5 Cose che devi assolutamente pulire quanto torni dalle vacanze

12728
pulizie-rientro-vacanze

È triste dirlo, ma ogni vacanza deve giungere al termine. L’estate è ancora qui e molti partiranno, ma settembre è sinonimo di “rientro dalle vacanze“.

Questo rientro è ancora più traumatico, quando ad aspettarci a casa ci sono tantissime cose da pulire e sistemare!

Balcone, persiane o tapparelle, bucato o macchina… Quando rientriamo sono inevitabilmente sporchi.

Ma vediamo insieme queste 5 cose che dobbiamo assolutamente pulire quando torniamo dalle vacanze, in modo da distribuire al meglio il nostro tempo e poi dedicarci al relax!

N.B. Seguite sempre le indicazioni fornite dal produttore per eseguire al meglio il lavaggio dei vari ambienti.

Balcone

Il primo ambiente di casa che notiamo subito è di sicuro il balcone. Purtroppo, nel periodo più o meno lungo in cui siamo state assenti, polvere e smog si depositano su pavimenti e ringhiere e a volte è una vera faticaccia!

Ringhiere e balaustre

La prima cosa da fare è spolverare le ringhiere e le balaustre, con uno spolverino o una spazzola morbida. Questo passaggio è importante per eliminare la polvere in eccesso, altrimenti con l’acqua potrebbe fissarsi sul materiale.

Le ringhiere sono costituite molto spesso in ferro. Per pulirle, possiamo optare per una soluzione di acqua e aceto in parti uguali, aggiungendo un po’ di succo di limone.

Se vogliamo nutrirle, passiamo un po’ di olio di oliva e la polvere scivolerà dalle ringhiere!

Se le balaustre sono in marmo, siate delicate: prendete un secchio d’acqua e sciogliete 4 cucchiai di sapone di Marsiglia in scaglie. Con l’aiuto di una spazzola morbida, rimuovete lo sporco e il grasso.

Risciacquate e asciugate con cura.

Le avete ringhiere o componenti in vetro, per eliminare aloni d’acqua e sporco usate sempre aceto e acqua. Risplenderanno!

Segni dei vasi

Prima di passare alla pulizia dei pavimenti, avete sicuramente trovato dei segni lasciati dai vasi che contengono le vostre piante!

Per eliminare le macchie dei vasi, potete fare una pasta di bicarbonato e acqua, applicarla sulla zona con uno spazzolino da denti e risciacquare.

Oppure mezzo bicchiere di aceto bianco in un litro d’acqua da spruzzare sulla zona da trattare.

Pavimenti esterni

Non dimentichiamoci del pavimento, che sarà molto sporco a causa anche di vasi e piante!

Nella maggioranza dei casi, il pavimento del balcone è in cotto, materiale bello ma molto assorbente. Meglio agire prontamente con un po’ di acqua e aceto in parti uguali, in modo che l’aceto elimini il calcare.

Se avete un pavimento in grès o ardesia, usate:

  • 1 tazza di sapone di Marsiglia ridotto in scaglie
  • 2 tazze di aceto bianco
  • 1 tazza di bicarbonato
  • 1 secchio colmo di acqua calda.

Sciogliete bene tutti gli ingredienti e con una scopa da esterni applicate la soluzione al pavimento. Strofinate bene per poi risciacquare con acqua pulita e asciugare.

Ciottoli

Se avete un terrazzo e i ciottoli, non c’è niente di meglio che la sola acqua per pulire ed eliminare lo sporco ostinato.

Se ne avete la disponibilità, potete servirsi dell’idropulitrice per sgrassare meglio.

Persiane

Dopo il rientro dalle vacanze, le persiane, come il balcone, hanno accumulato parecchio sporco nei giorni in cui siamo state via.

Anche in questo caso, spolveratele sempre prima di usare l’acqua!

In alluminio

Persiane in alluminio: mescolate acqua e aceto in parti uguali, aggiungendo qualche goccia di detersivo per i piatti, in modo da sgrassarle per bene. L’aceto farà da anticalcare ed eliminerà eventuali aloni.

Ma se le persiane sono in alluminio verniciato, agite così: sciogliete un po’ di sapone di Marsiglia in acqua tiepida e aiutatevi con un panno in microfibra per rimuovere polvere e sporco!

PVC o plastica

Per le persiane in plastica o PVC, potete usare il vapore per sgrassarle, igienizzarle e lucidarle!

Se non avete l’idropulitrice, potete anche in questo caso usare un po’ di Sapone di Marsiglia sciolto in acqua. Il panno in microfibra vi aiuterà!

Persiane in legno

Per le persiane in legno potete usare:

  • sapone per i piatti: 2 cucchiai in un secchio d’acqua. Sceglietela tiepida per sciogliere bene lo sporco;
  • aceto bianco: mezzo bicchiere in un secchio d’acqua.

In entrambi i casi non utilizzate spugnette abrasive, altrimenti rischierete di graffiare il legno. Potete passare un po’ d’olio d’oliva per nutrire il materiale e lucidare il legno.

Tapparelle

C’è chi ha le persiane, chi invece ha le tapparelle! Come pulirle perfettamente?

Ricordate sempre si spolverarle prima.

Se le tapparelle sono in legno, usate un paio di cucchiai di Sapone di Marsiglia sciolti in una bacinella d’acqua tiepida.

Per le tapparelle in plastica, aggiungiamo al mix di acqua e sapone di Marsiglia un po’ d’aceto. Questo metodo è particolarmente indicato per le tapparelle bianche. Saranno subito sgrassate!

Per il PVC il metodo migliore è il vapore (o di nuovo acqua e sapone). Per quelle in alluminio fate una pasta con bicarbonato quanto basta e un po’ di succo di limone. Applicate e risciacquate.

Per le cinghie, usate un panno in microfibra imbevuto con acqua e aceto.

N.B. Provate i rimedi indicati prima su una zona nascosta, per vedere se il materiale tollera il rimedio. Assicuratevi di poter pulire le tapparelle in totale sicurezza.

Bucato

Ebbene sì! Le valigie ci aspettano lì, ansiose di poter essere aperte! Il bucato deve essere lavato accuratamente, soprattutto quando non si ha avuto la possibilità di lavarlo durante le vacanze.

Ricordate di leggere bene l’etichetta dei vostri capi, in modo da non rovinarli durante il lavaggio. La biancheria sempre meglio lavarla ad alte temperature per garantirne l’igiene!

Capi neri

Se i vostri capi sono neri, abbiamo alcuni consigli utili per voi!

Per prima cosa, non lavatevi ad alte temperature, perché rischiate di sbiadirne il colore. Meglio prediligere lavaggi delicati e con centrifuga dolce.

Scegliete il detersivo liquido invece che quello in polvere, per evitare residui. Quando li stendete, fatelo al rovescio e lontano dal sole.

Se hanno degli aloni bianchi o delle macchie di sudore, inumidiamo la zona e cospargiamola con del sale. Lasciamo agire per qualche minuto, eliminiamo il grosso con la spazzola e procediamo con il consueto lavaggio!

Un po’ di sale durante il lavaggio vi aiuterà a diminuire la durezza dell’acqua e a far risaltare il nero dei vostri vestiti!

Capi colorati

Quando lavate i colorati, usate sempre temperature comprese fra i 30° e i 40°. Può essere utile mettere mezzo bicchiere di aceto ad ogni lavaggio.

L’aceto ha proprietà ammorbidenti e aiuta a fissare i colori, che risulteranno più vividi e le fibre più soffici.

C’è chi consiglia anche un lavaggio freddo a mano, sciogliendo un po’ di sapone di Marsiglia per eliminare eventuali macchie!

Capi bianchi

Vi sarà sicuramente capitato di sporcare il vostro vestito bianco preferito. O di ritrovarlo ingiallito dopo l’esposizione al sole.

Il metodo migliore è di sicuro il percarbonato di sodio, che ci aiuta a sbiancare i panni senza usare la candeggina!

Mettetene mezzo misurino direttamente in lavatrice o durante il lavaggio a mano. L’importante è che l’acqua sia ben calda, necessaria per attivare il percarbonato!

Altrimenti potete usare un po’ di aceto bianco in lavatrice o da aggiungere alla vostra bacinella da bucato!

Automobile

Ultima ma non meno importante: l’automobile. Dopo le vacanze, sarà sicuramente piena di polvere ma anche sabbia!

Per prima cosa, rimuovete i tappetini e se ne avete la possibilità eliminate la maggioranza di sporco e polvere con un aspira-tutto.

Inoltre il bicarbonato potrà esservi molto utile se vorrete eliminare macchie da tappetini o sedili in tessuto. Ha proprietà assorbenti ed elimina i cattivi odori. Potete creare una pasta con un po’ d’acqua quanto basta e applicarla per qualche minuto sulle macchie.

N.B. Seguite attentamente le indicazioni di produzione prima di iniziare la pulizia.

Per i vetri, non c’è niente di meglio che lavarli con 100 ml di aceto bianco in 1 litro d’acqua. Per il cruscotto, servitevi di un panno cattura polvere.

Avvertenze

Abbiamo visto ben 5 cose da pulire una volta tornati dalle vacanze. Prima di iniziare, leggete bene l’etichetta dei vestiti o seguite le indicazioni di produzione per non rovinare le superfici che vorrete trattare.

Agite prima su un angolo nascosto, per capire se la superficie tollera il rimedio.

Ma non è finita qui!

Al rientro dalle vacanze, ci sono anche altre cose da pulire! Leggete i nostri articoli per approfondire!

Giuliana Mele
Laureata in Lingue, Lettere e Culture comparate presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”. Con la danza nel cuore e nell’anima, resto affascinata da ogni forma d’arte. Divoratrice di libri e musica e da sempre appassionata di benessere, cosmetica bio e rimedi naturali.