, poi, in estate, allora vi raccomandiamo di conservarli in alcuni sacchetti e riporli, poi, nell’armadio.

Lasciate, però, arieggiare l’armadio di tanto in tanto e posizionate una ciotola contenente sale negli angoli così da assorbire l’umidità in eccesso.

Avvertenze

Vi ricordiamo di leggere bene l’etichetta prima di procedere con i rimedi indicati. Inoltre provate i metodi in un angolo nascosto per vedere come reagisce il materiale.

Altri consigli per il mare

Se volete altri consigli per il mare e la spiaggia, vi suggeriamo altri post interessanti:

Nata a Napoli, sono laureata in Lingue e comunicazione interculturale. Appassionata di lettura, di musica, di serie tv e di tutto ciò che riguarda la bellezza, la cosmesi naturale, e il benessere green.